Shimon Peres: un ricordo (di Cosimo Risi)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
cosimo risiShimon Peres si è spento all’età di 93 anni, lucido sino al colpo che lo ha costretto al ricovero.

L’ho incontrato  varie volte nel corso della sua immensa carriera. L’incontro più lungo avvenne presso il suo Centro per la pace a Tel Aviv. In una pausa del percorso politico, che si sarebbe concluso con la presidenza dello Stato, Peres si dedicò ad una sorta di fondazione per convogliare verso i Territori Palestinesi le risorse necessarie a rilanciarne l’economia. La conversazione, alla quale accompagnavo un dignitario italiano, virò alla fine sul leggero: il confronto fra le cravatte.

La mia era di foggia napoletana, la sua veniva da una firma romana. A Roma, quando poteva, si faceva accompagnare da amici in una rinomata sartoria del centro. Napoli gli risultava più difficile anche se ne aveva buona memoria grazie al suo amico  Antonio Bassolino, allora Sindaco della città.

André Versaille intervistò Peres nel 2006 e ne fece oggetto di un libro (La guerra più lunga, la pace più difficile, Corbaccio). Versaille chiese a Peres della sua personale aliyah (il ritorno) in Palestina nel 1934 dalla nativa Vishniev, in Polonia. A Vishniev – racconta Peres – “avevo della Palestina un’immagine ideale, grandiosa, paradisiaca. Arrivato in Palestina, tutto mi sembrò sorprendente… Laggiù il cielo era perennemente grigio, qui invece era sempre azzurro.

Laggiù gli alberi erano grandi e solidi, qui erano bassi e gracili…Ricordo inoltre il profumo inebriante delle arance, che assaggiai allora per la prima volta. Il cibo stesso era differente: in Palestina scoprii le insalate e lo yogurt… Abbandonai pure le tradizioni religiose: non rispettavo più né lo shabbat né le prescrizioni kasherut, non portavo più la kippah e la sinagoga del sabato mattina non faceva più parte delle mie abitudini settimanali. [Praticavo la] costruzione del nuovo ebreo propugnata dall’ideologia sionista”.

In Palestina Peres imparò “a conoscere gli arabi, che potevano rivelarsi più pericolosi dei vicini in Polonia, i temuti goi di Russia. Dagli arabi avevamo la possibilità di difenderci”. Col tempo Peres imparò a collaborare con loro, il che gli meritò il Premio Nobel per la pace, condiviso con Rabin e Arafat. La foto dei tre sul prato della Casa Bianca, con Bill Clinton a fare da cerimoniere, è fra le più riprodotte del Novecento.

Cosimo Risi Docente di Relazioni internazionali

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.