‘Ndrangheta, 90 arresti: c’è anche un 48enne salernitano

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa

Un blitz che parte in contemporanea in quattro Paesi diversi. Manette che scattano nella Locride, come in Germania, Olanda e Belgio, mentre altri colleghi operano in diversi paesi dell’America Latina, per 90 arresti. È questo il risultato della maxioperazione internazionale, per l’Italia coordinata dalla Dna e dalla Dda di Reggio Calabria, scaturita da un’inchiesta europea sviluppata in ambito Eurojust. Per la prima volta, un vero e proprio team europeo di inquirenti e investigatori di Paesi diversi, il Joint investigation team, ha lavorato gomito a gomito per tracciare un percorso d’indagine comune, con un obiettivo comune: colpire la ‘ndrangheta e le reti di supporto che in tutta Europa hanno permesso non solo di importare droga, smistarla e reinvestirne i profitti. Un affare delle storiche famiglia della Locride, con i Pelle- Vottari da fare registi e i Ietto di Natile e gli Ursino di Gioiosa a supporto. Una trentina, secondo le prime indiscrezioni, gli arresti nella Locride. Nella rete creata dai clan della Jonica sarebbero stati coinvolti non solo calabresi, ma anche capi e gregari di organizzazioni criminali dei diversi Paesi in cui la ‘ndrangheta ha gestito traffici e affari. Fra loro, anche una piccola organizzazione turca specializzata nella realizzazione di doppifondi su auto e camion per occultare la droga e facilitarne il trasporto attraverso i diversi Stati dell’Ue.
Per quanto concerne l’Italia, l’ufficio G.I.P. presso il Tribunale di Reggio Calabria ha emesso tre distinte ordinanze di custodia cautelare disponendo la misura cautelare della custodia in carcere e degli arresti domiciliari nei confronti dei seguenti 70 soggetti, ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione finalizzata al traffico di stupefacenti, associazione mafiosa, riciclaggio, fittizia intestazione di beni ed altri reati, aggravati dalle modalità mafiose:

