Salernitana, via la maschera a Perugia: il vestito non è da play-off

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
29
Stampa
Nella domenica di Carnevale la Salernitana era chiamata a gettare via la maschera. Se era vestita da squadra da play-off o da campionato anonimo. E al Curi il vero vestito della squadra campana è stato il secondo. Già, perché in una gara cosi importante sebbene dopo un buon inizio si è rivista la squadra timorosa di qualche settimana fa.

Sotto di due gol all’alba della mezz’ora con due tiri in due minuti (Verre e Sadiq) ha l’occasione con il solito bomber travestito (Casasola) di riaprire la gara e lo fa. Nella ripresa altra grande chance, rosso a Sadiq e quasi un tempo in superiorità numerica. Risultato? Tre a uno perugino e nessun tiro in porta granata nonostante i tardivi ingressi di Calaiò e Orlando. Carnevale è passato, la maschera è tolta. La Salernitana è una squadra da metà classifica.

Era sfida play off  dunque al Renato Curi di Perugia oggi alle 15 tra Perugia e Salernitana. Ottava contro nona in classifica, Gregucci contro Nesta. I due allenatori con un passato nella Lazio si ritrovano avversari in una sfida molto delicata per entrambe. La tradizione non è alleata dei granata.

Su 21 partite solo quattro volte la Salernitana ha conquistato l’intera posta in palio. L’ultima volta avvenne grazie ad un gol di Bombardini, era il 2005 e su quella panchina c’era Gregucci. Quattordici anni dopo Greg ci riprova affidandosi alla fantasia di Andrè Anderson, alla capacità di spinta di Casasola, alla ritrovata verve di Jallow alla voglia di rilancio di Djuric (con Calaiò chiamato a tirare il fiato) alla solidità difensiva con Mantovani, Migliorini e Pucino. Gregucci deve fare i conti con le solite e numerose defezioni ed è per questo che il mister ha convocato il giovane centrocampista della Primavera, Andrea Marino.

La Salernitana giocherà con il 3-4-1-2 con il brasiliano Andrè Anderson  alle spalle del tandem offensivo composto da Jallow e Djuric A centrocampo, come detto, Casasola si riprende la corsia di destra (al posto di Djavan Anderson) con Lopez dalla parte opposta ed il duo-inamovibile – oltre che superstite – formato da Minala e Di Tacchio. Anche in difesa, tutto inalterato.

Anche il pacchetto arretrato infatti, che ha mantenuto la porta di Alessandro Micai inviolata con i lombardi, sarà praticamente lo stesso, con Pucino riscoperto capitano e centrale di destra di difesa, Migliorini in mezzo ed il giovane Mantovani dalla parte opposta. Il Perugia o vince o perde.

Appena cinque volte è comparso il segno X mentre al Curi la compagine di Nesta è reduce da tre sconfitte di file. La Salernitana non sarà sola e verrà scortata da oltre 800 tifosi. Nella scorsa stagione finì 1 a 1 con gol di Rosina e Di Carmine. Lo scorso anno Lotito seguì la squadra al Curi e chissà non lo faccia anche oggi dopo la rotonda vittoria della sua Lazio nel derby con la Roma.

Una novità anche nel Perugia dove Nesta preferisce Carraro a Bianco (corteggiato a gennaio anche dai granata) in mediana. Gli umbri quindi con Gabriel tra i pali, Rosi Gyomber Sgarbi e Mazzocchi in difesa, mediana con l’ex Falzerano Carraro e Dragomir, il temibile Verre dietro Melchiorri e Sadiq.

Arbitra Guccini di Albano Laziale

LA PARTITA

Giornata di sole al Renato Curi di Perugia a far da scenario ad una classica del campionato cadetto. Curva Nord che si regala una bella coreografia prima del match. Colorati e rumorosi anche gli oltre 500 giunti da Salerno. Prime battute di grande intensità in campo. Granata con possesso palla e personalità ma sono gli umbri al 5’ pericolosi con una discesa di Sadiq, il suo cross al centro è preda di Minala in anticipo.

Dopo un giallo a Carraro per fallo su Di Tacchio è Djuric di testa a mettere i brividi a Gabriel. Anderson intanto dopo una scarpata di Melchiorri continua il match con un turbante al capo. Al 12’ la palla di Sadiq è per Verre: la conclusione del biancorosso è ribattuta in corner. Intanto anche l’ex Falzerano si becca il cartellino giallo cosi come Lopez per fallo su Rosi. Al 20’ è Mazzocchi pericoloso da cross dal corner, palla fuori.

Al 26’ buona azione umbra ma Melchiorri e Verre ciccano la conclusione. Ma il gol è maturo e il solito Verre si invola in ripartenza ed egoisticamente non serve la sfera ma fa partire un destro che brucia Micai. Esplode il Curi e i granata sbandano e cosi alla mezz’ora girata da applausi di Sadiq in area che pesca il 2-0. Il Perugia cala il ritmo e ne approfitta la Salernitana che rientra in gara con Casasola abile a sfruttare una palla vagante in area. Il Perugia non ci sta e un paio di volte con l’indemoniato Verre sciupa il tris. Finisce dopo due minuti di recupero un interessante e vivace primo tempo.

