“Furore pigliatutto”, la città della Costiera vince la corsa delle Botti

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
La Corsa delle Botti delle Città del Vino è stata anche quest’anno appannaggio di Furore. Una vittoria schiacciante degli spintori in maglia azzurra ha suscitato grande entusiasmo in un pubblico dalle grandi occasioni. Michele Avitabile, Francesca Avitabile e il loro capitano, Franco Capriglione hanno spopolato lasciando ben distanti i loro antagonisti di Suvereto, giunti secondi, Refrontolo, Vittorio Veneto e  Castelnuovo Berardenga.

Dopo la gara principale si sono svolti due giochi della tradizione, una gara di spinta con barrique composta da sole donne, e una gara a staffetta denominata “La vestizione di Bacco”. C’è stato poi l’esibizione dei “Secacorne”, un gruppo sempre più folto (attualmente sono una quarantina e di tutte le età) di suonatori di scetavatasse  e triccheballacche ad allietatare la platea folta di spettatori assiepati sulla gradinata del campo da tennis del Giardino della Pellerina.

In coda la premiazione dei vincitori con Furore all’apice del Podio e ricco scambio di cesti addobbati da leccornie tipiche delle Città del Vino presenti partecipanti. La giornata del Palio si è trasformata in una grande festa, arricchita dalla presenza di un mercatino dei prodotti tipici locali, organizzato da Silvia Mandara, ormai più che collaudata “promoter” di Furore e per questo assegnataria del Premio Ape, la cui cerimonia di consegna si è tenuta Venerdi scorso in un’apposita manifestazione svoltasi nella Chiesa di S. Maria della Pietà. Gli altri premiati sono stati, con motivazioni diverse: Salvatore Fusco, ricercatore scientifico presso l’Università di Roma;

Marius Kalista, filmaker polacco, autore di straordinari servizi fotografici su Furore;

Carlo Fusco, titolare dell’azienda “Carluccio” e confezionatore di prodotti agroalimentari (limoni, pomodorini, ecc) della Costa d’Amalfi, al quale è andato lo “speciale” Ape Regina;

Francesco Esposito, responsabile de “I Secacorne”;

Franco Capriglione, capitano degli spintori del Palio.

Un weekend magico, vissuto sull’onda dell’entusiasmo per tutti i Furoresi. Una grande festa di popolo da ripetere a tutti i costi.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.