Voucher: FedApi Salerno suggerisce a CGIL più proposte e meno critiche

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
“Con i voucher resta la precarietà” tuona la Cgil di Susanna Camusso. Le nuove manovre correttive da parte del governo non piacciono ai sindacati, alla Cgil in primis, i quali ritengono che non basti arginare l’influenza dei buoni lavoro, ma bisogna cambiare l‘intero assetto occupazionale. Così la Confederazione Generale Italiana del Lavoro, M5S, Sinistra Italiana e Michele Emiliano del Pd, hanno indetto per il 28 maggio prossimo, il referendum sui voucher.

Per il momento è in esame la proposta della deputata Pd Patrizia Maestri, che limita il loro utilizzo alle sole imprese familiari senza dipendenti, fissando un tetto di tremila euro l’anno nell’acquisto di buoni lavoro da parte del committente. Pensionati, disoccupati, extracomunitari, studenti, soggetti nelle comunità di recupero e disabili, saranno gli unici che potranno utilizzare i voucher per lavorare. Dopo le parole del Segretario Nazionale Camusso anche le realtà minori che si attivano per combattere la disoccupazione e il problema lavoro, dicono la loro.

Pietro Vivone, Presidente Provinciale della FedApi, Federazione Artigiani e Piccoli Imprenditori, si dice sorpreso per: “le dichiarazioni della Cgil sui Voucher. E’ evidente che non ci si è fermati abbastanza a comprendere l’evoluzione dei buoni lavoro”.

E continua: “Sicuramente sono nati con delle problematiche e verranno ulteriormente migliorati con quest’ultima manovra. Tra i punti inseriti nel decreto legge, il provvedimento in cui i voucher dovranno presentare anche l’indicazione obbligatoria dell’orario di inizio e di fine prestazione”.

“Propongo – spiega Vivone di criticare di meno e fare proposte alternative utili per dare delle risposte ai tanti italiani che non hanno ancora possibilità lavorative concrete”. Conclude poi, affermando che: “bisognerebbe guardare al sindacato e alla politica, partendo dai territori. Chiedo, inoltre, ai referenti territoriali della CGIL il loro pensiero a riguardo, se appoggiano la visione, a mio parere, miope e distorta di Susanna Camusso sul tema voucher”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.