Stop all’autovelox «trappola», per Viminale obbligatoria la segnalazione

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
Stop agli autovelox selvaggi. Dovranno essere ben visibili, tarati alla perfezione e controllati annualmente per accertare che tutto sia in regole.

Ma soprattutto i controlli lungo le strade dovranno essere sempre segnalati sia che siano fissi che verifiche volanti con la presenza delle forze dell’ordine.

Resta l’incubo della sanzione ma almeno ora si è messo un po’ di ordine rispetto a quello che era diventato il metodo principale per i comuni per spillare soldi ai cittadini e fare cassa con un incremento di multe del 45% nel 2016 rispetto al 2015 per un incasso totale (tutte le violazioni al codice della strada) di poco più di un miliardo e settecento milioni.

A darne notizia il quotidiano Il Mattino oggi in edicola.  L’Aci ha condotto una battaglia a livello nazionale sugli autovelox minacciando una class action contro le ingiuste e salatissime sanzioni. Per numero di apparecchiature di controllo della velocità l’Italia è leader in Europa.

La regolamentazione discende dal decreto del ministero delle Infrastrutture del 13 giugno scorso e viene ora integrata nell’atto del Viminale per disciplinare in maniera puntuale l’attività di polizia stradale. Ai prefetti è demandato il compito di estendere il contenuto della circolare anche ai corpi di polizia provinciale e municipale.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. Se realmente si vuole salvaguardare l’interesse “comune” l’autovelox di per se è deprecabile.
    Con l’utilizzo del tutor le cose sono nettamente migliorate per quanto riguarda il connubio sicurezza-indicenti stradali.
    Ma l’utilizzo fraudolento dell’autovelox serve solo x far cassa e poi al sopraggiungere delle “stazioni fisse” si crea solo l’effetto opposto: frenare in corrispondenza della macchinetta per poi riaccelerare…
    In Italia fatta la legge trovato l’inganno…

  2. l’autovelox era, in proncipio e nell’idea iniziale, un utilissimo mezzo per evitare discussioni sul vero eccesso di velocità in caso di contestazione da parte degli organi di P.S.; l’agente poteva solo dire che Tizio aveva superato i limiti, ma non poteva dimostrarlo. Ma da questo uso, utilissimo e correttissimo, si è arrivati all’abuso che tutti conosciamo.. e quindi è diventato un bancomat illegale, in parte legalizzato.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.