In Svizzera arriva la multa con Photoshop che calcola la velocità dell’auto

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Multe che “piovono” con l’ausilio di Photoshop? Tale innovativo sistema di rilevazione è stato utilizzato come prima mondiale in Svizzera dove, a bordo della sua Ferrari, il presidente del consiglio di amministrazione di un fornitore di servizi finanziari, nel febbraio del 2017, è tornato a casa di tutta fretta prendendo l’autostrada A3. La polizia lo ha notato e filmato. Secondo l’accusa, ha superato la velocità massima, di 120 km/h, in media di 46 km/h. Per queste ragioni l’uomo è finito a processo per la grave violazione del codice della strada. Il Tribunale di Zurigo, nel gennaio del 2019, ha dichiarato colpevole l’imputato e l’ha condannato a una multa, sospesa condizionalmente, di 75.000 franchi (pari a 66mila euro) e una sanzione da pagare di 3.000 franchi. L’ammenda è così alta date le 25 aliquote giornaliere fissate a 3000 franchi l’una. D’altra parte, come noto, l’importo viene stabilito sulla base della situazione finanziaria del soggetto interessato dal provvedimento, che in questo caso guadagna più di 48.000 franchi al mese. Ma a rendere il caso interessante a livello mondiale, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente “Sportello dei Diritti”, non è tanto la contravvenzione quanto la procedura utilizzata per il calcolo della velocità. Non essendo il rilevamento effettuato dalla polizia attendibile (causa una distanza tra l’auto guidata dagli agenti e la Ferrari non conforme a quanto prescrive il regolamento), la corte si è basata su un parere dell’Istituto Forense di Zurigo. Questi ha sfruttato il video della polizia e lo ha analizzato utilizzando il programma di elaborazione delle immagini Photoshop. La velocità media (166 km/h con un errore dell’uno per cento) è stata rilevata dai pixel dei fari. La sentenza non è ancora definitiva e può, in caso di ricorso, passare nelle mani del Tribunale federale. Come funziona la misurazione tramite pixel? Secondo Ralph Hirt, portavoce della polizia cantonale di Zurigo, la misurazione tramite pixel è stata applicata seguendo questo ragionamento: se l’auto inseguita avanza più velocemente, la distanza dal veicolo della polizia tende ad aumentare. Questa distanza può essere determinata sul computer, ad esempio, in base al numero di pixel tra i due fanali posteriori dell’auto tracciata. Poiché la velocità del veicolo della polizia è nota, la distanza crescente tra i due veicoli dimostra che quello inseguito viaggia più velocemente. Dalla velocità media determinata, viene sottratta una tolleranza (margine d’errore) dell’un percento.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.