Regionali in Campania, De Luca sfida Dema: «Lo aspettiamo a braccia aperte»

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
«Aspettiamo a braccia aperte tutti quanti. Mi ricordo che si voleva candidare alla presidenza del consiglio, all’Europarlamento. A ragà facciamola finita. Io sono come Mourinho, da questo punto di vista, non faccio pubblicità gratuita a nessuno, mi devono pagare». Il governatore della Campania, Vincenzo de Luca, risponde così a chi gli chiede di un’eventuale candidatura alla Regione Campania del sindaco di Napoli, Luigi de Magistris.

«Perché io passo le giornate a lavorare – dice a margine di una conferenza stampa – chi non ha niente da fare dalla mattina alla sera cerca di farsi pubblicità gratuita litigando con me. Io non ho da litigare con nessuno, devo risolvere i problemi a cominciare da quello del teatro San Carlo, da quello del Mercadante, dall’Anm, gli stipendi che non paga nessuno se non caccia i soldi la Regione».

«Mentre gli altri fanno gli appelli ecumenici, io ho il problema di pagare gli stipendi a tutti quelli che con gli appelli ecumenici non mangiano alla fine del mese».

Il governatore della Campania risponde anche in merito alla vicenda del teatro San Carlo e cita Massimo Troisi: «Io non litigo con nessuno ma l’idea espressa in maniera geniale da Troisi che tutti quanti vogliono regalare il televisore alla mamma ma poi la Regione viene chiamata a cacciare milioni e gli altri, tutti insieme, non cacciano un accidente di niente è un’idea che ha a che fare con l’opportunismo e con la mancanza di coraggio nel chiamare le cose con nome e cognome. La palude di Napoli non è determinata dalle liti ma dall’opportunismo, dalla mancanza di coraggio nel chiamare le cose per nome e cognome».

«Dobbiamo evitare generalizzazioni – spiega – abbiamo tanti settori della società civile che sono pienamente impegnati e abbiamo settori che hanno, in particolare a Napoli, un vizio genetico di opportunismo, non riescono mai a parlare degli interlocutori istituzionali facendo nomi e cognomi, è una cosa che mi indigna e che io considero intollerabile».

«Se io vado al San Carlo e dico dopo quattro anni ai dipendenti: guardate che si apre un periodo delicato perché il quadro dei finanziamenti è questo, non c’è nessuna lite perché con i numeri non si litiga. Mi aspettavo che qualcuno si rivolgesse alle istituzioni che fanno finta di non capire e sottolineassero lo scandalo vero: e cioè il fatto che c’è una istituzione che non caccia neanche un euro. Questa è la realtà. Dove sono le liti?».

E ancora: «Quando si parla dello stadio San Paolo e la Regione caccia 20 milioni di euro perché nessuno caccia un euro e qualcuno parla di liti questo si chiama opportunismo. E su questa base una società civile non cresce e non cresce il dibattito pubblico. La mia opinione è sempre quella, fare un’operazione verità, dire le cose come stanno e poi avere un attimo dopo il coraggio di dire chi ha la responsabilità di cosa. Ovviamente questo presuppone in primo luogo un lavoro di informazione ma non tutti hanno la vocazione a studiare i problemi e a informarsi prima di parlare bocca. E quindi ci troviamo di fronte ad appelli noiosi insopportabili, banali, assolutamente inutili a non litigare».

Fonte IlMattino.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. Vergognati 20 milioni di euro per il San Paolo 4 milioni di euro per l’Arechi. Noi non siamo napoletani

  2. Comincia la solita operazione “Simpatia” nei confronti dei Competitors elettorali.
    I problema, indipendentemente, da chi lo sfida alle urne, e’ cosa lui ha concretamente mantenuto di quello annunciato la scorsa campagna elettorale regionale.
    Due settori e non di poco conto, Sanità e Sistema organizzativo della gestione dei rifiuti.
    Ripeteva come un mantra che con lui tutto si sarebbe risolto o cominciato a risolvere. Datagli l’ennesima fiducia votandolo, la peggiore delle solfe, proprio perché da uno che ti denunciava quello che non andava e che andava fatto.
    E quindi oggi, a quasi 4 anni dei 5 del suo mandato…..
    Spazzatura a-go-go ed impianti di stoccaggio e smaltimento dove non ci ha ancora capito una beata cippa. Clientelismo, nepotismo e politica politicante tra Asl ed ospedali con il contribuente regionale che si deve pagare in toto analisi ed esami strumentali.
    Dai Simpaticone, raccontacene qualcun’altra e facci continuare a ridere

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.