fbpx

Ospedale Ruggi: non si ferma la “corsa” per la seconda cardiochirurgia

Stampa
Continua a tempi di record l’allestimento del secondo reparto di Cardiochirurgia all’Ospedale Ruggi d’Aragona di Salerno. Una vera e propria “corsa contro il tempo” per consegnare la divisione sdoppiata dal piano ospedaliero al nuovo primario ed ex consigliere regionale Enrico Coscioni.

Gli spazi prescelti, com’è ormai noto, sono quelli del terzo piano della Torre Cuore: con buona pace dell’ambulatorio di Oculistica Pediatrica, trasferito accanto alla Medicina Nucleare nonostante il pericolo di radiazioni ionizzanti; e con la riduzione della metà del centro di procreazione medicalmente assistita (da autorizzare nuovamente secondo la legge, allungando i tempi per le terapie e la conservazione dei tessuti dei pazienti oncologici)

Ma oggi vogliamo dare atto al commissario Vincenzo D’Amato di aver dato finora prova di solerzia e perfetta efficienza amministrativa, con tempi tedeschi, nelle procedure di allestimento della seconda Cardiochirurgia. Dal mese di dicembre ad oggi – si legge sul sito di LIRATV – non abbiamo soltanto la nota con cui si indicava il termine perentorio del 15 gennaio per fare spazio ad horas ai lavori per allestire il reparto del dottore Coscioni, ma pure la decisione-lampo con cui si trasferiscono venti infermieri dalla Medicina d’Urgenza alla nuova cardiochirurgia e la delibera con cui si estende il servizio di telemetria al reparto da creare ex novo.

Nel primo caso – quello dei venti infermieri sottratti alla Medicina d’Urgenza – il Tribunale del diritto del Malato ha già chiesto chiarimenti al commissario D’Amato, per i ritardi che si potrebbero creare al Pronto Soccorso del Ruggi. Nel secondo caso – quello della telemetria – colpisce quantomeno la rapidità con cui si sono succeduti: la richiesta di preventivo alla ditta Medisol di Casoria; i lavori preparatori della delibera per l’estensione del servizio e l’acquisto delle attrezzature; il via libera del commissario datato 15 gennaio ad appena tre settimane dall’arrivo del preventivo della Medisol, datato 20 dicembre.

Insomma, un esempio di sensibilità sanitaria e di efficienza amministrativa non comune, se pensiamo al bando per due borse di studio da conferire a biologi/biotecnologi da assegnare alla procreazione medicalmente assistita e fermo dallo scorso mese agosto senza motivo; per non parlare del destino di macchinari per il centro anti-infertilità, costati 500mila euro ma ancora fermi, caso del quale- forse- potrebbe occuparsi presto la Corte dei Conti.

Chiediamo, ancora una volta, chiarimenti al commissario D’Amato- magari rilasciandoci l’intervista chiesta una settimana fa- anche per dargli la possibilità di spiegare la necessità di procedere con tanta urgenza alla consegna della seconda cardiochirurgia al dottore Coscioni, procedendo nel caso del servizio di telemetria all’affidamento diretto per motivi tecnici alla ditta Medisol di Casoria e con acquisti appena sotto-soglia (39.500 euro, a fronte del limite di legge di 40mila euro) che ha evitato l’indizione di una gara d’appalto.

Fonte: LIRATV

8 Commenti

Clicca qui per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  • Vergogna….e anche qua il “messia” non c’entra…. Gli auguriamo, in caso di necessità, di capitare nelle sapienti mani del neoprimario…

  • Si trasferiscono 20 infermieri da medicina d’urgenza nel nuovo reparto di cardiochirurgia?
    Ho letto bene?
    il reparto di medicina d’urgenza in queste condizioni rischiererebbe seriamente la chiusura anche perché parliamo di area critica,con una sub intensiva,per un totale di una 30ina posti letto,tutti o quasi pz in condizioni precarie che richiedono un certo livello di attenzione…boh…

  • D’Amato a casa!!! Coscioni prepotente e tronfio. Rimanga in Regione. Non gli basta?

  • Ma ci sei mai entrato in medicina d urgenza ai mai visto quante denunce ha prova ad andare d estate e poi mi dirai

  • tutta sta prepotenza di lavori a tempo di record…xche’ a quanto pare,,,,, l’illuminato luminare pretende i reparti…..avallati da chi…..a quanto si e’ capito sto Coscioni e’ diventato il proprietario del Ruggi….

  • Corrotti e senza dignità compreso chi viene pagato per vigilare. E la cosa peggiore è che ormai nonostante vengano messi alla gogna mediatica vanno avanti senza vergogna. Siamo impotenti e succubi di chi è al potere

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com