Conclusa la demolizione di ponte Morandi a Genova

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
A un anno dal crollo, la demolizione di Ponte Morandi “è finita: sono state abbattute le ultimi parti della pila 2, l’ultima che rimaneva in piedi a ponente”. Lo ha annunciato Vittorio Omini, direttore tecnico dell’associazione temporanea di imprese incaricata della demolizione di quel che restava del viadotto sul torrente Polcevera. Ora è dunque tutto pronto per la ricostruzione: il primo pilone del nuovo ponto dovrebbe essere posato a settembre.

“Al momento – ha spiegato Omini – sono stati rimossi e spostati 15mila metri cubi di materiale, circa 35mila tra monconi abbattuti con esplosivo e palazzi demoliti”. Ancora da iniziare, invece, le operazioni sul cavalletto della pila 10 (i cui detriti sono in via Fillak), per il quale bisognerà attendere il via libera dei periti.

“Quando arriverà – prosegue Omini – sara’ necessaria una ventina di giorni”. A chiudere definitivamente la demolizione sono stati però i lavori sulle pile 1 e 2 del Morandi, quelle immediatamente a ridosso della collina di Coronata.

Intanto però non mancano le polemiche, a partire da quelle del’Osservatore Romano secondo cui a un anno dalla tragedia “tante promesse restano mancate”. Il giornale della Santa Sede sottolinea come “a un mese dal crollo il ministro dei trasporti Danilo Toninelli annunciava la nascita di una task force mai vista fino a oggi per monitorare le infrastrutture nazionali e verificarne lo stato di salute. Non è andata meglio neanche per la creazione della banca dati” utile all’Agenzia nazionale per la sicurezza delle ferrovie e delle infrastrutture stradali”.

E anche l’arcivescovo di Genova, cardinale Angelo Bagnasco, ha detto che se la crisi politica dovesse rallentare la costruzione del ponte di Genova e le altre grandi opere previste per la città sarebbe “una sconfitta grave per l’intero Paese agli occhi nostri e del mondo”.

Il porporato ha quindi detto che i parenti delle vittime sono sempre nel suo pensiero: “Come in quei momenti tragici li abbiamo in tutti i modi possibili abbracciati, penso ai miei sacerdoti che sono stati tutta la notte a vegliare i defunti, al funerale che è stato composto, raccolto nonostante la grande folla e la grandissima emozione di tutti. Genova non vuole che si sentano soli. Tutto quello che è possibile fare ancora vorremmo che si realizzasse intorno a loro”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. … aveva vinto l’appalto per la demolizione del ponte è stata esclusa perchè lo zio del cognato della nipote del marito della titolare aveva avuto problemi con la giustizia.

    Qualcuno ancora difende l’Unità d’Italia !
    Prima o poi ci spareranno addosso a vista e nessuno muove un dito, anzi … li votiamo pure.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.