Il fisco che verrà. La Flat Tax (di Luca De Franciscis)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Il nuovo sistema di tassazione dei redditi è ancora in fase di assestamento e i comunicati a volte si sovrappongono, ma questo appartiene alla politica e alla fase dei cambiamenti.

Giorno dopo giorno, specialmente nelle ultime settimane, si apprendono cose nuove che modificano quanto detto nei giorni precedenti.

Ad oggi si ha consapevolezza che non tutto è possibile realizzare subito e che non tutto potrà trovare capienza nella nota di aggiornamento del Documento Economico Finanziario, da presentare entro il 27 settembre.

Ieri, 16 settembre, è stata data notizia che le aliquote ridotte, per una minore tassazione dei redditi, saranno possibili solo per piccoli imprenditori e per i professionisti..

La proposta della Lega è di applicare una aliquota del 15% per soggetti con volume d’affari fino a 75 mila euro e 20% con volume d’affari fino a 100 mila euro. Per l’imposta sul reddito delle società (IRES) è prevista un’aliquota del 15%.

Il Vice Presidente del Consiglio Di Maio precisa che la Flat Tax non sarà di tipo rigido e le aliquote saranno almeno tre e non si applicherà la tassazione unica.

Per le persone fisiche non c’è capienza e si dovrà attendere il 2020.

Dalla proposta presente sul sito della Lega Nord si può capire quali sono i principi portanti per l’attuazione della semplificazione fiscale e, in particolare come potrà trovare applicazione la Flat Tax.

L’ ipotesi della Flat Tax progressiva è quella che tiene conto del “criterio di progressività” e, quindi, non incorrerebbe in ipotesi di censura.

L’ipotesi che si propone, per avere parità di gettito e progressività, è di alzare in parallelo sia l’aliquota di tassazione dei redditi che la deduzione per i componenti familiari.

La semplificazione porta a considerare come con un’aliquota del 15% e con 3.000 euro di deduzione, per ogni componente del nucleo familiare, basteranno pochi minuti per compilare la propria dichiarazione dei redditi.

Operativamente, dopo aver calcolato i redditi lordi incassati basterà detrarre i 3.000, euro per ogni componente la famiglia e l’importo che risulterà dalla differenza sarà tassato al 15%.

Gli esempi che si propongono sono:

– Un “single” che ha guadagnato 20mila euro lordi dovrebbe togliere dal reddito 3.000 euro di deduzione e pagare il 15% sui restanti 17.000 euro. Totale 2.550 euro di tassa. Tutto finito in pochi secondi senza bisogno di alcun aiuto per la dichiarazione dei redditi.

– Una famiglia di quattro persone con lo stesso reddito avrebbe 4 volte la deduzione fissa di 3.000 euro e quindi potrebbe dedurre 12mila euro portando a 8.000 euro l’imponibile e quindi pagando solamente 1.200 euro di tassa.

– In caso di famiglia con reddito pari a 25.000 euro lordo, percepito da entrambi i coniugi e un figlio, si avrà 50.000 euro di reddito complessivo meno 9.000 euro di detrazione, con conseguente imponibile di 41.000 euro su cui si pagherà il 15% di tassa pari a 6.150 euro.

Viene chiarito che possono essere ottenuti effetti redistributivi maggiori o minori fissando in modo differente i parametri aliquota/deduzione a parità di gettito stimato, in tal caso la regola è che ad aliquota più alta deve corrispondere deduzione più alta (con conseguente maggiore progressività) e viceversa.

Gli esempi sono suscettibili di adattamento e possono variare sia nell’aliquota sia nella deduzione.

Se si sceglie di adottare un’aliquota del 20% la deduzione dovrebbe essere pari a 5.000 euro.

Con un’aliquota al 25% la deduzione sarebbe di 7.000 euro.

A fronte di un onere maggiore per i redditi più alti una famiglia di 4 persone non pagherebbe alcun tributo sino ad un reddito di 28.000 euro.

Con la semplificazione di cui innanzi il cittadino effettuerebbe un unico versamento e verrebbero abolite le tassazioni anticipate, i sostituti d’imposta, le ritenute d’acconto e i conguagli.

Nell’ottica di semplificazione, poi, il dipendente statale e il pensionato dovrebbero ricevere il netto pattuito senza tassazione ed evitare, così, partite di giro da parte dello Stato.

Una tassazione così impostata comporterebbe l’abbandono di tutte le detrazioni e deduzioni.

Quanto sopra riportato è la sintesi dello schema proposto dalla Lega Nord per di rinnovare il sistema di tassazione vigente e costituisce solo informativa.

Luca De Franciscis

dottore commercialista

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.