SECONDO TEMPO

Ripresa che comincia con Gregucci che inserisce Odjer per Minala. Granata che cercano di rientrare nel match e spingono molto. Pucino fermato da Sadiq fallosamente che si becca il terzo giallo umbro. Ma lo stesso attaccante dopo un minuto sempre su Pucino commette fallo, secondo giallo ed espulsione. Umbri in dieci. La Salernitana ci crede mentre il neo entrato Odjer si fa ammonire dopo un intervento rovinoso rischiando l’espulsione.

I padroni di casa non mollano e con Carraro mettono i brividi alla difesa campana. Anche Casasola commette un pericoloso fallo in scivolata. Entra Calaiò per un impalpabile Djuric. Nesta inserisce Han per un mediocre Melchiorri. E proprio Han sfrutta al meglio al 25’ un cross di Verre e sottomisura deposita in rete per il 3-1 importantissimo. Gregucci gioca il tutto per tutto inserendo Orlando per Pucino arretrando Casasola a terzino. Entra Oulai per Dragomis a undici dal termine. I granata non riescono a macinare azioni anzi è Rosi in ripartenza a far tremare la difesa campana. Dopo cinque di recupero finisce cosi. Perugia batte Salernitana 3-1. Frenata granata e umbri in area play-off.

TABELLINO PERUGIA-SALERNITANA 3-1

PERUGIA (4-3-1-2): Gabriel; Rosi, Gyomber, Sgarbi, Mazzocchi; Falzerano, Carraro, Dragomir (35’ st Kouan); Verre(46’ st Kinglsey); Sadiq, Melchiorri (21’ st Han). A disp. Bizzarri, Perilli, Felicioli, Bianco, Vido, Ranocchia, Bordin, Moscati, Falasco. All. Alessandro Nesta

SALERNITANA (3-4-1-2): Micai; Pucino (30’ st Orlando), Migliorini, Mantovani; Casasola, Minala (1’st Odjer), Di Tacchio, Lopez; A. Anderson; Djuric (18’ st Calaiò), Jallow. A disp. Vannucchi, Lazzari, D. Anderson, Vuletich, Gigliotti, Marino, Memolla, Mazzarani. All. Angelo Gregucci

ARBITRO: Sig. Francesco Guccini di Albano Laziale (Lanotte/Maccadino) IV uomo: Di Martino

NOTE. Marcatori: 28’ pt Verre (P), 31’ pt Sadiq (P), 35’ pt Casasola (S), 26’ st Han (P); Ammoniti: Carraro, Falzerano, Sadiq (P), Lopez, Odjer, Casasola, Mantovani (S); Espulso Sadiq (P) al 9’ st per doppia ammonizione; Angoli: 7-3; Recupero: 2’ pt – 5’ st; Spettatori: 8856 di cui 821 da Salerno.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

29 COMMENTI

  1. Vergogna! !!!!!
    Vergogna! !!!!!
    Vergogna! !!!!!
    Gregucci scandaloso
    In giro per l Italia a fare solo figure di mera! !!!!!

  2. E ci voleva perugia per capire che non eravamo da PLAYOFF. Pensiamo a salvarci. LOTITO VATTENE

  3. Oggi 3 marzo si è concluso ufficialmente il nostro campionato! Arrivederci all’anno prossimo.

  4. ma perche’ c’erano ancora dubbi un altro campionato del niente grazie al re dei babba’ e ai presidenti di una associata basta che pagano gli stipendi poi tutto il resto e il nulla contenti voi.

  5. E non capisco come mai vi siete intestarditi
    per mesi a sostenere che invece questa era una buona squadra. Invece è piena di comprimari e di giocatori scarsi. E uno dei più scarsi è Jallow. Avete visto quanti passaggi elementari ha sbagliato oggi, quanto controlli ha fallito, quante palle sì è fatto recuperare ( a proposito: Falzerano è un mostro! ). È evidentissimo che il controllo al volo sul gol alla Cremonese è stato casuale. Rassegnamoci. Son più di 15 anni che a Salerno non si vede un briciolo di gioco.

  6. Partita oscena, Djuric inutile dire, Jallow impalpabile ed irritante, anche Anderson sotto tono, giocatori svuotati e abulici che sbagliano anche passaggi semplici, Odjer il solito entra al primo pallone in modo duro e becca giallo quasi rosso. Formazione sbagliata perche’ Djuric e’ improponibile e inutile visto che non andiamo sul fondo e mettiamo palloni al centro. Micai distratto sul secondo goal. Ennesimo torneo del possiamo ma non vogliamo e potremmo ma…….Ci state schiattando in corpo!!!!

