Edilizia ferma da tempo nel salernitano, il grido d’allarme della CGIL

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa

Operaio_lavoro_cantiereMentre il medico studia, l’ammalato muore: sembrerebbe una frase fatta, un modo di dire quasi strumentale, ma purtroppo in edilizia non è così. La provincia salernitana è ormai ferma da tempo. Cantieri non se ne aprono e continua la fuoriuscita dal processo produttivo di Imprese e lavoratori. Questo quanto denunciato in una nota da Luigi Adinolfi – Segretario Generale FILLEA CGIL Salerno che aggiunge: “Un quadro devastante, che da tempo denunciamo (dal lontano 2008), in cui sembra che lo Stato, la Regione Campania e la stessa Amministrazione Provinciale (esiste ancora???) non ne abbiano preso ancora atto”.

“Gli investimenti, l’Edilizia Scolastica, gli interventi sul dissesto idrogeologico, la lotta ai ritardi endemici di una burocrazia soffocante, la lentezza della Giustizia, temi sventagliati pomposamente ai quattro venti, restano soltanto annunci spocchiosi e sontuosi di solo ordine elettorale e propagandistico. La triste telenovela che ormai assistiamo dei sequestri, dissequestri e di nuovo sequestri che sta caratterizzando il travagliato percorso di realizzazione del Cantiere “Porta Ovest” ne è una triste testimonianza”.

“Non intendiamo assolutamente entrare nel merito giuridico (è un ruolo che non ci compete) ma restiamo alquanto basiti e soprattutto amareggiati dal fatto che, ad oggi, se ci sono delle responsabilità non sono ancora venute fuori. Per questo – continua Adinolfi – chiediamo che si faccia piena luce ma che si faccia presto. Lo chiedono i lavoratori (quasi un centinaio) fermi ormai dal mese di Giugno 2015, lo chiedono i contribuenti salernitani”.

“Non vorremmo rischiare di avere un altro rudere nel bel mezzo della città senza che emergano palesemente le responsabilità. Se qualcuno ha sbagliato è giusto che paghi ma risolviamo una volta per tutte e portiamo avanti l’Opera, evitando l’ennesimo fallimento e la perdita di Fondi Europei”.

“Ed a proposito dell’ammalato che muore, dobbiamo purtroppo registrare il decesso di un lavoratore edile di 55 anni in un Cantiere presso il cimitero di Battipaglia. Non si tratta del classico infortunio sul lavoro, ma di un infarto mentre stava lavorando. Ciò apre un altro tema antico ed importante che la Fillea CGIL persegue da sempre: il riconoscimento del lavoro usurante in edilizia che nè la Legge Fornero nè tantomeno il Job-Act hanno saputo ma soprattutto voluto regolare”.

Luigi Adinolfi – Segretario Generale FILLEA CGIL Salerno

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.