Paolo Borrometi da Cava de’ Tirreni: «Il futuro passa da conoscenza e informazione»

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
«Un giornalista che piace ai politici non va. Un giornalista deve fare le pulci a qualsiasi forma di potere». È un messaggio forte quello che Paolo Borrometi, giornalista più volte minacciato e aggredito dalla malavita siciliana e costretto a vivere sotto scorta per aver dato nome e cognome alla “mafia invisibile”, ha lanciato venerdì scorso dal palazzo di Città di Cava de’ Tirreni.

Ospite d’onore del dibattito dal tema “Diritto d’informazione e libertà di stampa: quale fututro?”organizzato dall’Associazione giornalisti Cava de’ Tirreni e Costa d’Amalfi “Lucio Barone”, presieduta da Emiliano Amato, con il patrocinio dell’amministrazione comunale, Borrometi ha narrato la sua storia personale e professionale mettendo in guardia dalle lusinghe di un giornalismo facile, asservito al potere.

Sollecitato dal vicepresidente Franco Romanelli e dalle riflessioni degli studenti del locale Liceo economico sociale “De Filippis-Galdi”, accorsi numerosi all’importante appuntamento, a loro si è rivolto nel sottolineare che il «futuro passa dalla conoscenza e dall’informazione e, quindi, da un giornalismo libero che racconti ciò che accade realmente e che faccia la pulce ai potenti».

Quello del giornalista è un lavoro come tanti che si pratica con la correttezza e l’etica. In più, avverte Borrometi, il giornalista ha la responsabilità imprescindibile di informare. Se volta le spalle alla verità, di conseguenza, egli non racconta e non informa e, pertanto, i cittadini non sanno da che parte stare. Ma non si sente solo in questa scelta Paolo Borrometi: Giovanni Spampinato e Giancarlo Siani, solo per citare alcuni nomi illustri del giornalismo d’inchiesta, «insieme a molti altri mi danno la forza di andare avanti».

Tanti, poi, i momenti toccanti della sua testimonianza: non può dimenticare, Borrometi, gli uomini incappucciati che lo presero e lo pestarono, sino a procurargli una tripla frattura alla spalla, lasciandolo esanime a terra in una pozza di sangue. Né può farsi scivolare l’attentato seguito immediatamente dopo, durante la convalescenza, quando fu dato fuoco all’abitazione familiare. O, ancora, i due ulteriori tentativi fortunatamente sventati. Una spietata guerra, tra società e mafia, in terra siciliana. Una guerra impari che vede cinque milioni di abitanti sopraffatti da settemila adepti mafiosi. Numeri che fanno pensare.

Una informazione corretta e documentata è stato il filo conduttore che ha coinvolto anche Anna Bisogno, giornalista e docente di Storia e Linguaggio della radio e della televisione presso l’Università Roma Tre e padreEnzo Fortunato, direttore della Sala Stampa del Sacro Convento di Assisi.

Riflettere sui mezzi di informazione per far sì che si costruisca nelle persone una coscienza civica improntata al bisogno di verità e, al contempo, capire anche le tante implicazioni che possono impedire questo cammino, sono stati i passaggi salienti di un confronto tra realtà diverse e diverse generazioni.

A loro è stato attribuito il premio ComunIcare, ideato dall’Assostampa “Lucio Barone”, perché, in forme espressive molteplici, Paolo Borrometi, Padre Fortunato e Anna Bisogno hanno “cura della comunicazione”.

E volgendo lo sguardo al territorio, sono state premiate numerose altre realtà come la testata giornalistica web radio tv “LaRed” di Cava de’ Tirreni; Lolita D’Arienzo, attivissima scrittrice cavese colpita da Sla; monsignor Giuseppe Imperato, parroco emerito del Duomo di Ravello; Sigismondo Nastri, decano dei giornalisti della Costiera Amalfitana; il sottotenente dei Carabinieri Gerardo Ferrentino, già comandante della Stazione Carabinieri di Vietri sul Mare-Cetara.

Insigniti del riconoscimento “Pontegiovane”, spettante a personaggi, gruppi o situazioni giornalistiche in grado di aprire finestre di opportunità per i giovani emergenti, il “Piccolo Teatro al Borgo” di Mimmo Venditti e “Arcoscenico” di Luigi Sinacori.

All’Associazione Sbandieratori Cavensi il premio speciale per la diffusione della cultura della pace, della fratellanza e della diversità.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.