A Salerno la sfida contro la Sla. Puntare sulla ricerca e stimolare le istituzioni

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
“Il motivo per cui scrivo è per lasciare un segno, cercare di raccontare la mia esperienza per me e per quei malati di Sla, più deboli di me, che non riescono a farsi sentire”. Così a Salerno, Antonio Tessitore ha presentato il suo libro ‘La mia vita senza parole’ Tullio Pironti Editore. Nella cornice del Museo Diocesano del Duomo di Salerno, ha messo in campo tutta la sua forza e le iniziative che intende portare avanti.

“La mia esigenza di cominciare a scrivere – ha ricordato – si è manifestata qualche anno fa, come risposta alla condizione della impossibilità di comunicare. Infatti, fin quando le mie corde vocali hanno reagito il contatto col mondo esterno seppure limitato dalla difficoltà, prima e impossibilità poi, di camminare, era diretto. Tu capisci l’importanza di qualcosa quando la perdi e io, perdendo la voce, ho visto il mio universo restringersi ancora di più ed ho visto uno scenario di solitudine e silenzio, che mi ha spaventato. Inizialmente sono stato male ma il mio carattere, su cui la malattia non ha inciso in verità, mi ha portato a reagire ed oppormi, a quel destino”.

Ed Antonio Tessitore si oppone mettendo in campo idee, per stimolare le Istituzioni, per sostenere la ricerca, per offrire soluzioni alle famiglie. “Tessitore è un esempio” ha detto Gaetano Amatruda,  promotore dell’iniziativa, che ha aggiunto “noi seguiamo il percorso da lui indicato. Combattere sempre, per la dignità della persona, per la ricerca, per stimolare le Istituzioni. Sulla Sla e su tutte le battaglie che vanno combattute”.

Con l’autore Antonio Tessitore e con il giornalista Mario Pepe, coautore, ne hanno discusso Luca lamberti, imprenditore, Giovanna Di Giorgio, giornalista, e gli avvocati Fabio Mammone e Salvatore Memoli.

Toccanti gli interventi dei relatori. Memoli ha salutato “il cavallo selvaggio che è Antonio, un combattente coraggioso e vittorioso”. Per l’associazione ‘Andare Avanti’, che ha organizzato i lavori, i saluti del presidente Michele Romaniello e dell’avvocato Rosita Orlando, i due hanno sottolineato “Faremo altre iniziative cosi, siamo appena all’inizio. Ci apriremo sempre di più al volontariato, alle tematiche vere e concrete”. soluzioni

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.