Salerno: addio al cavaliere della pasta, muore Peppino Amato

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
12
Stampa

cavaliere-peppino-amatoÈ morto Giuseppe Amato: il cavaliere patron dell’ex pastificio Amato è morto mentre era in vacanza a Castellabate. Già presidente dei pastai italiani e presidente degli industriali della Campania, Amato fu proclamato cavaliere del lavoro nel 1982 ed aveva  rivestito le cariche di presidente dei pastai italiani e di leader degli industriali della Campania, ruoli esercitati senza clamori: mai un antagonismo, un rancore, una spina da togliersi. E’ stato il volto  di un´azienda florida e vincente ma ne ha visto purtroppo anche il declino.

cavaliere amatoQuesta la motivazione quando nel 1982 divenne CavaliereEntrato giovanissimo nella vita economica salernitana quale procuratore dell’azienda commerciale familiare, passò all’attività industriale allorché divenne, alle soglie degli anni ’50, socio della Rinaldo & C. di Salerno e della Lucio Garofalo di Gragnano, entrambi antichi molini e pastifici. Amministratore Delegato delle predette società, concorse a portarle in breve a livello di notevole produttività affiancando ad esse un impianto industriale quanto mai avanzato: nel 1958 diede vita infatti, attraverso ampliamenti ed ammodernamenti praticamente continui alla “”Antonio Amato & C. Molini e Pastifici S.pA.””, il più importante e produttivo impianto del Mezzogiorno, nel settore, e tra i primissimi in campo nazionale ed europeo. Nel campo della lavorazione dei marmi pregiati, Giuseppe Amato è stato socio fondatore della Universal Granit S.p.A. (1968), moderna ed efficiente azienda in Ceccano (Frosinone). Nel campo bancario, oltre ad essere stato socio fondatore della Banca Popolare S. Matteo, in Salerno, è Consigliere generale del Banco di Napoli, e Vice Presidente della Banca del Cimino, con sede in Viterbo. Nel campo benefico, prosegue l’opera dello zio, Cavaliere del Lavoro Antonio Amato scomparso nel gennaio 1979, sostenendo la moderna e confortevolissima casa materna “”Domenico Amato”” nel paese natale di San Cipriano Picentino, dove i bambini delle famiglie meno abbienti della zona vengono assistiti ed istruiti del tutto gratuitamente. E’ presidente dell’Associazione degli Industriali della Provincia di Salerno è stato socio fondatore e presidente dell’UN.I.P.I. (Unione Industriale Pastai Italiani) nel primo e nel terzo biennio di vita dell’Unione.”




Se ne va un Re, non solo della pasta ma dell’industria.

E se ne va proprio in un momento storico in cui avevamo ancora bisogno di lui, della sua esperienza, per provare a valicare i confini della crisi economica e riprendere quota, uscire dalla turbolenza, magari anche grazie ai suoi consigli, alla sua esperienza. Il Cavaliere era al tempo stesso industriale e ultimo degli operai, per quella cultura del lavoro che ne ha guidato i passi fin dall’inizio del cammino. Anche la prova cottura spettava a lui, era il primo ad assaggiare la pasta, per certificarne la qualità o individuare piccoli difetti da eliminare.

Un colosso nostrano che tutti ci invidiavano, capace di trasformare un cognome tipicamente meridionale in un marchio di livello mondiale: Amato. Giuseppe, capostipite dell’azienda-famiglia composta da figli e nipoti, originario di S.Cipriano Picentino, conosceva vita, morte e miracoli del grano e della semola, così come dei libri contabili. Braccio e mente, anima e cuore di una realtà che ha sempre galleggiato fieramente tra i primi posti della classifica delle aziende nazionali, per quota di mercato e fatturato. Traguardi che gli hanno cucito addosso i gradi di Cavaliere del Lavoro e che l’hanno portato negli anni a ricoprire prestigiose cariche, come quella di Presidente dei pastai industriali e leader degli industriali della Campania. Un uomo che difficilmente si piegava, davanti alle tempeste. Perchè poi sono arrivate anche quelle, come la cronaca ha raccontato negli ultimi anni. Un fallimento che non è mai stato personale. Un incidente di percorso che gli aveva lasciato qualche ferita nell’anima, da suturare e curare con l’unica medicina utile: l’affetto dei familiari. Salerno oggi piange la scomparsa del suo Cavaliere più Amato. Un uomo di altra pasta (Fonte LIRATV di Ivano Montano).

Gigi Casciello oggi direttore di Metropolis lo raccontava così nel 2012 su “I Confronti”

La vita scandisce i giorni in maniera impietosa, sa essere ciclica, persino ripetitiva. Ed alla fine presenta il conto e lo fa mantenendo fede al senso dei giorni. Nel giugno del 1958, era il 25, veniva costituita a Salerno la Antonio Amato & C. Molini e Pastifici Spa, nel giugno di 54 anni dopo si abbatte la mannaia della giustizia sull’erede prediletto, su colui che avrebbe dovuto rappresentare la continuità aziendale e della famiglia: Giuseppe Amato junior.

