Stangata di Capodanno per le famiglie, aumentano gas e luce

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
6
Stampa
Dal prossimo primo gennaio la famiglia tipo registrerà un incremento del +5,3% per le forniture elettriche mentre per quelle gas del +5%. È quanto prevede l’aggiornamento delle condizioni economiche di riferimento per le famiglie e i piccoli consumatori nei servizi di tutela comunicate dall’Autorità per l’energia sottolineando che per l’elettricità è stato decisivo l’incremento dei prezzi all’ingrosso e dei costi per adeguatezza e sicurezza mentre per il gas arriva il previsto effetto invernale.

I rincari per le bollette di luce e gas comunicati dall’Autorità per l’energia comporteranno “nel dettaglio, per l’elettricità la spesa (al lordo delle tasse) per la famiglia-tipo nell’anno compreso tra il 1° aprile 2017 e il 31 marzo 2018 di circa 535 euro, con un aumento del +7,5% rispetto ai 12 mesi equivalenti dell’anno precedente (1° aprile 2016 – 31 marzo 2017) corrispondente ad un aumento di circa 37 euro l’anno. Nello stesso periodo la spesa della famiglia tipo per la bolletta del gas, specifica l’Authority nella sua nota di aggiornamento, sarà di circa 1.044 euro, con un rialzo del +2,1% rispetto ai 12 mesi equivalenti dell’anno precedente, corrispondente ad un aumento di circa 22 euro l’anno.

Codacons, aumento sproporzionato, pesa redditi bassi – Gli incrementi delle tariffe luce e gas decisi dall’Autorità per l’energia configurano una vera e propria stangata per le tasche delle famiglie italiane. Lo afferma il Codacons, commentando i rincari del +5,3% per la luce e del +5% per il gas. “Si tratta di aumenti delle tariffe del tutto sproporzionati e che avranno un impatto elevatissimo sui nuclei familiari numerosi e sulle famiglie a reddito medio-basso – spiega il presidente Carlo Rienzi – I rincari sono poi determinati da fattori speculativi che nulla hanno a che vedere con i costi reali di approvvigionamento: basti pensare che alla base del rialzo del +5% del gas vi è la prevista maggiore domanda per i mesi invernali, mentre l’incremento del +5,3% per l’elettricità è causato, tra i vari fattori, anche dagli oneri per la sicurezza del sistema elettrico, che così vengono scaricati interamente sui consumatori”. “Il 2018 si apre quindi con una stangata per le famiglie italiane, che saranno costrette a spendere di più per utilizzare beni primari e indispensabili come il gas e la luce” – conclude Rienzi.

Federconsumatori, necessario riordino sistema – I rincari per luce e gas comunicati dall’Autorità per l’energia “rispecchia in pieno quanto denunciamo da tempo: per quanto riguarda il gas, l’aumento nel periodo invernale è un fatto consolidato, sul quale è giunto il momento di indagare meglio. Per quanto riguarda l’energia elettrica, pesa soprattutto l’incidenza eccessiva degli oneri di sistema, che conoscono un nuovo aumento dovuto al rafforzamento delle agevolazioni per le industrie energivore (+1,9%)”. E’ il commento di Emilio Viafora, presidente della Federconsumatori. affermando che nella Relazione annuale dell’Autorità lo stesso presidente, Guido Bortoni, “ha messo in evidenza la situazione inammissibile relativa alle vere e proprie tasse occulte che si annidano all’interno delle bollette dell’energia elettrica e del gas. Nonostante le nostre instancabili denunce in tal senso, infatti, i cittadini continuano a pagare in bolletta i famigerati oneri di sistema per la dismissione delle centrali nucleari, per le agevolazioni alle imprese energivore, per i regimi tariffari speciali a favore delle ferrovie, per gli incentivi alle fonti rinnovabili”. Tutte voci – secondo Federconsumatori, che, attraverso un serio e mirato intervento normativo, dovrebbero essere riviste e ridimensionate.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

6 COMMENTI

  1. Carissimo Antonio Esposito, la prego di pubblicare la presente, affinche’ tutti, tutti gli Italiani, possano finalmente guardare in faccia, quella che e’ la triste realta’ dei fatti. Alla fine, credetemi, non c’e’ nessun reale aumento da applicare e dal momento che, l’effetto “aumento” dovrebbe essere rapoortabile e collegabile ad una “causa” che, Ahime’…non c’e’. Ogni fine anno, si parla di stangate ed aumenti x ogni inizio anno, cosi, tanto x far pagare agli Italiani , una cera e propria T A N G E N T E…quale ingresso al nuovo anno!!! E noi tutti? OBBEDIAMO, tacitamente, remissivamente, passivamente….da buoni e bravi caproni italiani quali siamo!!! Qualunque cosa ci impongano, noi …OBBEDIAMO !!! 😏 questa e’ la verita’. (Pubblicare Esposito, che lei, tutti gli italiani sappino come stanno realmente i fatti) grazie.

  2. E’ verissimo, ogni fine anno sti caxxo di aumenti per il successivo inizio (stangata???)di nuovo anno) paghiamo, senza sapere cosa paghiamo? Motivare le cause che genererebbero gli aumenti, coraggio???

  3. GIUSTO! Curiosita’ illuminateci, perche’ aumentano??? E poi, guarda caso, proprio il primo di ogni anno??? Ci fottono sempre!!!

  4. Mauro, è proprio come dite voi. Io dà sempre la penso come voi, ma che si può fare? Il popolo italiano è per lo stato un limone da premere, sempre e comunque, senza offrire nulla in cambio (e per nulla intendo servizi che ci toccano di diritto,come sicurezza, trasporti pubblici, scuole, ospedali, assistenza, ecc. ).
    Le bollette? E il bollo auto,la “camorra” da pagare su ogni bollettino, le assicurazioni?
    E la benzina? Mentre il prezzo del petrolio scende, ai distributori sale. E se ci mettiamo che in questo modo “estorsivo” di operare dello (s)tato si adeguano tutti, dalle pubbliche amministrazioni, ai gestori telefonici(fattura ogni 4 settimane , il quadro è quasi completo.
    E nonostante tutti questi soldi, notiziona che non manca mai negli ultimi giorni dell’anno, udite udite, il debito pubblico AUMENTA SEMPRE! Si, aumenta sempre(andate pure a controllare ).
    E noi, popolo di fessi che siamo, che possiamo fare? Che dobbiamo fare?
    Se i vari codacons,i vari sindacati, le associazioni varie che dovrebbero tutelare i diritti dei cittadini, sono buoni a fare solo proclami(come i politici in campagna elettorale)e il popolo oramai non può scegliere nemmeno più da chi farsi governare(vedi Monti, Letta, Renzi, Gentiloni), ripeto, che possiamo fare?
    Mio padre fece una profezia :con l’apertura delle frontiere, l’introduzione dell’euro e la sottomissione alla comunità europea(tra l’altro tutte queste cose non volute dal popolo ), sarebbe cominciata la fine del paese. Aveva ragione?
    Possiamo solo sfogarci scrivendo il nostro disappunto(sempre che non venga censurato), anche perché sono riusciti a trasformare gli italiani che erano un grande popolo di lottatori, scrittori, scienziati, inventori, poeti. …….ARTISTI, in un popolo assopito, senza identità e senza ideali e senza amor proprio.
    Auguro a tutti una buona giornata e approfitto per fare gli auguri a tutti.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.