Pestavano a sangue le anziane madri, figli violenti nei guai

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
Nell’ambito dell’azione di contrasto al fenomeno della violenza di genere, il Questore di Salerno ha emesso nr. 2 provvedimenti di Ammonimento ai sensi dell’art. 3 D.L. 119/2013 nei confronti di B.S., salernitano di anni 56, e di A.A., originario della costiera amalfitana di anni 49, resisi responsabili di maltrattamenti in famiglia, entrambi nei confronti delle rispettive anziane madri, che da anni subivano pesanti maltrattamenti fisici e psicologici da parte dei  figli.

L’adozione dei provvedimenti di Ammonimento da parte del Questore è scaturita a seguito degli interventi effettuati dalle Forze di Polizia, su richiesta delle vittime dei maltrattamenti in occasione degli ultimi recentissimi episodi di violenza.

In particolare per B.S., già più volte deferito all’Autorità Giudiziaria per maltrattamenti in famiglia, nei giorni scorsi gli agenti della Polizia di Stato dell’Ufficio Prevenzione Generale – Sezione Volanti sono intervenuti presso l’abitazione della donna che mostrava evidenti segni di aggressione sul corpo con copiose perdite di sangue. La stessa dichiarava di essere stata percossa con violenza per l’ennesima volta dal figlio.

Per quanto riguarda A.A., recentemente è stato deferito all’Autorità Giudiziaria dai militari della Stazione Carabinieri di Amalfi poiché resosi responsabile di maltrattamenti in famiglia a seguito di denuncia dell’anziana madre che denunciava ai tutori dell’ordine di aver subito reiterate condotte persecutorie da parte del figlio, nonché di episodi di percosse ed ingiurie protrattisi negli anni fino all’ultima aggressione avvenuta nei giorni scorsi.

Gli agenti della Polizia di Stato della Divisione Polizia Anticrimine, ricevuta la comunicazione dei reati descritti dalle Forze di Polizia intervenute nell’immediatezza, hanno rapidamente attivato l’istruttoria volta all’emissione dei provvedimenti di Ammonimento per entrambi gli autori delle condotte sanzionate.

Sempre nell’ottica della tutela delle persone più deboli, materia per la quale vi è molta sensibilità non solo da parte del legislatore, più volte intervento sull’argomento, ma anche delle Forze di Polizia e delle Autorità preposte alla salvaguardia e tutela della sicurezza dei cittadini, nei giorni scorsi il Questore di Salerno, a seguito di istruttoria effettuata dagli agenti della Divisione Polizia Anticrimine, ha irrogato a L.F.E. di anni 35, residente in altra provincia, il provvedimento del Divieto di ritorno ai sensi del D.L. 159/2011. Il provvedimento si è reso necessario a seguito delle reiterate condotte persecutorie e di minacce commesse nei confronti dell’ex coniuge.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. munnez, che a 50 anni vive ancora co mammà, frustati che se la prendono con loro perchè non hanno concluso un cazzo in 50 anni di vita. Fatevi una domanda e datevi una risposta.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.