Peppino, lo chiamano tutti così, come chiamano anche il nonno, il Cavaliere al quale lo zio Antonio, il fondatore dell’azienda, aveva affidato il destino del pastificio, non ce l’ha fatta. Troppo fragile, troppo complesso l’ingranaggio aziendale nell’età della crisi dei consumi, e forse troppo debole lui, nel rapporto con quanti si erano avvicinati all’azienda con la promessa di un salvataggio che alla fine si è rivelato un abbraccio mortale. Certo, il crollo dei consumi ha avuto il suo peso ma è sconcertante come l’azienda simbolo di Salerno, una delle più affermate in Italia e nel mondo nel settore pastaio, si sia sbriciolata sotto un mare di debiti nel giro di non più di sette anni.

Appena nel 2006 il nome della Pasta Amato era legata in qualità di sponsor a quello della nazionale di calcio che con la guida di Lippi conquistò il mondiale in Germania. Poi l’eclissi, l’azzardo di percorrere la stessa strada del fondatore Antonio che nell’Italia del dopoguerra decise di costruire e vendere in proprio gli appartamenti costruiti dove un tempo c’era il vecchio mulino su corso Garibaldi nel cuore di Salerno. Dopo 50 anni nelle pieghe dell’ordinanza di custodia cautelare si legge invece che gli Amato avrebbero deciso di far da sé con la Amato Re srl perché, nonostante i molti incontri con imprenditori campani disponibili ad investire e realizzare un parco residenziale sull’area dell’ex pastificio, non sarebbe stata avanzata alcuna offerta che mettesse l’azienda madre in condizione di avere la liquidità necessaria e ripianare le perdite.

Chi conosce bene le vicende interne alla famiglia Amato assicura invece che qualche proposta che avrebbe messo in condizione il pastificio di entrare in possesso dei venti milioni di euro necessari, senza indebitarsi con le banche, sarebbe stata avanzata. Ma nell’occasione sarebbe stato fatale il peso assunto da Giuseppe Amato junior nelle decisioni. Senza dimenticare che il via libera del Comune, altro elemento non trascurabile, sarebbe arrivato solo di fronte ad un progetto di grande attrattiva. Nacque così l’idea, non meno sciagurata, di affidare l’incarico del progetto all’archistar Jean Nouvel. Ora dicono che il progetto andrà avanti lo stesso nonostante il fallimento della “Amato Re srl” perché chi aveva versato anche l’anticipo per acquistare casa avanzerà una proposta di acquisto dei suoli. Si vedrà.

Di sicuro sono lontani i tempi della simbiosi assoluta tra il Pastificio Amato e Salerno. Il Cavaliere Giuseppe Amato non si tirava mai indietro. Fu lui ad evitare il primo crac della Salernitana calcio, unico vero motivo per cui a Salerno ci si esalta o ci si deprime, negli anni Ottanta quando promosse e guidò la Fisa, una finanziaria alla quale aderirono i più importanti imprenditori della città. Ma naturalmente l’impegno finanziario più importante fu quello di Giuseppe Amato che non fece mancare anche l’intervento del Pastificio come sponsor.

E perché dimenticare e tacere che a Salerno per decenni non c’è stata iniziativa che non chiedesse ed ottenesse l’intervento del Pastificio: dalla sagra alle iniziative sociali, dalla pubblicità su qualsiasi iniziativa editoriale venisse intrapresa a quelle della Chiesa locale. E poi gli interventi a San Cipriano Picentino, paese natale degli Amato, dove da sempre il pastificio ha sostenuto finanziariamente un asilo intitolato a Domenico Amato, l’unico figlio maschio di Antonio, il fondatore, morto prematuramente. Di lì la decisione di affidare le sorti del pastificio e della famiglia al nipote Giuseppe che avrebbe poi sposato la cugina Maria, figlia di Antonio. L’altra figlia, Anita, andò in sposa a Filippo Menna, figlio di Alfonso Menna, indimenticato sindaco di Salerno dal 1956 al 1970.

Giuseppe Amato, don Peppino per tutti, seppe ripagare la fiducia dello zio. E la crescita ed il successo furono la sua fortuna: scalata alla finanza che conta (anche una lunga presenza nella Banca del Cimino), nei salotti buoni con la nomina a consigliere di amministrazione dell’Edime, ex editore de Il Mattino prima che il quotidiano passasse a Caltagirone, un lungo corteggiamento della politica che lo voleva anche presidente della Regione Campania, il rapporto solido con i nuovi della seconda Repubblica, consolidato con l’elezione a parlamentare dell’allora genero Franco Di Comite nelle fila di Forza Italia.

Al cavaliere Amato non è mancato qualche incidente di percorso: il nome iscritto nella P2, i guai giudiziari procurati dal nuovo stabilimento nella zona industriale per l’inchiesta sull’Asi condotta nel ’98 dall’allora sostituto procuratore di Salerno Filippo Spiezia.
Ma prima ancora i dolori, la morte del figlio Mimmo nel 1986, quella della moglie Maria e per ultima la fine della figlia Gabriella, stroncata da un male che non perdona, meno di un mese fa. Ed ora per don Peppino, in un giorno di fine giugno, esattamente come nel ’58 quando entrò in uno studio notarile per costituire la società del Pastificio, un altro colpo, terribile: gli arresti domiciliari per Peppino, il nipote prediletto, il figlio di Mimmo, che forse aveva più amato tra i figli,  il più geniale ed il più ribelle.