  1. Antonio Barbaro alias “Pileri”, nato a Locri (RC) il 27.8.1978 – Arresti domiciliari;
  2. Domenico Barbaro alias “Pileri”, nato a Locri (RC) il 17.9.1982 – Arresti domiciliari;
  3. Carmelo Bramanti, nato a Salerno il 3.12.1971 – Arresti domiciliari;
  4. Serkan Bilgici, nato a Bonn (Germania) il 17.01.1980 – Custodia in Carcere;
  5. Halil Bozkurt, nato a Mersin (Turchia) il 15.12.1980 – Custodia in Carcere;
  6. Giuseppe Campagna, nato a Napoli il 28.01.1973 – Custodia in Carcere;
  7. Maria Rosaria Campagna, nata a Napoli il 20.02.1969- Custodia in Carcere;
  8. Luciano Camporesi, nato a Rimini il 10.7.1975 – Custodia in Carcere;
  9. Salvatore Santo Cappello, nato a Napoli il 31.08.1992- Custodia in Carcere;
  10. Fausto Commarà, nato a Crotone il 04.12.1962- Custodia in Carcere;
  11. Domenico Condo, alias “Dominic – l’Australiano”, nato a Mount Lawley (Australia) il 29.8.1980- Custodia in Carcere;
  12. Natale Condò, nato a Locri (RC) il 24.12.1963- Custodia in Carcere;
  13. Antonio Costadura, alias “U Tignusu”, nato a Genk (Belgio) il 31.8.1974- Custodia in Carcere;
  14. Orsolia Andrea Cundy, nata a Dimbau (Romania) il 15.12.1992 – Arresti domiciliari;
  15. Roberto Esposito, nato a Gragnano (NA) il 14.09.1991 – Arresti domiciliari;
  16. Andrea Gentile, nato a Locri (RC) il 23.3.1989 – Custodia in Carcere;
  17. Giovanni Gentile, alias “Ciccione”, nato a Locri (RC) il 6.6.1981 – Custodia in Carcere;
  18. Giovanni Giorgi, alias “Gianni da Mamma”, nato a San Luca (RC) il 28.2.1966 – Custodia in Carcere;
  19. Giovanni Giorgi, nato a San Luca (RC) il 07.12.1963 – Custodia in Carcere;
  20. Rosario Grasso, nato a Gioia Tauro (RC) il 20.07.1982 – Custodia in Carcere;
  21. Giovanni Grasso, nato a Gioia Tauro (RC) l’8.6.1992 – Custodia in Carcere;
  22. ViteshJamnapersad Guptar, nato a Nickerie (Suriname) il 19.10.1974 – Custodia in Carcere;
  23. Antonio Ietto, nato a Careri (RC) in data 13.11.1971 – Custodia in Carcere;
  24. Domenico Antonio Jerinò, nato a Gioiosa Ionica (RC) il 12.5.1963- Arresti domiciliari;
  25. Rocco Jerinò, nato a Cinquefrondi (RC) il 26.6.1993 – Arresti domiciliari;
  26. Cesar Steven Linares Ramires, nato a Calì – Valle del Cauca (Colombia) il 11.06.1994- Custodia in Carcere;
  27. Carlo Luciano Macrì, alias “Rumeno”, nato a Siderno (RC) il 9.4.1962 – Custodia in Carcere;
  28. Girolamo Macrì, alias “Japan”, a Siderno (RC) nato il 15.10.1987- Custodia in Carcere;
  29. Josè Manuel Mammoliti, nato a Cinquefrondi (RC) il 03.05.1989 – Custodia in Carcere;
  30. Francesco Manglaviti, alias “CICI’”, Locri (RC) il 26.09.1972 – Arresti domiciliari;
  31. Francesco Marando, nato a Locri (RC) il04.1983- Custodia in Carcere;
  32. Giuseppe Marando, nato a Locri (RC) il 29.11.1985- Custodia in Carcere;
  33. Marco Martino, nato a Cosenza il 01.09.1979- Custodia in Carcere;
  34. Pasquale Biagio Muzzupapa, nato a Gioia Tauro (RC) il 03.02.1967 – Arresti domiciliari;
  35. Salvatore Pacino, alias “Saverio” – “U Pacciu”, nato a Gioiosa Ionica (RC) il 19.8.1965- Custodia in Carcere;
  36. Antonio Paparo, nato a Crotone il 17.01.1991- Arresti domiciliari;
  37. Tommaso Perlapiano, nato a Castellanza (VA) il 25.10.1971- Custodia in Carcere;
  38. Antonio Pelle, alias “Vancheddu”, nato a San Luca (RC) il 4.04.1962- Custodia in Carcere;
  39. Domenico Pelle, alias “Micu i Mata”, nato a San Luca (RC) il 15.10.1950- Custodia in Carcere;
  40. Domenico Pelle, nato a Locri (RC) il 15.04.1992- Custodia in Carcere;
  41. Francesco Pelle, nato a Locri (RC) il 17.11.1990- Custodia in Carcere;
  42. Giuseppe Pelle, nato a Locri (RC) il 19.05.1981- Custodia in Carcere;
  43. Giuseppe Pelle, nato a Locri (RC) il 19.09.1998- Arresti domiciliari;
  44. Giuseppe Pipicella, alias “Zipangulu”, nato a Locri (RC) il 20.05.1971- Custodia in Carcere;
  45. Antonio Pizzata, alias “Piritinu”, nato a Locri (RC) il 6.12.1988 – Arresti domiciliari;
  46. Domenico Romeo, alias “Corleone”, nato a Locri (RC) il 31.12.1978- Custodia in Carcere;
  47. Filippo Romeo, nato a Locri (RC) il 6.10.1976- Custodia in Carcere;
  48. Francesco Luca Romeo, alias “Biscottino”, nato a Locri (RC) il 25.9.1994- Custodia in Carcere;
  49. Giuseppe Romeo, alias “U Pacciu” – “Maluferru” – “U Nanu”,nato a Locri (RC) il 22.4.1986- Custodia in Carcere;
  50. Sebastiano Romeo, nato a Locri (RC) il 14.08.1979- Custodia in Carcere;
  51. Sebastiano Romeo, nato a Reggio Calabria il 10.2.1992- Custodia in Carcere;
  52. Stefano Romeo, nato a San Luca il 15.09.1967- Arresti domiciliari;
  53. Giulio Fabio Rubino, nato a Caserta il 16.04.1984- Custodia in Carcere;
  54. Serafino Rubino, nato a Caserta il 25.03.1980- Custodia in Carcere;
  55. Vincenzo Salzano, nato a Napoli il 16.07.1968- Custodia in Carcere;
  56. Angelo Sansotterra, nato a Magenta (MI) il 28.06.1949- Custodia in Carcere;
  57. Antonio Scalia, nato a Locri (RC) il 28.12.1978- Custodia in Carcere;
  58. Stefano Scalia, nato a Locri (RC) il 12.01.1984 – Custodia in Carcere;
  59. Raul Singh, nato in Guyana il 29.03.1983- Custodia in Carcere;
  60. Domenico Strangio, nato a Siderno (RC) il 18.11.1989- Custodia in Carcere;
  61. Giuseppe Strangio, alias “Cardara”, nato a San Luca (RC) 18.09.1959- Arresti domiciliari;
  62. Giuseppe Strangio, alias “Peppi i Cicciu”,nato a Locri (RC) il 04.05.1995- Arresti domiciliari;
  63. Sebastiano Strangio, alias “Zucchero – “Sebastianu cu zuccheru” – “Grigia” (Gringia), nato a Melito Porto Salvo (RC) il 29.10.1970- Custodia in Carcere;
  64. Kemal Tekin, nato a Colonia il 25.10.1984- Custodia in Carcere;
  65. Santa Ursini, nata a Gioiosa Ionica (RC) il 9.07.1942- Arresti domiciliari;
  66. Giorgio Violi, nato a Reggio Calabria il 07.07.1976- Custodia in Carcere;
  67. Gianluca Antonio Vitale, nato a Locri (RC) il 3.06.1978- Arresti domiciliari;
  68. Domenico Vottari, nato a Locri (RC) il 12.07.1982- Arresti domiciliari;
  69. Teresa Vottari, nata a Locri (RC) il 4.03.1970- Arresti domiciliari;
  70. Antonio Zappia, alias “Piola”, nato a Melito di Porto Salvo (RC) il 5.08.1992- Custodia in Carcere.

