Dieci effimeri propositi per il rientro (di Cosimo Risi)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa

  1. Dopo che ho staccato la spina dell’intelletto, non del cellulare sempre in carica altrimenti non sopravvivo, prometto di stare lontano dai pettegolezzi privati e pubblici. Non ascolto le voci di tizio che se la farebbe con caio né del ribaltone politico. In privato e in pubblico è lecito amoreggiare col diverso, quello che fino al giorno ti insultava e tu evitavi come la peste. La convenienza del momento vuole che ci mettiamo insieme per contrastare il lato oscuro della forza.
  2. Non mi farò più fregare con le vacanze d’agosto. Il prossimo anno si cambia registro, si parte da metà giugno a metà luglio, agosto in città è bello, ci sono gli spettacoli, parcheggi dove vuoi. Tutto questo al rientro. In aprile, appena al lavoro e in famiglia si accenna alla vacanza estiva, tutti eccepiscono che giugno – luglio hanno da fare, agosto è il mese giusto.
  3. Volare alto dopo che in agriturismo hai discusso d’Europa con la comitiva di olandesi. Gli olandesi sono viaggiatori incalliti, li trovi dappertutto tranne che nei Paesi Bassi che, per essere bassi, mettono già dal nome una nota di depressione. Hanno uso di mondo, ti spiegano che bisogna restare nell’Unione costi quel che costi e imparare l’inglese anche se il Regno Unito sta per lasciarla.
  4. Ai figli che vogliono studiare in Inghilterra, anche se i test d’accesso li spediscono in un’umbratile università di Scozia, facciamo presente che, grazie a BO-JO, il leggiadro diminutivo dell’arruffato Boris Johnson, essi saranno considerati cittadini terzi. Al pari degli Indiani Sikh che guidavano i bus a due piani quando da noi i Sikh erano quelli dei romanzi di Sandokan.
  5. Il Nord Africa continua ad essere off limits. La Tunisia che si salvava dal marasma ha perso l’anziano Presidente e rischia di perdere il compromesso fra laici e islamisti. In Libia puoi andare solo se scortato dal Tuscania. In Egitto puoi imbatterti in cattive frequentazioni. In Terra Santa devi fare lo slalom fra le proteste dei Palestinesi e le convulsioni elettorali d’Israele.
  6. Il Golfo lo eviti d’estate a meno che non vuoi cuocere ai 50 gradi esterni o congelare ai 18 gradi interni. Dubai ti attira con la sirena dello shopping elettronico, Qatar con la promessa dei mondiali di calcio in aria condizionata. Di certo non avrai problemi a rifornire l’auto di carburante, la benzina abbonda, non ci fai la doccia solo perché è oleosa.
  7. L’India ha il suo fascino. Non fare lo schizzinoso se ti consigliano di disinfettare la verdura e poi cuocerla, di bere solo da bottiglie sigillate, di non affratellarti con le indigene, eccetera. Difetta la privacy: il miliardo e mezzo di abitanti si sente tutto.
  8. Il Nord Europa è civile, ordinato, sicuro. Ma climaticamente imprevedibile. Passi dai 35 ai 18 gradi in un battibaleno, se non ti vesti a cipolla, rischi che ti mettano a essiccare con lo stoccafisso.
  9. Gli Stati Uniti. Chi non sogna di andarci almeno una volta, in primis i figli che vorrebbero frequentare Harvard. Appena conosci le rette, li convinci che la Federico II tanto male non è. I cui laureati Harvard ingaggia da ricercatori.
  10. L’Italia è il paese più bello al mondo. Lo ripetono quelli che preferiscono stare dalle nostre parti, non cambiare le abitudini alimentari, essere pronti al rientro casomai mammà o i gatti abbiano bisogno. Ci siamo incattiviti e isolati. Torniamo in noi rapidamente per ritrovare l’orgoglio di essere europei in un mondo che predica la democrazia illiberale.

Cosimo Risi

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.