A Salerno TEDx Giardino della Minerva: innovazione, identità e ambiente

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Innovazione, identità, valorizzazione e ambiente sono le parole chiave dell’edizione zero del TEDx Giardino della Minerva sul tema dell’Homogenia, che si terrà a Salerno il prossimo 14 marzo, presso la stazione marittima Zaha Hadid.

Personalità molto importanti ed influenti sui temi selezionati metteranno in circolo, e a disposizione della comunità, idee di valore e di cambiamento.  

Se ne è parlato in occasione della conferenza stampa di presentazione che si è tenuta lo scorso 24 febbraio, presso la sede di SellaLab Salerno, in via Lungomare Trieste, 104.

Alla conferenza stampa hanno preso parte gli organizzatori Rosaria Chechile, Loredana Parisi, Daniela Iuorio, Giulio Elefante; le referenti del Giardino della Minerva Antonella Schiavone ed Arianna Fresa; i referenti di Banca Sella e SellaLab Salerno Vincenzo Villani e Gianmarco Covone.

Rosaria Chechile, TEDx Licensee, ha spiegato le ragioni della scelta del nome del TEDx: «Abbiamo scelto simbolicamente un luogo della città che fosse riconoscibile in maniera immediata e il Giardino della Minerva è sicuramente il punto più significativo per la storia che racconta e che merita di essere esportata nel mondo, dato che tutto il nostro lavoro avrà una risonanza mondiale.

Il Giardino della Minerva – aggiunge Rosaria Chechile, rappresentava l’innovazione della sua epoca, con il lavoro sulle piante officinali: inevitabile il collegamento con il nostro evento, che focalizza la sua attenzione sul tema dell’innovazione vista anche come il ritorno a una umanità consapevole dei propri strumenti».

Loredana Parisi, TEDx Co-Organizer, ha ricordato le «parole» del TEDx Giardino della Minerva. «Abbiamo coniato il termine Homogenìa (Homo+ Genìa = Genere Umano) che racchiude in sé il senso del nostro TEDx, il genere inteso come diversità uomo/donna ma esteso alla razza umana, unica e indivisibile.

La prima parola chiave è certamente innovazione: ogni speaker infatti toccherà questo argomento declinandolo in base alle proprie competenze; un’altra parola è valorizzazione del sé per riflettere su come agire nel “sistema mondo” in chiave positiva partendo dalla propria identità; e quindi homogenia – dal tema di questa edizione zero del TEDx, ad indicare tutto ciò che è generato dall’uomo: l’arte, la scienza, la musica, la creatività, la ricerca…»

Daniela Iuorio, presidenta del Lions Club Branch Salerno Minerva, ha spiegato le ragioni della partnership con il TEDx. «I principi di base dei Lions, come ad esempio il desiderio di creare uno spirito di intesa fra i popoli del mondo e partecipare attivamente al bene della comunità, sono perfettamente in linea con questo evento. Inoltre, l’idea del TEDx è nata proprio nell’ambito delle riunioni del Club Branch Salerno Minerva, e di questo sono particolarmente orgogliosa».

Giulio Elefante, Speaker coordinator & Legal, ha ricordato le sponsorship e le media partnership con importanti realtà del territorio che hanno abbracciato fin da subito e con grande entusiasmo le finalità del TEDx Giardino della Minerva.

Ampio il racconto delle personalità che faranno il loro intervento in questa edizione zero del TEDx Giardino della Minerva.

Marco Gay, innovatore in campo tecnologico e amministratore delegato di Digital Magics; il monsignor Samuele Sangalli, vescovo illuminato; Simone Alaimo, uno dei più importanti baritoni del mondo; Valentina Falcinelli, comunicatrice, esperta di linguaggio; Riccardo Maria Monti, innovatore e presidente di Triboo; Giovanni De Feo, professore universitario e promotore del progetto di educazione ambientale Greenopoli; Giorgio Vacchiano, indicato dalla rivista Nature come uno dei migliori 11 scienziati emergenti nel mondo nel 2018; Laura Del Verme, archeologa; Espérance Hakuzwimana Ripanti, scrittrice e speaker radiofonica; Manlio Castagna, autore di libri di successo per ragazzi; Francesca Perani, fondatrice di RebelArchitette, promuove la professione delle donne in architettura; Cristina Rossi Lamastra, Professoressa ordinaria del Politecnico di Milano, gestisce la Scuola di Management ed è molto attiva sulle tematiche del gender gap; Giuseppe Orefice, membro del direttivo Slow Food, innovatore sociale che si occupa di educazione alimentare con bambini e ragazzi; Antonio Giordano, che in America studia come applicare l’intelligenza artificiale in ambito oncologico.

Altro elemento su cui si focalizzerà l’attenzione in questa edizione è il rispetto per l’ambiente: tutti i materiali utilizzati, dalle scritte sul palco ai gadget, saranno in materiale riciclato e riciclabile.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.