Quanto agli altri Stati, il BKA tedesco procederà all’arresto di 10 soggetti, di cui 6 sono colpiti anche dal titolo custodiale italiano (Serkan Bilgici, nato a Bonn (D) il 17.01.1980, Halil Bozkurt, nato a Mersin (TR) il 15.12.1980, Giovanni Giorgi, nato a San Luca (RC) il 07.12.1963, José Manuel Mammoliti, nato a Cinquefrondi (RC) il 03.05.1989, Giuseppe Marando, nato a Locri (RC) il 29.11.1985 e Tekin Kemal, nato a Colonia il 12.10.1984). Le Autorità tedesche hanno emesso provvedimenti cautelari in carcere anche nei confronti dei calabresi Bruno Giorgi, nato a Duisburg il 06.03.1978 e Francesco Giorgi, nato a Locri (RC) il 13.12.1985, entrambi indagati per traffico di droga. Francesco Giorgi, presente attualmente in Italia, verrà arrestato sulla base di un M.A.E. emesso dall’A.G. tedesca. Le Forze di Polizia Olandesi aderenti al JIT procederanno all’arresto di 7 persone, fra cui GIORGI Giovanni cl. 1966, che dovrebbe trovarsi a Tegelen, al confine tra Olanda e Germania, colpito dal M.A.E. emesso dall’A.G. italiana.
La Polizia Belga coopera nell’esecuzione di 3 M.A.E. emessi dall’A.G. italiana nei confronti di Antonio Calogero Costadura, Stefano Scalia e Domenico Strangio, 29enne, e procederà all’arresto di ulteriori 9 soggetti indagati nell’ambito di autonome indagini delle Autorità Belghe. Prenderanno parte in Italia all’Action day investigatori del F.I.O.D. olandese. Poliziotti e Finanzieri italiani parteciperanno alle operazioni in Germania ed Olanda. Tra i soggetti colpiti dal provvedimento restrittivo emesso dall’A.G. italiana figura il noto narcotrafficante Antonio Ietto (zio di Giuseppe e Francesco Marando), già tratto in arresto a Colonia il 3.08.2016, dopo un lungo periodo di latitanza, in quanto nei suoi confronti, nel corso delle indagini, sono stati acquisiti precisi elementi di responsabilità in merito alla pianificazione, posta in essere poco prima della sua cattura, di un ingente narcotraffico di centinaia di chilogrammi di sostanze stupefacenti. Analogo rilievo assume l’aver azzerato un consolidato gruppo di persone di origine campana in rapporto di stretta collaborazione con le famiglie della Locride che nel corso del tempo è stato capace di organizzare e gestire importanti carichi di cocaina provenienti dal Sud America.
Soffermandosi proprio sulle importazioni in Europa di grossi quantitativi di cocaina, è emerso un sodalizio di potenti narcotrafficanti che dai Paesi produttori facevano giungere sulle piazze europee massicce quantità di cocaina.

Fonte: larivieraonline

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.