Immigrazione, la ricetta di Piero De Luca

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
8
Stampa
de_luca_piero_immigrazione_1L’ Avvocato Piero De Luca, referendario presso la Corte di Giustizia dell’ Unione Europea, ha aperto i lavori del convegno “Europa e Mezzogiorno tra identità e nuove culture-La difficile sfida del Governo dell’ accoglienza” che si è svolto nel pomeriggio di ieri,  venerdi’ 5 febbraio, nel salone Bottiglieri di Palazzo Sant’Agostino a Salerno.

“  Il tema al centro del convegno di oggi pomeriggio è di assoluta attualità, e non è semplice affrontarlo dalla prospettiva europea, in un momento storico in cui tutti gli occhi sono puntati proprio contro l’Europa per le sue reali o presunte inefficienze-ha esordito Piero De Luca- La gestione del fenomeno migratorio in ambito comunitario impone di affrontare politicamente tre aspetti diversi tra loro.

 

de_luca_piero_immigrazione_2Anzitutto, il problema della protezione delle frontiere esterne da arrivi illegittimi, e quindi la prevenzione e il contrasto rafforzato dell’immigrazione illegale e delle reti di trafficanti. Poi, la tematica relativa al cosiddetto “governo dell’accoglienza”, ossia alla gestione efficace dei flussi di migranti che giungono sui territori degli Stati membri e all’equo trattamento dei cittadini dei paesi terzi trattenuti nei centri di accoglienza. Infine, la problematica legata ad un aspetto di carattere sociale e politico di cui si parla troppo poco ma che si rivela essenziale per il futuro dell’Europa, ossia l’integrazione nelle nostre società dei tanti migranti che sono entrati regolarmente o che soggiornano legalmente nei vari Stati membri perché hanno ottenuto lo status di rifugiati o altra protezione internazionale.

In tutti questi ambiti-ha proseguito Piero De Luca- il bilancio delle azioni che l’Unione ha messo in campo negli ultimi anni è stato obiettivamente fallimentare. Il nostro Paese è stato a lungo lasciato da solo a presidiare le proprie coste, ma anche a curarsi dell’accoglienza, dell’identificazione, delle domande di asilo e eventualmente del rimpatrio degli oltre 320 000 migranti che sono giunti dal Mediterraneo negli ultimi due anni.  In questo quadro, sono ampiamente condivisibili le battaglie che il Governo sta portando avanti con i partner europei per ottenere un sostegno concreto nella gestione comune ed integrata di un fenomeno di proporzioni epiche che rischia di mettere a dura prova la tenuta politica e sociale delle nostre comunità.

D’altro canto, la soluzione delle problematiche sopra citate non può consistere nell’abbandonare al loro destino i Paesi in difficoltà, chiudendo le frontiere o ergendo muri e barriere. L’idea di Europa unita e solidale che abbiamo non può permettersi deroghe generalizzate e sistematiche alle regole di Schengen, a meno di non voler minare l’essenza stessa e il simbolo più forte dell’integrazione europea e della fiducia reciproca tra i popoli e i governi continentali, su cui si fondava il progetto di Altiero Spinelli degli Stati Uniti di Europa rievocato qualche giorno fa anche dal Premier Renzi a Ventotene.

Un’Europa seria e responsabile-ha concluso Piero De Luca-deve invece porre rimedio anzitutto a norme e procedure ormai anacronistiche quali quelle del Sistema di Dublino, che fanno ricadere solo sugli Stati di primo arrivo l’onere di analizzare le domande di asilo e farsi carico della successiva accoglienza dei rifugiati, concretizzando così gli accordi (finora lettera morta) sulla ripartizione per quote dei rifugiati (dovevano esserne trasferiti 160 000 dall’Italia e dalla Grecia, ma solo un centinaio sono stati finora redistribuiti).

Ma deve poi decidersi anche a realizzare in Italia e in Grecia i famosi hotspots europei, per una gestione finalmente condivisa dell’accoglienza, dell’identificazione e dei rimpatri. Infine, dovrà inaugurare una grande stagione di azioni mirate a rafforzare il grado di integrazione sociale e culturale di tutti i cittadini extra UE che soggiornano legalmente negli Stati membri, esigendo però al contempo estremo rigore e massimo rispetto per i nostri diritti fondamentali e i nostri valori di democrazia, tolleranza, laicità dello Stato, libertà di espressione e religione, non discriminazione e rispetto delle minoranze.Non vedo altro modo per continuare a coltivare un processo di integrazione europea che si ispiri davvero al motto “uniti nella diversità” e rilanci il progetto di un’Europa che sia punto di riferimento politico e culturale nel mediterraneo e nel panorama internazionale”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

8 COMMENTI

  1. E’ inutile che mettiate il bavaglio a chi contesta la logica di pubblicizzare questa persona. Non serve e non servirà a nulla. Abbiate la bontà di pubblicare chi non la pensa come voi

  2. Servi di salernonotizie, cosa bisogna fare per la pagnotta.
    Ora basta giocare con il giornaletto, tutti in divisa a spolverare e a lucidare pavimenti.

  3. La solita propaganda che ci ripropone sistematicamente ed in tutte le salse i soliti due personaggi per i quali, viene proverbialmente redatto un dossier delle loro seppur interessanti iniziative, ma prive di autorevolezza politica.
    Una spasmodica ricerca di visibilità’ elettorale, sistematicamente e pacchianamente poi amplificata da articoli rindondanti di parole e dati da renderli pedanti volendo artificiosamente sottolineare le competenze del relatore che rimangono, per questo, dubbie e Prive, appunto, della necessaria autorevolezza.

  4. Che vergogna a livello professionale, mi sento in imbarazzo per voi di salernonotizie

  5. CARO DE LUCHINO,ORA TE LA DICO IO LA RICETTA DELLA NONNA PER L’IMMIGRAZIONE CLANDESTINA.MANDARE A CALCI IN BOCCA A CASA,RENZI E TUTTA LA BANDA DI FIGHETTI BUONISTI RADICAL CHICH,CHE STANNO ROVINANDO L’ITALIA(LO HA CAPITO ANCHE LA U.E.).IMBARCARE A MIGLIAIA I FINTI PROFUGHI,CON IPAD E IPHONE 6,SU NAVI E AEREI,BLOCCO NAVALE E AREO DAVANTI ALLA LIBIA.ACCOGLIAMO SOLO I VERI PROFUGHI CHE SONO SOLO UNA PICCOLA PERCENTUALE CHE NON SUPERA NEANCHE IL 10%.TUTTI I MILIONI DI EURO CHE LO SCIAGURATO GOVÈRNICCHIO RENZI BUTTA NEL CESSO PER I CLANDESTINI,VADANO AI NS.GIOVANI DISOCCUPATI E A TUTTE LE FAMIGLIE ITALIANE IN DIFFICOLTÀ!!! CARA DE LUCHINO IMPARA DA PAPÀ,POCO CHIACCHIERE!!!

  6. Con i tagli alle Province e la difficoltà’ di reperire fondi da spendere per le strade e l’edilizia scolastica nel nostro territorio, si accerti che sia stato versato il fitto per il salone Bottiglieri.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.