Assenteismo. Verdi. Estendere controllo con impronte digitali o tornelli a tutti gli ospedali

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
4
Stampa
“I rilevatori delle presenze attraverso le impronte digitali o, meglio ancora, i tornelli dovrebbero essere installati in tutte le strutture pubbliche regionali per combattere il fenomeno degli assenteisti”.

Lo ha detto il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, per il quale “il recente caso del Capilupi dove addirittura coprivano le telecamere per evitare di essere ripresi mentre timbravano anche per gli assenti dimostra che il fenomeno, nonostante le tante inchieste e gli arresti, continua a essere diffuso”.

“Oltre a un maggior controllo delle presenze è necessario però puntare anche a punizioni più immediate e concrete e, su questo, è determinante il ruolo dei dirigenti che devono prendersi le responsabilità per licenziare i dipendenti che truffano, anche senza aspettare le sentenze definitive” ha aggiunto Borrelli per il quale “se non si fa così, visti i tempi della giustizia in Italia, rischiamo di dover pagare fino alla pensione lo stipendio agli assenteisti”.

“Gli assenteisti, oltre a prendere soldi non dovuti, creano anche un danno alla collettività con la loro assenza perché non offrono il lavoro per cui sono pagati e, al tempo stesso, danneggiano l’immagine della pubblica amministrazione dove lavorano tante persone che svolgono egregiamente il loro compito” ha concluso Borrelli per il quale “questi danni vanno recuperati costituendosi parte civile nei processi per chiedere un adeguato risarcimento”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

4 COMMENTI

  1. Caro Amico Borrelli non hai capito un tubo o fingi di non capire, quando la nave affonda il Capitano affonda con essa per cui quando succedono queste cose bisogna che paghino anche i dirigenti nonchè il Direttore Generale,troppo comodo prendersela con chi guadagna 1300 euro al mese.

  2. Si è comodo prendersela con chi prende i 1.300 € al mese, ma sai quanti vorrebbero lavorare per guadagnarsi il minimo? È ancor più vergognoso da questi miserabili si permettono di disertare un lavoro sicuro, perché non licenziati? Perché non dare almeno una minima possibilità a tanti giovani figli di famiglia a lavorare ?

  3. Concordo che debba pagare anche chi dovrebbe controllare e non lo fa oppure fa finta di non vedere.

    Ma i “poveracci da 1300 euro” non mi commuovono, sono fancazzisti che i 1300 euro li rubano dalle nostre tasse. Assumete chi ha voglia di lavorare, volontari ce ne sarebbero tanti.

  4. Non intendevo difendere chi ha commesso il reato perche’ deve pagare per lo sbaglio che ha fatto ma Deve pagare anche chi riscalda le poltrone a 15000 , 20000 euro e oltre al mese mettendo la testa sotto la sabbia , le forze dell’ Ordine dovrebbero occuparsi di cose piu’ Importanti.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.