“Furore pigliatutto”, la città della Costiera vince la corsa delle Botti

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
La Corsa delle Botti delle Città del Vino è stata anche quest’anno appannaggio di Furore. Una vittoria schiacciante degli spintori in maglia azzurra ha suscitato grande entusiasmo in un pubblico dalle grandi occasioni. Michele Avitabile, Francesca Avitabile e il loro capitano, Franco Capriglione hanno spopolato lasciando ben distanti i loro antagonisti di Suvereto, giunti secondi, Refrontolo, Vittorio Veneto e  Castelnuovo Berardenga.

Dopo la gara principale si sono svolti due giochi della tradizione, una gara di spinta con barrique composta da sole donne, e una gara a staffetta denominata “La vestizione di Bacco”. C’è stato poi l’esibizione dei “Secacorne”, un gruppo sempre più folto (attualmente sono una quarantina e di tutte le età) di suonatori di scetavatasse  e triccheballacche ad allietatare la platea folta di spettatori assiepati sulla gradinata del campo da tennis del Giardino della Pellerina.

In coda la premiazione dei vincitori con Furore all’apice del Podio e ricco scambio di cesti addobbati da leccornie tipiche delle Città del Vino presenti partecipanti. La giornata del Palio si è trasformata in una grande festa, arricchita dalla presenza di un mercatino dei prodotti tipici locali, organizzato da Silvia Mandara, ormai più che collaudata “promoter” di Furore e per questo assegnataria del Premio Ape, la cui cerimonia di consegna si è tenuta Venerdi scorso in un’apposita manifestazione svoltasi nella Chiesa di S. Maria della Pietà. Gli altri premiati sono stati, con motivazioni diverse: Salvatore Fusco, ricercatore scientifico presso l’Università di Roma;

Marius Kalista, filmaker polacco, autore di straordinari servizi fotografici su Furore;

Carlo Fusco, titolare dell’azienda “Carluccio” e confezionatore di prodotti agroalimentari (limoni, pomodorini, ecc) della Costa d’Amalfi, al quale è andato lo “speciale” Ape Regina;

Francesco Esposito, responsabile de “I Secacorne”;

Franco Capriglione, capitano degli spintori del Palio.

Un weekend magico, vissuto sull’onda dell’entusiasmo per tutti i Furoresi. Una grande festa di popolo da ripetere a tutti i costi.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.