  7. Ogni commento ormai è superfluo. Questa squadra è imbarazzante, si salverà, ma non ha la capacità di costruire un’azione degna di tale nome. La colpa ovviamente è della società.. Salernitani, la colpa è anche nostra, cacciamo questa gentaglia, tornino a roma

  8. Partita vergognosa. Squadra mediocre con giocatori fuori condizione e a fine carriera. Da saldi invernali. Svogliati, senza onore,. Grazie romani era questo che volevate e ci siete riusciti. Un altro anno di presa x i fondelli e sarà sempre così fino a quando non li manderemo via a calci. Disertare l(Arechi unica scelta è chi ancora dice il contrario è un venduto.

  9. Ben vi sta..ancora che sperate in questi buffoni. Da salernitano mi duole ma credo che a questo punto comincio a tifare Napoli..almeno portiamo avanti l’orgoglio meridionale grazie ai cugini partenopei! Stasera contro i Savoia per vincere.

  10. Gregucci vattene sei scarso e incompetente avevi centrocpobdebole attacco vomito e tu sei la vergogna di allenatore raccomandato dimettersi

  11. Iat a fatica’ meglio vedersene bene dei soldi invece di buttarli appresso a gente che nn entra nemmeno in campo . Scandalosi , di tacchino migliorini casasola il resto è solo sfravecatura

  12. Tifosi salernitani stupidi,e non si offenda nessuno: ma ancora vi ostinate? Ma vedete che l’andazzo e’ sempre lo stesso?Si vince una,si perde l’altra,ogni tanto pareggia e di nuovo vince,perde,pareggia,se poi per caso se ne vincono 2,se ne perdono 3.
    Oh,guardate:un ciuccio che vola!Che beeeeelo!!

  13. State tranquilli il galleggiamento è garantito.E poi ci si lamenta se la gente non va allo stadio. Vedere giocare questa squadra è uno spettacolo veramente indegno. State sfasciando e umiliando una delle tifoserie più belle d’Italia.

  14. E VABBE’ GIUSTAMENTE LA COLPA COME SEMPRE E’ DEI TIFOSI CHE METTONO PRESSIONE…..MA ANDATE AL DIAVOLO PER FAVORE CAMBIATE MESTIERE SIETE INDEGNI DI INDOSSARE LA NOSTRA MAGLIA !!!

  15. ragazzi, ve la prendete tanto con gregucci ma non capite che la squadra è scarsa. Con un centrocampo che fa piede e piede, dove di tacchio si erge a top player, ma come volete che facciano gioco, con qualsiasi allenatore. Bisogna dire le cose come stanno, siamo scarsi. Restiamo in media alta classifica perchè il livello della serie b è scadente.

  16. senza i romani e fabiani, mi accontento anche di una C2…….. facciamoli sparire, stanno cancellando il calcio a Salerno. i loro misfatti sono davanti agli occhi di tutti:
    Rosina in 3 anni di contratto ha giocato al massimo 8 partite intere
    Di Gennaro é una truffa bella e buona;
    Minala é l’eroe del Partenio, grazie ma adesso fuori dalle p…. tanto se era buono Tare se lo teneva
    Djurich é ingiudicabile, neanche come ragioniere in società potrebbe stare.
    Calaiò, un bell’attaccante 12 anni fa, ma come si fa a immaginare di risolvere i problemi di attacco con un giocatore fermo, dico fermo, da 12 mesi
    questa é incompetenza o malaffare.

  17. società sana e con i bilanci in regola. Lotito, Mezzaroma e Fabiani, sapete cosa dovete farci con i vostri bilanci in regola ? lo sapete, non é necessario che diventi volgare.

    le società di calcio producono spettacolo e risultati, non c’entrano nulla con il PIL e lo Spread.

  18. In questa squadra solo in due sanno giocare al calcio. Uno è Rosina, e non gioca. L’altro è A. Anderson, che però e troppo giovane e soprattutto non ha molta personalità. Non è solo questione di età, però. Barella nel Cagliari è suo coetaneo ma non si nasconde e cerca sempre di giocare la palla. Diversi gradini più sotto ci sono Casasola, Di Tacchio, Migliorini e forse Lopez, tutti però degni di una buona squadra di B. Non giudico Calaio’ il cui curriculum però non si discute. Neanche Di Gennaro, che non è mai pervenuto. Salverei anche Akpa Akpro e forse, dico forse, il portiere. Il resto è da buttare, buono per una discreta serie C.

  19. Aspettiamo malinconicamente l’anno calcistico 2019/2020…
    Che schifo!

  20. con le finte plusvalenze? e che ci vuole, basta un ragioniere e nemmeno tanto bravo

  21. Il vero scandalo è che questa squadra non ha mai avuto gioco da anni ed è sempre stata costruita a “cazzo di cane” ma nonostante ciò non retrocede. Ma come fanno?

  22. Da abbonato è l’ultimo anno che vi porto soldi…. DOVETE SOLO ANDARE VIA DA SALERNO!!!! SOCIETA’ INDEGNA.

  23. E’ l’ultimo anno che mi vedrete sui gradoni della mitica Curva Sud. Fino a che il Comune non caccerà via questi PAPPONI ROMANI non mi vedranno più. Solo in trasferta per poche apparizioni ma mai più in casa. Comune di Salerno complice della Società!!!!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.