Salute: in Campania si vive tre anni in meno rispetto al Trentino

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Tra Nord e Sud del Paese non c’è solo un divario economico: in Meridione si vive anche meno rispetto al Settentrione. A denunciare il divario è l’Osservatorio Nazionale della Salute nelle Regioni Italiane, con un focus dedicato alle disuguaglianze di salute. Secondo i dati, in Trentino Alto Adige si vive in media fino a tre anni in più che in Campania. E in generale si vive più a lungo a seconda del luogo di residenza o del livello d’istruzione.

In Campania, secondo il report, nel 2017 gli uomini vivono infatti mediamente 78,9 anni e le donne 83,3; nella provincia autonoma di Trento, invece, vivono 81,6 anni gli uomini e 86,3 anni le donne. In generale, la maggiore sopravvivenza si registra nel Nord-Est, dove la speranza di vita per gli uomini è di 81,2 anni e quella per le donne di 85,6; decisamente inferiore nel Mezzogiorno, dove si attesta a 79,8 anni per gli uomini e 84,1 per le donne.

Inoltre, anche chi ha un titolo di studio basso ha peggiori condizioni di salute. Queste disuguaglianze sono acuite dalle difficoltà di accesso ai servizi sanitari che penalizzano soprattutto chi ha un livello sociale più basso. Insomma, il Servizio sanitario nazionale assicura la longevità ma non l’equita’ sociale e territoriale.

“Il Servizio sanitario nazionale – spiega Alessandro Solipaca, direttore scientifico dell’Osservatorio – oltre che per tutelare la salute nasce con l’obiettivo di superare gli squilibri territoriali nelle condizioni socio-sanitarie del Paese. Ma su questo fronte i dati testimoniano il sostanziale fallimento delle politiche”.

CODACONS: DISUGUAGLIANZE INACCETTABILI PER UN PAESE CIVILE

Disuguaglianze sociali inaccettabili per un paese civile, e un’Italia che viaggia a due velocità sul fronte della salute. Lo afferma il Codacons, commentando lo studio dell’Osservatorio Nazionale della Salute che attesta come in Trentino Alto Adige si viva in media fino a tre anni in più che in Campania.

“Alla base di tale divario enorme e che attiene alla vita e al benessere dei cittadini, c’è la difficoltà di accesso ai servizi sanitari per una consistente fetta di popolazione residente nel sud Italia – denuncia il presidente Carlo Rienzi – Eppure chi risiede nel Mezzogiorno contribuisce al pari degli altri cittadini a finanziare il SSN attraverso le tasse, ricevendo in cambio meno servizi e di qualità peggiore rispetto al nord”.

“L’Italia non è in grado di garantire lo stesso livello sanitario a tutti i cittadini, e in questo la politica ha fallito miseramente creando disparità inaccettabili sul territorio – prosegue Rienzi – Per questo proponiamo di ridurre in modo proporzionale la quota di tasse relativa al settore sanitario a quei cittadini che risiedono in Campania e nelle regioni del sud dove la speranza di vita registra numeri inferiori rispetto alla media nazionale”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Considerando che al Nord ci sono molte industrie che inquinano e ci sono inceneritori che inquinano e producono energia riducendo anche il costo delle bollette dei cittadini, la sostanziale differenze dipende dall’alimentazione, al sud e soprattutto in Campania,Sicilia,Molise c’è il più alto tasso di obesità infantile, c’è un numero elevato di diabetici e la colpa è esclusivamente della famosa “dieta mediterranea” fatta di strutto (sugna), pizze fritte, calzini fritti, melanzane fritte o sott’olio extravergine dal valore di 3.99 euro al litro in offerta, broccoli e salsicce fritte, struffoli fritti,babà, zeppole fritte, pizze bruciate sotto,arancini fritti, crocchè fritti, sfogliatelle ricche di grassi, pastiere a 18 euro al chilo che durano 3 giorni prima che la ricotta diventi acida, tutti piatti tipici della dieta Mediterranea, tutti piatti che fanno aumentare peso, fanno aumentare la pressione, alzano il colesterolo e la glicemia e di consequenza aumento della “spesa sanitaria”, aumento rischio di malattie cardiovascolari e di tumori, soprattutto al Pancreas al Fegato e all’Intestino che sono costretti a lavorare di più per smaltire questi “grasse e orrende pietanze della dieta mediterranea”…….à colpa è d’ò govern! we weee chill penzn sul i sord’ we we’, commento da “popolana populista per il popolo popolarmente vicini al popolo”

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.