Fonderie Pisano: appello Cisal a parlamentari su delocalizzazione

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa

“Sulle Fonderie Pisano ritengo assordante il silenzio dei parlamentari salernitani dopo le ultime proteste, a mio avviso strumentali, dei sindaci del Vallo di Diano e dell’area del Cratere. Rinnovo l’appello a deputati e senatori espressione del territorio di attivarsi per un tavolo di confronto sulla delocalizzazione”. Luigi Vicinanza, sindacalista della Cisal provinciale, torna a pressare gli esponenti politici del territorio per trovare una nuova sede all’opificio di Salerno.

“La questione giudiziaria e amministrativa sta facendo il proprio corso, ma a essere persa di vista è la vicenda legata alla delocalizzazione”, ha detto. “Ogni volta che si paventa un territorio idoneo a ospitare la nuova Fonderia spuntano fuori comitati ambientalisti, sponsorizzati senza criterio da sindaci e amministratori comunali che pensano solo al consenso politico e alla vera ricchezza che una fabbrica del genere può portare”.

Secondo Vicinanza, le ultime proteste avvenute a Buccino e nel Vallo di Diano sono tese solo a non trovare una soluzione definitiva alla vicenda. “Manifestare a priori contro la delocalizzazione, mettendo in atto un terrorismo psicologico, è sbagliato. Le attuali tecnologie dimostrano che le nuove Fonderie non sono inquinanti e hanno un impatto ambientale quasi a zero sul territorio. Una regola che vale anche per i termovalorizzatori. Questo non accade in Germania o in altre nazioni europee, ma in città della nostra Italia. La realtà di Brescia è ormai un’eccellenza in questo senso”.

Da qui, l’appello ai parlamentari: “Ribadisco quello che ho già detto nelle scorse settimane: nei primi 30 giorni della legislatura sarebbe positivo vedere un’interrogazione parlamentare bipartisan al nuovo Governo firmata da tutti i rappresentanti del territorio. Si faccia davvero chiarezza sulla delocalizzazione, quella che non è stata fatta invece dagli esponenti politici regionali e comunali in questi 15 anni. Il lavoro a Salerno c’è nel caso delle Fonderie Pisano, va solo difeso. Si vada oltre le ideologie”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.