Vaccini: a Salerno quasi raddoppiati a settembre

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
5
Stampa
In dieci giorni, dall’1 all’11 settembre, alla Asl Napoli 1 sono state effettuate 8077 vaccinazioni, quasi il doppio delle 4.500 del 2016. I dati, forniti dalla Regione Campania, sono l’effetto della nuova legge sull’obbligatorietà dei vaccini per poter frequentare la scuola e tengono conto di tutte le vaccinazioni nel complesso.

Altissimo il numero delle vaccinazioni effettuate anche alla Asl Napoli 2 nord, con 5.516 vaccinazioni, e nella Asl Napoli 3 Sud che ha raggiunto quota 5.500.

“Gli ambulatori – spiega all’ANSA Enrico Coscioni, consigliere per la sanità del governatore della Campania Vincenzo De Luca, – hanno retto bene il raddoppio delle vaccinazioni, grazie al lavoro dei referenti che erano stati individuati per tempo in ogni Asl e grazie all’informazione di qualità che abbiamo dato per evitare il caos sia tra i cittadini che tra gli addetti”. Vaccinazioni in aumento anche a Caserta, dove sono state effettuate nello stesso periodo 2.500 vaccinazioni, e a Salerno, dove si è arrivati a 4.500.

Un aumento che pesa anche sulle casse della Regione, ricordano da Palazzo Santa Lucia, visto che ii vaccini sono pagati dalla Soresa. “La sensibilità al tema – spiega Coscioni – è fortemente aumentata e si sono ridotte aree di paura legate alla disinformazione o a fake news legate a patologie che non vogio nominare perché contribuirei alla confusione. E’ chiaro che un bambino possa avere un piccolo fastidio dopo il vaccino a causa degli eccipienti, ma il beneficio è straordinario.

Questo Paese si scandalizza se muore bambina di malaria ma non si preoccupa pensando all’effetto gregge che può portare una serie di patologie letali”.

Coscioni ricorda che l’obbligo di legge per la scuola “è stato da noi condiviso sin dal primo momento – ha detto – ci sono solo voluti alcuni incontri sulla prima formulazione del decreto che era troppo punitivo invece noi abbiamo sempre creduto a un’ottica di accompagnamento”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

5 COMMENTI

  1. la glaxo ringrazia, l’obiettivo (vero) è raggiunto! dopotutto si potevano usare i vaccini singoli al posto dell esavalente coperto da brevetto, l’effetto sarebbe stato lo stesso ma avremmo risparmiato milioni di euro pubblici finiti nelle casse della gsk. inoltre si sarebbero potuti fare dei piani vaccinali personalizzati, ma è ovvio che alla minestra della salute (della gsk) questo non interessava, alla faccia del gregge che ci ha creduto. i danni dovuti a questi vaccini sono immensi e invito le mamme che riscontrano problemi a segnalarli direttamente al ministero tramite l’apposita pagina sul loro sito.

  2. x aspide
    Ennesimo commento di un ignorante. L’esavalente contiene sei vaccini e basta una iniezione. E’ chiaramente un risparmio rispetto rispetto ai singoli vaccini ed è una comodità. Invece di fare sei iniezioni ai bambini ne fa una sola e finisce lì. Smettetela di dire cretinate!

  3. Anonimo, ti aggiungo che i vaccini NON SONO TESTATI sui bambini, NON sono sicuri affatto. Affermi il contrario? OK, allora dimmmi quando, dove, come, chi e SU CHI hanno fatto questa sperimentazione! Hanno sperimentato un vaccino su bambini?? sei sicuro di quello che affermi?!!
    ASPETTO risposta dettagliata.

    Rosanna Badà, Una ulteriore nota sul mio commento precedente, nella pubblicazione si parla di 5154 nel biennio 2002-3 (non nel solo 03 come ho scritto), ma resta quello che ho detto. Il morbillo ha andamento ondulatorio assolutamente indipendente dai vaccini, basta recuperare i dati relativi e incrociarli, qui non posso postarli.
    Non solo, dalla medesima pubblicazione, nell’immagine dei casi divisi per regione nel 2002-3 si evince esattamente quanto ho detto: il morbillo ha andamento ondulatorio, infatti per esempio la Campania nel 2002 appare nera, l’anno successivo bianca! altre regioni sono al contrario..
    Andando avanti ti dico che quella pubblicazione, così come tante altre, omette di considerare un fattore: addebita tutti i costi al ricovero per morbillo, ma NON CALCOLA ASSOLUTAMENTE i costi A CAUSA delle vaccinazioni! Le malattie create dai vaccini sono tantissime, più o meno gravi, ma non fanno statistica per voi eh?
    Sarò ancora più chiaro: prendi un bugiardino, vi trovi per esempio che in un caso hai il 54% di probabilità di contrarre allergie permanenti. Ora, PERCHE non calcolate il costo di un’allergia permanente per il 54% della popolazione??!?!? e continua il ragionamente per tutte le altre patologie che la stessa casa farmaceutica indica, concordando con il ministero! non una mia opinione. sarà che scrivono sciocchezze?

  4. riproviamo..Anonimo, ignorante sei tu, prova a capire e poi parli. Per l’esavalente e simili lo Stato paga i brevetti, e guarda caso come detto da aspide i vaccini singoli le case NON li producono più in quanto NON sono redditizi (per LORO, ci arrivi?). Poi casualmente quello che firma per il ministero (cercalo) è lo stesso che in passato (da suo cv pubblico) è stato nel cda della stessa gsk, ma ovviamente per il gregge di Anonimi come te non conta.
    Se TU ti vuoi vaccinare nessuno te lo impedisce, ma la quasi totalità di quelli che sono contrari sono per la SCELTA, e non sono contro, io per primo. E finitela di sparare la solita balla che si vaccinano tutti per coloro che non possono farlo: sarebbe come imporre a tutti di non mangiare uova per il fatto che un 1% è allergico..
    Le obiezioni, tutte motivate e documentate, sarebbero tantissime ma mi fermo qui. Tu intanto vai a farti la tua “comodità”, corri. E già che ci sei fatti pure quello per colera, febbre gialla e tutti quelli che trovi in commercio.
    Le iniezioni non sono sei, ma sarebbero secondo parere MEDICO, magari facendone alcune a un anno, altre a 5 e altre a 10, e dopo aver fatto test per allergie e per vedere se il soggetto è già immune. Questo farebbe uno Stato vero.
    Ultima cosa, non esiste nessuna epidemia di morbillo, solo quelli come voi ci credono: i dati del ministero, dell’oms e dell’UE concordano; i casi di quest’anno sono MENO di quelli degli anni passati. Confronta i dati del decennio almeno, NON dell’anno passato, come in maniera falsa e subdola alcuni mostrano.

  5. tentiamo di nuovo..Rosanna Badà: grazie! sfrutto proprio la tua stessa pubblicazione per confutare quello che diceva l’anonimo e a sostegno di quanto io ho detto: NON esiste nessun epidemia, visto che nel 2002-3 ci furono 5154 ricoveri! ovviamente vanno sommati i non ricoverati! totale? ben oltre i 3mila casi di quando parlavano di epidemia mai vista, a inizio anno! Tralasciamo poi come vengono fatti gli studi, chi li sponsorizza, chi li fa, il sistema di pubblicazione e via dicendo. Lascia stare.
    Chiudo: perchè la Svezia ha stabilito che “dati i dubbi sulla pericolosità” non è da imporre alcun obbligo, allegando lista di 50 pubblicazioni scientifiche?

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.