Assemblea Pd, Renzi: «Congresso nei tempi fissati»

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
6
Stampa
assemblea-pd-nazionalePrima riunione dell’assemblea del Pd dopo l’esito del voto referenadario, le dimissioni di Renzi e la nascita del governo Gentiloni. Matteo Renzi torna sul palco e, dopo essere stato accolto da una standing ovation, pur ammettendo la sconfitta, rivendica quanto fatto dal governo. Renzi rimanda lo scontro congressuale e sulla legge elettorale rilancia il Mattarellum. Dure le critiche al Movimento cinque stelle.

LA SCONFITTA – “Abbiamo perso – ha detto Renzi – ho perso il referendum. E anche questo ha segnato in modo molto forte il dibattito politico europeo”. Lo dice Matteo Renzi aprendo il suo intervento in assemblea Pd. “Faremo un’analisi molto dura, spietata, innanzitutto con noi stessi di quello che è accaduto al referendum. Un’analisi seria e severa, ma anche un sano senso di passione per la cosa pubblica devono segnare questa assemblea”. “Abbiamo perso il referendum ma era giusto provarci, è stato giusto prenderne atto, ora è giusto rimettersi in cammino non come singoli ma come comunità. E io per primo devo assumendomi la responsabilità di dire che c’è più bisogno di noi che di io”.

“Saldamente aggrappati all’Italia, ripartiamo da qui. Ho avuto voglia di mollare e non sarei umano se non lo dicessi. Ma il patto tra noi è che nessuno qui ha il diritto di abbandonare il proprio posto di guardia come sentinella e riprendere il Paese”. “Non abbiamo perso, abbiamo straperso” il referendum costituzionale. “E chi fa giri pindarici per dire che abbiamo preso un sacco di voti dice la verità, ma non dice che il 41% è una sconfitta netta. Sognavo di prendere 13 milioni di voti, ne abbiamo presi 13 e mezzo ma la straordinaria partecipazione ha portato a non far bastare quei 13 milioni e mezzo di voti”. Ma aggiunge Renzi: “Abbiamo fatto riforme molto profonde; se due ragazzi si amano e, indipendentemente dall’orientamento sessuale, ora possono vivere insieme è grazie a una riforma del Pd”. “Queste riforme non puzzano, segnano la grandezza del Pd”. Ora, però, ha osservato: “Eravamo a un passo dalla Terza Repubblica e invece rischiamo di tornare alla Prima, senza la qualità della classe dirigente della Prima Repubblica”. “L’errore principale non è nemmeno la personalizzazione. Se il 59% è un voto politico, il 41 non è il voto dei giovani costituzionalisti. Il mio errore è stato non aver capito che il valore del referendum era nella politicizzazione, non nella la personalizzazione. Ma allora il 41% è il partito piu’ forte che c’è in Italia e l’unica speranza”.

IL PARTITO E IL CONGRESSO – “Il congresso sarebbe stata la scelta migliore per ripartire all’interno del Pd, dal giorno dopo ho pensato al congresso. Ma la prima regola del nuovo corso deve essere ascoltare di più, io per primo. Ho accettato i suggerimenti di chi ha chiesto di non fare del congresso il luogo dello scontro del partito sulla pelle del Paese e non piegare alle esigenze che sentivo le regole, non piegarle a nostro vantaggio”. “Faremo il congresso nei tempi, non come resa dei conti”, aggiunge. “La segreteria del partito è stata una mia mancanza. Da mercoledì prossimo tornerò a convocarla”. “C’è più bisogno di ‘noi’ – ha anche detto – che di ‘io’ e di una gestione che coinvolga la nostra comunità”.

IL VOTO E LA LEGGE ELETTORALE – “Alle altre forze politiche chiediamo di non fare melina sulla legge elettorale. Abbiamo messo la fiducia sull’Italicum per chiuderla, perché sono venti anni che non si chiude. Vogliamo l’ultima occasione di maggioritario o scivoliamo verso il proporzionale? Vi propongo di andare a guardare le carte sull’unica proposta che ha la possibilità in tempo breve, che ha visto vincere centrosinistra e centrodestra, ha visto vincere l’Ulivo di Prodi e porta il nome di Mattarella. Andiamo a vedere, il Pd c’è”. “Stiamo andando al voto, non sappiamo quando e non è importante nemmeno sapere la questione. In questo momento chi ha paura di votare sono gli altri. Perché per loro va benissimo agitare la bandierina del 59% ma se li metti in una competizione elettorale come partito non possono più lamentarsi, devono iniziare a dire cosa pensano. Dicono che si deve andare a votare ma ne hanno una paura matta”.

LA MINORANZA – “Certi atteggiamenti sono stati sopra le righe: non si può dire che con me si rischia la deriva autoritaria, quando da un lato ci sono partiti azienda che selezionano i dirigenti sugli interessi del leader e dall’altra aziende che fanno firmare contratti agli amministratori. Pensare che persone del mio partito festeggiavano le mie dimissioni ha ferito il senso di comunità” del Pd.

GLI AVVERSARI M5S – “Qui a Roma voglio dire che la politica non è l’indicazione delle cose che non vanno, l’urlo di chi dice No e non propone un’alternativa. Se si fa così politica, il Paese non va da nessuna parte, si blocca il Paese. Se per bloccare la corruzione si bloccano le Olimpiadi, si blocca la propria città. E forse per bloccare la corruzione bisognerebbe scegliere meglio i collaboratori”. “Agli amici di M5s potremmo proporre questo patto: smettete di dire bufale sul Web e noi non diremo la verità su di voi, e cioè che siete una azienda privata che firma contratti con gli amministratori. Lo diremo alle prossime elezioni”.

Nel suo intervento Renzi ha fatto un appello al sindaco di Milano Beppe Sala perchè “ritorni a fare ciò per cui i cittadini” lo hanno votato.

Sì al Mattarellum e una legge che cambi le norme sui voucher. Lo ha detto Guglielmo Epifani, intervenendo all’Assemblea nazionale del Pd a nome della minoranza. “Sul Mattarellum – ha detto – tutto il Pd si può ritrovare. Facciamo commissione, un luogo in cui tutto il partito partecipi. Sulle regole se è giusto cercare la convergenza con altri figuriamoci come è giusto trovare quella al nostro interno”.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

6 COMMENTI

  1. Ma scusate il congresso si è svolto a Salerno che fate un articolo? Da quanto in qua siete diventati l’organo del PD? Vi hanno detto che altrimenti non sarete ammessi al palco la notte di S. Silvestro? Siete giornalai servi del giuallare

  2. Tranquillo, li ha chiamati per nome e cognome… Notabilato.
    Detto da un caxxxaro per definire un’altro non fa’ notizia ma il Bomba, che è ancora quello che conta nel PD, ha cassato definitivamente in Campania sistema De Luca e famiglia.

  3. Per tutti voi che mi avete preceduto :
    Secondo voi non è normale che una testata giornalistica parli anche delle notizie di quella nazione che si chiama ITALIA nella quale, purtroppo per voi, si trova SALERNO ?
    Giusto per voi è più importante che si parli della vite che è caduta in Via delle Chiancarelle dalla sedia della signora del 2° piano.

    Siete veramente da rabbrividire e rimasti all’ideo del FEUDO.

  4. Due dei tre che ti hanno preceduto hanno scritto d’altro.
    Ti si consiglierebbe di fare più attenzione nella lettura ma, per la insulsa foga di un commento completamente decontestualizzato alla notiziai, appare evidente che sei tu il povero servo che risponde al solito feudatario.
    Posa,semplicemente, il vino. Ti fa’ male!!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.