Decreto dignità:  Cgil lancia allarme, a Salerno a rischio 400 posti di lavoro 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
È stato annunciato dal governo come la fine del precariato, ma il Decreto Dignità rischia di penalizzare ulteriormente i diritti degli stessi lavoratori che prometteva di blindare. E’ il caso di circa 400 lavoratori distribuiti in diverse aziende del salernitano per i quali la proroga del contratto a tempo determinato ora si fa difficile.

“Un’incertezza dettata non tanto dalla crisi, che ancora perdura nei settori produttivi nel nostro territorio, ma dall’entrata in vigore della normativa che ha ridotto il numero di proroghe possibili per i contratti a termine da 5 a 4, e la durata totale da 36 a 24 mesi, con l’apposizione della causale a partire dal 12esimo mese”. E’ quanto dichiara Antonio Capezzuto, responsabile del dipartimento mercato del lavoro Cgil Salerno.

“Per il 2019 i risultati si prospettano molto diversi dalle aspettative del governo – prosegue Capezzuto -, visto che il provvedimento è stato pensato per ridurre i contratti precari, mentre le aziende si stanno orientando verso la sostituzione di contratti a tempo determinato con altri contratti analoghi. L’avere reinserito l’obbligo di causale nei contratti è un fatto importante, ma averlo previsto solo al superamento del dodicesimo è un errore.

Nei fatti stiamo già avendo i primi riscontri: le aziende obbligate a concludere i contratti al raggiungimento dei 24 mesi, stanno optando per la sostituzione di questi lavoratori utilizzando contratti di lavoro di durata inferiore a dodici mesi, non soggetti all’obbligo di causale. Licenzio un precario con esperienza e ne assumo un altro ma per pochi mesi”.

Il Decreto Dignità “inoltre non  dice nulla sul lavoro intermittente, che negli ultimi mesi ha avuto una crescita esponenziale. Allora, se davvero si vuole attivare un’azione contro la precarietà, bisogna tenere insieme i pezzi, perché altrimenti l’azione è inefficace; anzi, si corre il rischio che tutti passino proprio al contratto intermittente”, conclude il sindacalista.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. che ridicoli e patetici finti tutori dei lavoratori ! Sempre più politicizzati e sempre più marginali. Quando approvavano il jobs act dove erano questi inutili ? A spasso con Renzi ? Questo decreto ha dato dignità a milioni di lavoratori e convertiti i contratti da vera e propria prostituzione (jobs act) a tempo indeterminato e dignitoso ! Buttate le tessere di questi venditori di fumo !

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.