Salerno: liste d’attesa più lunghe per i ricoveri al Ruggi

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
5
Stampa
Si allungano  i tempi di attesa per i ricoveri programmati al Ruggi di Salerno. Nei dati relativi al secondo semestre del 2018, si evince un calo delle percentuali di operazioni chirurgiche effettuate nei tempi previsti dai codici di priorità per il tumore all’utero, l’angioplastica, la protesi d’anca, e la riparazione inguinale. Lo scrive Il Mattino oggi in edicola.

Per quanto riguarda la chemioterapia in day hospital, oppure quelli al colon retto, gli interventi vengono eseguiti entro 30 giorni. Flessioni si registrano invece, per quanto riguarda le operazioni di tumore all’utero.

Fonte: Il Mattino

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

5 COMMENTI

  1. OVVIAMENTE… COSI TI COSTRINGONO A FARE TUTTO A PAGAMENTO. COME E’ CAPITATO A ME… UN ANNO DI ATTESA… MI DISSERO CHE C’ERA UN’ALTRO ANNO CIRCA DA ASPETTARE MA ALLA MIA RICHIESTA SE FOSSE STATO POSSIBILE FARE TUTTO A PAGAMENTO, SONO STATO OPERATO IN DIECI GIORNI. CI FANNO MORIRE STE MERDE.

  2. l’innesto dei luminari universitari nell’assistenza ospedaliera al ruggi non ha dato i risultati auspicati. forse sarebbe meglio farli insegnare e il loro fondo per l’assistenza girarlo a medici che si dedichino alla cura e gli interventi.

  3. Vorrei invitare la redazione ed i lettori ad una riflessione. Alcuni centri diagnostici privati di Salerno, in concomitanza con il blocco delle convenzioni per lo sforamento dei budget trimestrali, stanno pubblicizzando l’esecuzione di esami (tac e risonanza con e senza mezzo di contrasto, e altri) a prezzi estremamente bassi per favorire chi deve eseguire con urgenza questi esami. Trattasi di un gesto apprezzabile ma che fa riflettere. Forse questi prezzi offerti in questo momento contingente sono i prezzi giusti da applicare e che il ministero della sanità dovrebbe corrispondere, a regime, a queste strutture private per rimborsare le prestazioni erogate. Quindi andrebbero rivisti i listini di tutte le prestazioni e sicuramente la Sanità italiana potrebbe risparmiare tanti soldini che potrebbero servire per aumentare il numero e la qualità delle prestazioni nelle strutture pubbliche. Cosa ne pensate?

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.