Nuovo incidente al Porto di Salerno, operaio ferito al piede

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
“L’ennesimo incidente al Porto di Salerno non è finito sotto i riflettori e dunque non fa notizia. Forse un altro operaio doveva morire per meritare l’attenzione di chi snobba la questione sicurezza all’interno della struttura”. La denuncia arriva da Gigi Vicinanza, sindacalista della Cisal provinciale, che chiede l’intervento delle istituzioni su quello che rischia di diventare un problema sottovalutato. “Qualcuno forse ha pensato bene di nascondere la notizia, ma la scorsa settimana un altro operaio è stato vittima di un incidente sul lavoro al Porto di Salerno. Questa volta, per fortuna, il malcapitato lavoratore ha riportato solo una ferita al piede che guarirà con alcuni giorni di riposo”.

“Tuttavia – continua Vicinanza nella nota – resta la rabbia di chi, dopo le lacrime versate per la scomparsa di Beniamino Tafuri, continua a fare orecchie da mercante alle richieste di aumentare i livelli di sicurezza all’interno dello scalo. Dovevamo piangere un altro operaio per ottenere quello che stiamo chiedendo. Fare impresa in questo modo è davvero sbagliato”. Vicinanza, dunque, ribadisce che al Porto di Salerno mancano le più elementari misure di prevenzione atte ad assicurare la sicurezza dei lavoratori.

“Sappiamo che l’Autorità Portuale resta in prima linea per salvaguardare la salute delle maestranze, ma è innegabile che l’assenza dell’attività ispettiva da parte dell’Asl, figlia di una storica carenza organica del Dipartimento di prevenzione e sicurezza, si vedono e si notano. Eccezion fatta per i casi clamorosi, come la morte di Tafuri, il porto di Salerno resta un mondo a parte, con le proprie legge, in primis quella del silenzio. Rinnovo l’invito agli imprenditori portuali, Asl, Ispettorato del Lavoro e altre istituzioni di creare un dialogo con le organizzazioni sindacali. Non possiamo continuare con le dichiarazioni di facciata solo quando c’è da piangere la vita di un lavoratore”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. Cari Sindacalisti(pagnottisti) quali dovrebbero essere gli interventi da parte delle istituzioni per tutelare i lavoratori? In primis dovrebbero essere i lavoratori ad usare tutte le norme in materia di sicurezza e non solo a limitarsi all’uso dell’elmetto. A buon intenditore poche parole.

  2. i responsabili della sicurezza delle varie ditte dove sono? E non mi dite che controllano i lavori e sono sul porto… dove dovrebbero stare. Addirittura c’e’ qualcuno che ha messo il figlioletto che non sa nemmeno qual’e’ la prua o la poppa di una nave… mentre sul porto si muore.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.