La tragedia: esplode l’airbag e il neonato nell’ovetto muore

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Due mesi di vita appena e una corsa all’ospedale da togliere il fiato. Perché il bimbo, dopo l’incidente in auto, ha perso i sensi. Per fortuna l’ospedale è vicinissimo. Il piccolo, operato alla testa, è in condizioni disperate. È accaduto ieri pomeriggio a Pisa, come riporta il Tirreno.

Un banalissimo tamponamento in cui rimangono coinvolte tre auto, in via Aristo Manghi, si trasforma in tragedia. Il bambino era all’interno di un “ovetto”, sul sedile passeggero anteriore. A causa dell’impatto esplode l’airbag e il piccolo perde i sensi, tra la disperazione del padre, della madre e del fratellino di soli due anni.

Quando si utilizzano questi dispositivi l’airbag deve essere sempre disattivato quando il seggiolino (o in questo caso l’ovetto) è posizionato in senso contrario alla guida. Alla Polizia municipale il compito di stabilire se l’ovetto fosse stato posizionato correttamente e tutto il resto. Il bimbo è stato operato d’urgenza alla testa.

Purtroppo per quel povero bambino non c’è stato nulla da fare. Alle 22.30 di domenica sera è morto all’ospedale Cisanello di Pisa. I medici hanno tentato inutilmente di salvarlo sottoponendolo a un delicatissimo intervento chirurgico.

Tutto sui seggiolini e gli “ovetti”

Il termine giusto è “seggiolino auto gruppo 0+”. Solo i dispositivi che presentano questa scritta sono omologati e possono essere utilizzati in sicurezza, secondo la normativa dell’Unione Europea. I neonati si trovano nella “navicella”, dove possono restare fino a che raggiungono dieci kg di peso (intorno ai 9 mesi di vita).  Subito dopo c’è l’ovetto, che accoglie i bimbi fino a 13 kg.

Mano a mano che i bambini crescono passiamo ai seggiolini del Gruppo 1 (fino ai 5 anni), Gruppo 2 (fino ai 6 anni) e per i bimbi più grandi (fino a 12 anni) c’è l’alzaposto. Questi dispositivi si possono installare sul sedile anteriore (è sempre obbligatorio disattivare l’air bag) o su quelli posteriori.

I bambini vanno assicurati al supporto con le cinture del seggiolino e il seggiolino deve essere fissato al sedile con le cinture di sicurezza. Se utilizziamo l’ovetto bisogna montarlo in senso contrario di marcia.

Fonte: larno.ilgiornale.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.