Salerno: il Comune vara il piano dei «soft decibel» per la movida

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
«Regole chiare e certe sulla musica amplificata i locali possono dare musica in filodiffusione senza casse stereo. Stiamo mettendo a punto regole finalmente comprensibili a tutti, perché riscontriamo un po’ di incertezza, serve un chiarimento definitivo». Lo afferma Alberto Di Lorenzo dirigente comunale e responsabile del settore Attività Produttive in una intervista pubblicata sul quotidiano Il Mattino oggi in edicola.

Di Lorenzo annuncia una revisione del regolamento sulle emissioni sonore. Si tratta di  nuove misure per i locali che offrono musica ai giovani in orario serale e notturno.

«È intollerabile che venga leso il diritto al sonno e al riposo anche infrasettimanale. Abbiamo il dovere di tutelare questo bisogno. Siamo per l’intrattenimento e l’accoglienza e per migliorare l’appeal della movida, ma tutto va armonizzato con la vivibilità dei residenti in centro».

«Salerno offre zone dove si può fare discoteca – ammette Di Lorenzo – sono locali autorizzati a fare discoteca anche fino alle 5 del mattino. Ma siamo ben consapevoli che la cultura della discoteca come qualche generazione fa la concepiva, è cambiata».

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. Locali di intrattenimento a Salerno sono stati spazzati via …. ma viaggiate? Visitate altre città italiane oppure meglio ancora altre città europee? Solo in questa città di mini-poteri ed interessi particolari si fanno regole assurde …. poi non ci lamentiamo se viviamo dopo le 21 in una città ‘fantasma’ per salvaguardare quel benestante , quel magistrato o dottore che abita sul corso e vuole dormire e non esser disturbato nemmeno dalle sirene dell’ambulanza! Siete solo dei SERVI!!!

  2. Cosa abbia a che fare la discoteca con la buona live music nei locali, rimane, per me, un mistero. Parlare di filodiffusione rimanda ad un linguaggio da “nonni” veramente poco credibile. La musica ,quella buona, è cultura e questi proclami buonisti che ricordano quello che Majakowski chiamava ” l’infame buon senso”, andrebbero sostituiti con un programma serio. Individuare zone della città e standard acustici, per dare certezze ai pochi imprenditori e magari ai superstiti appassionati rimasti in città sarebbe un buon inizio. La certezza di poter fare investimenti
    ormai rari in questo settore nella nostra città, potrebbe passare attraverso una regolamentazione sull’uso di isolanti acustici sulle zone e gli orari in cui si possa far musica. Altro che nonni che dormono e che propongano musica da filodiffusione. Una cosa è limitare la musica da baraccone per strada e un’altra è il De profundis alla vivacità culturale.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.