Viareggio: immigrato gli spacca la testa, grave poliziotto salernitano

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
12
Stampa
E’ in gravi condizioni, ma per fortuna non in pericolo di vita, il poliziotto ferito mercoledì sera da uno spacciatore durante un servizio antidroga nella Pineta di Ponente a Viareggio.

Il giovane agente, 28 anni, originario di Sapri era in borghese quando è stato aggredito da un pusher nordafricano che lo ha colpito alla testa con un mattone, per poi darsi alla fuga scomparendo. Ferito seriamente alla fronte, con una frattura dell’orbita oculare e un’emorragia cerebrale, è stato portato d’urgenza prima all’ospedale Versilia e poi a Livorno, dove ha subito un delicato intervento chirurgico alla tempia: per ricomporre la frattura frontale gli è stata applicata una placca. E’ fuori pericolo e cosciente: resta sotto controllo per 48 ore, prima di un eventuale trasferimento al Versilia.

A far visita al giovane agente è arrivato in mattinata il Prefetto di Lucca Maria Laura Simonetti e il Questore Vito Montaruli, oltre al sindaco di Viareggio Giorgio Del Ghingaro. Dell’aggressore non c’è traccia. Sono in corso le indagini da parte del Commissariato.

Insorge intanto il sindacato nazionale dei poliziotti Sap che chiede la dotazione dei taser. “Una vicenda incredibile” – secondo il segretario generale Stefano Paoloni. “In questo caso il taser avrebbe permesso, senza contatti ravvicinati, di fermare l’aggressore che per poco non ha ucciso il collega. Lo straniero – spiega ancora – era armato di pietre, pertanto il collega non avrebbe potuto ricorrere all’arma in dotazione, altrimenti avrebbe rischiato la contestazione di mancata proporzionalità tra difesa e offesa.”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

12 COMMENTI

  1. è tutto a posto! “pure gli italiani lo fanno”! e quindi state tranquilli, tra poco la presidentessa e i buonisti andranno a portare la propria solidarietà al “migrante” per il disturbo arrecatogli dalla polizia durante il suo l’onesto lavoro che era costretto a fare in quanto in fuga dalla fame e dalla guerra!

  2. Siano maledetti tutti quelli che hanno permesso questo,i vari “democratici”di sinistra,giovani e meno giovani,i “compagni”che parlano di integrazione ma pensano solo al loro portafoglio…siete stati la rovina di questa nazione e sarete spazzati via dall’unico diritto rimasto a noi elettori…IL VOTO!lo stesso che per anni avete cercato di evitare appoggiando a più riprese i vari governi tecnici imposti dall’Europa delle banche alla quale avete giurato fedeltà.Martina,Prestigiacomo????Gino Strada???Cosa ne pensate??Perchè non fate un giro nelle periferie italiane dove le vostre”risorse”delinquono??Maledetti!!
    Un abbraccio al poliziotto,sperando si riprenda e possa tornare a difendere la gente perbene.

  3. Il taser, introdotto come sperimentazione dal governo Renzi, è diventato equipaggiamento standard l’anno scorso. Se i poliziotti non ce l’hanno ancora in dotazione protestino presso l’attuale ministro dell’interno, magari tra una felpa nuova e l’altra trova anche il tempo di farglieli avere.

  4. Non siate raSSisti suvvia, aprite il vostro cuore e le vostre case a questi “disperati” che scappano da fame e guerra : non vedete come sono deperiti? Non si tengono nemmeno in piedi, poverini!
    Per l’amico delle 17.19 : taser? Io avrei usato senza indugio l’altro equipaggiamento in dotazione. ….. (quale?bang bang! )

  5. Un poliziotto ridotto in questo stato e tu pensi a voti che perde la tua sinistra….metti nome e cognome,INFAME!

  6. Secondo me per le forze dell’ordine è meno rischioso andare ad arrestare un boss latitante,che questi delinquenti che andiamo a prendere a casa loro.

  7. Fanno bene in America estraggono la pistola e si difendono, altrimenti perché la portano non ha nessun senso. SOLIDARIETÀ al poliziotto.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.