La Felicità è partecipazione (di Tony Ardito)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Una risoluzione dell’Onu del 2012 ha stabilito che il 20 marzo si celebra la Giornata Internazionale della Felicità.

Secondo una classifica stilata dalla Gallup – società di consulenza e statistica – con il supporto di diversi ricercatori indipendenti, prodotta dal Sustainable Development Solutions Network in partnership con la Fondazione Ernesto Illy, è la Filandaia a detenere il primato mondiale della felicità.

Alla base della ricerca i dati raccolti, tra il 2016 e il 2018, intervistando i cittadini su alcuni temi fondamentali come il sostegno sociale, la speranza di vita, la libertà, la generosità e la corruzione. Con la Finlandia, completano, non a caso, la top ten del Rapporto Mondiale sulla Felicità la Danimarca, la Norvegia, l’Islanda, l’Olanda, la Svizzera, la Svezia, la Nuova Zelanda, il Canada e l’Austria.

Determinante sarebbe il modo in cui le comunità interagiscono tra loro; la relazione tra felicità e comunità sarebbe, dunque, strettissima. Ciò significa che è come si interagisce nelle scuole, negli ambienti lavorativi, nei vicinati, ma anche attraverso i social media la chiave per la felicità, almeno secondo John Helliwell, co-autore dello studio.

E se in alcuni Paesi del mondo, lo stato di povertà, l’instabilità politica e sociale determinano la diminuzione del livello di felicità, in altri, Stati Uniti in primis, dipendenze come l’abuso di sostanze o del gioco d’azzardo, fino all’utilizzo incontrollato dei media digitali sono i fattori determinanti dell’epidemia di infelicità sempre più crescente.

In questa particolare classifica l’Italia è posizionata piuttosto indietro. Il settimo World Happiness Report attribuisce, infatti, al nostro Paese il 36esimo posto; risultato che dovremmo addirittura considerare come un piccolo successo, tenuto conto che ha recuperato ben 11 posizioni rispetto all’anno precedente.

Si ricordi che il diritto alla felicità, o meglio al perseguimento della stessa, fu sancito, come fosse scolpito, nella Dichiarazione di Indipendenza delle colonie che fondarono il nucleo degli Stati Uniti d’America, promulgata nel 1776, scritta da Thomas Jefferson.

Sono l’amicizia, le relazioni umane, l’altruismo i fulcri su cui ancora oggi fa leva il culto della felicità. Accanto ad essi si schiude una antica e sempre nuova positività per la costruzione di qualità umane individuali che contribuiscano a dar luogo a società fiorenti e felici, le quali tuttavia non potranno mai prescindere, innanzitutto, dall’etica della responsabilità, individuale e collettiva.

Mutuando da Giorgio Gaber un suo celeberrimo inciso e sostituendo il sostantivo Libertà con Felicità, si potrebbe, allora, asserire che per una comunità, “la Felicità non è star sopra un albero; non è neanche avere un’opinione. La Felicità non è uno spazio libero; La Felicità è partecipazione”.

Tony Ardito

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.