‘Di lavoro festivo si muore’, Sinistra Italiana protesta a Le Cotoniere

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa
Il 1 di Maggio é la giornata delle lavoratrici e dei lavoratori.

Moltissime donne ed uomini, giovani, precari non potranno avere il diritto al riposo in questa giornata perché esercizi commerciali, luoghi di lavoro pubblici e privati non garantiscono più la sospensione delle attività.

“È solo una delle tante forme di sfruttamento che colpiscono non solo più gli operai, ma anche i giovani in tanti nuovi luoghi di precarietà e sfruttamento – afferma Sinistra Italiana – Sintomo di un lavoro senza diritti e sempre più povero.

Oggi, 30 Aprile, siamo venuti al centro commerciale “Le Cotoniere” perché il primo maggio torni ad essere davvero la festa del lavoro d tutte e di tutti.”

“Chiedere che il primo maggio torni ad essere una giornata libera dal lavoro per tutte e tutti – continua il nuovo partito della sinistra – vuol dire aprire una battaglia molto più ampia: ricostruire una cultura del lavoro che restituisca dignità e tutele per tutte le lavoratrici e tutti i lavoratori.

Per questo pensiamo che vadano abolite le leggi che istituzionalizzano forme di lavoro precario a partire dal Jobs act che precarizzano il lavoro e che vada istituito un reddito minimo garantito per rifiutare il ricatto per dare dignità e stabilità a chi vive e paga la crisi”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

  1. Ma stiamo scherzando!! Poi se l’azienda chiude chiamassero i sindacati e si facessero rimborsare..secondo me gli italiani non hanno voglia di lavorare

  2. Si lavora per vivere e non il contrario. Un giovane o una futura mamma che vogliono metter su famiglia come potrebbero mai farlo se lavorano 365 giorni all’anno? S’è perso il significato di festa e famiglia. Tra l’altro dire che le aziende di conseguenza chiudano è sbagliato, trovi numerosi studi in rete che dimostrano che le aperture straordinarie non hanno portato alcun beneficio. Almeno li retribuissero il giusto…

    Mario

  3. Anche di disoccupazione si muore. Reddito minimo per i nullafacenti che non vogliono lavorarare? Ma andate a raccogliere i pomodori sotto al sole.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.