Tutto inizia e tutto finisce ma che fastidio ascoltare i commenti a mezza bocca, gli sfoghi moralisti su internet, le sentenze emesse senza processo. E che strana sensazione leggere nell’ordinanza di custodia cautelare i giudizi morali sugli indagati con aggettivazioni che un magistrato dovrebbe risparmiarsi, condanne inappellabili nonostante non si sia nemmeno giunti ad una richiesta di rinvio a giudizio.
Ma questo è il Paese in cui viviamo. Un’Italia smemorata, sempre alla ricerca di nuovi eroi, di capi da rinnegare e mettere a testa in giù, di un insaziabile affrancarsi per un incontrollato plebeismo.
E questa è anche la storia degli Amato, la famiglia che a Salerno diede lavoro ed onore e che ora il popolo smemorato ha già condannato alla vergogna.

da Iconfronti.it 28 giugno 2012 (di Gigi Casciello)

Profondo cordoglio degli industriali salernitani per la scomparsa del Cavaliere del Lavoro Giuseppe Amato.

Il Presidente Maccauro: “Con lui scompare una figura di imprenditore e di esponente confindustriale che ha segnato la storia dell’industria salernitana e italiana”.

“La scomparsa del Cavaliere del Lavoro Giuseppe Amato rappresenta una grave perdita per la comunità salernitana. Di Lui desideriamo ricordare le doti di grande umanità, il grande equilibrio ed il forte attaccamento al sistema di valori della rappresentanza confindustriale. Il Cavaliere ha sempre profuso il massimo impegno al servizio degli industriali salernitani ricoprendo più volte la carica di Presidente e segnando passaggi importanti nel percorso di crescita della nostra Associazione, uno per tutti l’acquisto della attuale sede in via Madonna di Fatima.

Il suo spirito di servizio e la sua dedizione d’altro canto, ben sintetizzano il valore delle eccellenze produttive che hanno contrassegnato la storia dell’industria salernitana e italiana. Il suo esempio resterà impresso in noi che abbiamo avuto la possibilità e l’opportunità di apprezzarne da vicino lo stile ed i comportamenti. A nome mio personale e di Confindustria Salerno esprimo ai familiari tutti i sensi del più profondo cordoglio e dell’umana vicinanza nel triste momento del distacco”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

12 COMMENTI

  1. Togliete questa foto che è proprio fuori luogo.
    Abbiate rispetto per i defunti non strumentalizzando la scomparsa di un Grande Salernitano.
    Vergognatevi servi

  2. Vola in cielo un gran Signore
    Uomo di spiccate Virtù umane ed imprenditoriali della Nosta Città

  3. Poverino il cavaliere Amato, si è spaccato la schiena ed ha lavorato duramente riuscendo a portare in alto il nome di Salerno. Poi sono arrivati i nipoti che, frequentando cattive compagnie a quanto dicono i giudici, ha portato l’azienda al fallimento. La cosa ha comportato una caduta d’immagine e perdita di posti di lavoro. Ora il padre di uno di questi personaggi al contorno invece di pensare al come ripristinare i posti perduti, pensa a parlare del sindaco di Roma e del M5S che è diventata una vera ossessione per lui. Però siccome le bugie hanno le gambe corte e la gente non è così stupida come lui crede, sarà costretto presto a trovarsi un lavoro insieme ai figli

  4. Siete una munnezza
    Anche dove non c entra niente lo dovete esporre siete la chiavica dei pennivendoli

  5. neanche la morte frena I vostri commenti stronzi, rispettate la memoria di questo grande uomo che ha portato in alto in nome di SALERNO, siete dei poveri uomini.

  6. UE Salerno Cipitale…
    Chi non ha rispettato il Cav Amato è stata una redazione al servizio di un megalomane che si è mangiato la città ,quindi la morale del belin falla a loro per piacere.
    Grazie assai o pure tu capisc a me fai parte della pasticceria?

  7. Bravo Anonimo, però cambia nick perché qua sopra, quasi sempre, c’è un tuo omonimo servetto cerebroleso del megalomane che si è mangiato la Città

  8. Se ne è un imprenditore di altri tempi, ultimo pezzo della Salerno di altri tempi…tempi in cui dignità rispetto onore erano valori assoluti da tramandare alle generazioni future. Oggi è il tempo dei lanzichenecchi, predatori di una città inerte, che assiste passivamente allo scempio di sè stessa… col placet del CAFONE lucano.

  9. Totò mirabilmente disse che la morte è una livella! Per molti adulatori invece la morte diviene il punto di partenza. L’inizio dell’esercizio stucchevole e proditorio in ossequio al quale il defunto assurge a livello di statista interplanetario, pietra di paragone per commentare la propria miserabile condizione umana. Tutto trascende, tutto diventa lindo e pinto….!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.