Salerno: Fonderie Pisano, al via i contratti di solidarietà per 24 mesi

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
E’ stato siglato ieri pomeriggio il contratto di solidarietà per lo stabilimento di Salerno delle Fonderie Pisano. A comunicarlo la segreteria Provinciale Fiom Cgil Salerno.
L’azienda, in vista della scadenza della Cassa Integrazione in deroga, concessa per 6 mesi dalla Regione Campania a dicembre scorso, aveva già rappresentato il permanere delle difficoltà di ripresa a pieno regime delle attività e le organizzazioni sindacali si erano rese parte attiva richiedendo un incontro in Regione volto a verificare una eventuale possibilità di proroga della cassa. A darne notizia il quotidiano Le Cronache oggi in edicola
Questo strumento, tuttavia, non è più applicabile. Nel corso dell’incontro sindacale l’azienda – si legge nella nota sindacale – ha denunciato il dimezzamento del fatturato sulla base dell’ultimo triennio e un esubero di 52 unità sulle 114 in forza presso lo stabilimento. A fronte di tale situazione, i sindacati e le RSU hanno chiesto di ridurre al massimo l’impatto negativo sul piano sociale, ricorrendo al contratto di solidarietà.
L’accordo prevede una sospensione massima per tutti gli operai pari al 50% delle ore lavorabili a decorrere dal prossimo 5 giugno e per una durata di 24 mesi. “Sin d’ora, – dicono i sindacati – la società si è impegnata, anche in vista di una prossima possibilità di delocalizzazione, a proseguire nell’impegno costante di attuare un piano di interventi finalizzato al riequilibrio economico e all’auspicabile recupero della piena occupazione”
Fonte Le Cronache
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. Ma sapete vendere fumo come pochi questo bisogna darvi merito. Abito a Matierno da che avete ripreso non si respira lavorate a schifo ed è tutto come prima. Per riaprire avete spergiurato di avere sito per la delocalizzazzione e con tanto di progetto vi siete recati a Roma. È passato un anno continuate a ucciderci e di andare via nn se ne parla. Siete stati persino in cassa integrazione con i soldi dei contribuenti continuando comunque a lavorare allo stesso modo. Alla fine della fiera il capo ha ammortizzato la chiusura pagandovi mezzo stipendio con soldi pubblici di andare via nn se ne parla e lo schifo continua. Brava cigl complice della mattanza così come tutti illi che tacciono alla vergogna

  2. Cercasi candidato sindaco o deputato che abbia come primo obiettivo l’eliminazione di questo schifo.
    Politica inutile e connivente, proprietà, sindacato e lavoratori responsabili di una realtà indegna di un paese civile.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.