Coronavirus, improbabile se non impossibile il ritorno a scuola: si va verso il 6 politico?

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
Se davvero si tornerà in classe entro il 3 aprile (prospettiva finora confermata dai decreti emanati in questi giorni, ma sempre meno probabile se il picco del Covid-19 continuerà oltre la metà di aprile come ha anche affermato il Governatore della Campania De Luca), nulla o quasi è perduto. Si tratta di allungare i tempi per la preparazione dell’esame, rinviare la decisione sul programma da portare (il documento si deve approvare entro il 15 maggio): ogni classe infatti, per l’orale, definisce il programma sul quale gli studenti si devono preparare in base a quello realmente svolto. Salteranno molto probabilmente l’obbligatorietà delle prove Invalsi e dell’alternanza scuola-lavoro.

Non è esclusa dalle valutazioni di questi giorni anche se è molto improbabile anche la possibilità di allungare di una o due settimane l’anno scolastico: molto dipende da quando finirà l’emergenza e dunque da quante ore di scuola si sono perse. L’allungamento presenta diverse difficoltà perché fa slittare tutte le scadenze comprese quelle per l’ammissione alle università e per l’avvio dell’anno successivo. E per quanto riguarda l’esame di Maturità comporterebbe un analogo slittamento del calendario. Attualmente la prima prova, il tema, è prevista per il 17 giugno, ma se l’anno si allunga, gli scritti verrebbero rinviati ai primi di luglio e di conseguenza gli orali si protrarrebbero quasi per tutto il mese.

La ministra Azzolina qualche giorno fa è stata perentoria: «Niente 6 politico». Ma più si prolunga la chiusura delle scuole, più appare probabile la promozione quasi generalizzata degli studenti. Soprattutto di quelli a fine percorso. Difficile infatti giustificare la non ammissione all’esame di uno studente che, essendo stato costretto a casa per due mesi, non ha avuto il tempo di recuperare eventuali insufficienze. Del resto, se si escludono i record negativi registrati da alcuni istituti professionali, i non ammessi all’esame sono, già in tempi normali, un’esigua minoranza (3,7%) . Semmai a fare le spese di un esame «dimezzato» potrebbero essere quest’anno i super bravi, quelli che normalmente ambirebbero alla lode: nell’ipotesi di un esame semplificato, i 100 e lode quest’anno potrebbero essere assegnati col contagocce.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. Adesso basta però. Il decreto ha fine il 3 aprile. Non create allarmismo (tantissmi giornali e programmi tv che si occupavano di altri argomenti, stanno bombardando a tutte le ore le tv degli italiani.) Mo basta tutti i giorni create tensioni inutili. Lasciate lavorare gli esperti. Abbiate rispetto per quelli che stanno a casa e guardano i telegiornali. Non se ne puo più di sta cosa.

  2. Peccato che a fine decreto del 3 aprile, molto probabilmente ce ne sarà un’altro che prolungherà la cosa.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.