Legato ad una catena non poteva neppure stendersi, scatta la denuncia

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
La segnalazione è partita dai volontari dell’associazione “Amici di Pluto” che hanno allertato le guardie della Protezione Animali per la presenza di un Cinghiale finito intrappolato in una trappola in località Cappella a Sarno.

Le guardie hanno subito allertato la Stazione dei Carabinieri localmente competente d il personale ASL. Questi ultimi si sono recati sul posto e, con l’ausilio della tele anestesia, hanno narcotizzato l’animale e provveduto a liberarlo.

L’operazione è stata resa difficile dal buio ma dopo alcuni tentativi il Cinghiale si è addormentato ed ha permesso ai medici di liberarlo e controllare che non vi fossero ferite. La femmina di Cinghiale aveva intorno a sé i suoi piccoli, per questo motivo stava tentando da ore di liberarsi dal cappio che la strangolava.

Sarebbe morta all’interno della trappola per poi finire nel piatto del bracconiere, i cuccioli sarebbero morti di fame. Fortunatamente l’intervento tempestivo dei medici ha evitato ciò. Concluse le operazioni di salvataggio, il mar. Varo, il Brig. Capo Cesare e l’appuntato scelto Siani in concorso con le guardie Enpa si sono attivati per identificare il proprietario delle trappole mediante appostamenti.

Dopo alcuni tentativi, il soggetto veniva identificato mentre riattivava le trappole precedentemente disarmate dagli agenti. Il soggetto è stato identificato e deferito all’A.G. per reati connessi alla Legge  157/92, le trappole sono state prontamente sequestrate. Dopo questo primo intervento, la Protezione Animali si è spostata a Pogerola per un caso di maltrattamento di un cane, tenuto in modo non consono.

L’animale era denutrito e legato ad una che si era avvitata su se stessa costringendo l’animale a non potersi stendere. L’attività è stata
condotta con la locale Polizia municipale e l’Asl competente ed anche in questo caso si è proceduto al sequestro del cane e al deferimento del soggetto.

Il personale dell’Enpa ringrazia sentitamente i Carabinieri di Sarno, la Polizia Municipale e l’Asl di Pogerola per la professionalità dimostrata.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.