Vertenza rifiuti: stipendi in ritardo e lavoratori esasperati a Baronissi. Ira della Fiadel

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Vertenza rifiuti a Baronissi, stipendi in ritardo e lavoratori esasperati. Predisposti i bonifici per i 25 operai, ma la Fiadel attacca: «Una situazione che non può ripetersi ogni mese». Una vera e propria odissea, quella che coinvolge i lavoratori del cantiere della Valle dell’Irno, che si occupano di igiene urbana per conto della ditta Am Tecnology. Questi ultimi sono sul piede di guerra per il mancato pagamento della mensilità di luglio nei tempi previsti, che ha comportato un Ferragosto di sofferenza.

Lunedì il vertice in prefettura a Salerno per venire a capo della situazione, nello stesso giorno in cui l’azienda aveva assicurato che i versamenti sarebbero stati sbloccati. L’attesa invece si è prolungata, dando vita ad altri due giorni all’insegna della tensione. Ieri pomeriggio sarebbero infine partiti i bonifici.

«Apprendiamo che la situazione sarebbe in procinto di sbloccarsi – dichiara Angelo Rispoli, segretario Fiadel – Tuttavia il problema resta. Non è pensabile che gli stessi inconvenienti si ripetano, e che ogni mese ci si ritrovi punto e a capo. La ditta deve farci sapere quali sono le sue intenzioni, ovvero se è in grado di mantenere gli impegni presi con gli operatori, che non possono sostenere a lungo questi disagi».

Intanto, presso il Comune di Baronissi, è stato convocato per lunedì mattina, alle 9.30, un tavolo con sindacati, lavoratori e azienda. «Diamo atto al sindaco di Baronissi, Gianfranco Valiante, e all’assessore Alfonso Farina dell’impegno profuso – aggiunge Rispoli – Un ringraziamento anche al viceprefetto Vincenzo Amendola per la disponibilità». Poi la stoccata in merito alle assunzioni di operai dai consorzi, in particolare relativamente alla situazione del Corisa2:

«Continuiamo ad assistere a palesi violazioni della legge regionale sulla tutela occupazionale, in quanto ogni mattina vengono impiegati nel settore rifiuti diversi lavoratori interinali, precari e sottopagati, non solo a Baronissi, ma anche ad esempio nel cantiere Sarim di Pontecagnano. Il tutto a scapito dei lavoratori storici in lista di mobilità. Spieghino il motivo o in alternativa, se non diciamo il vero, ci querelino».

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.