Arriva la Cassa integrazione europea. Si chiamerà SURE

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
L’Ue cerca di rimediare al possibile strappo con l’Italia sui fondi del Mes e i coronabond e oggi nel corso di una telefonata con il premier Giuseppe Conte la presidente della commissione Ue, Ursula von der Leyen, ha annunciato il lancio di Sure, l’idea di una cassa integrazione europea dotata di 100 miliardi. “Abbiamo sviluppato l’idea di una cassa integrazione europea.

Vogliamo aiutare l’Italia, la Spagna e tutti gli altri paesi colpiti duramente. E lo faremo grazie alla solidarietà degli altri Stati dell’Unione, ha sottolineato la presidente della commissione Ue in un video pubblicato su Twitter. “Noi europei viviamo la più grande tragedia dai tempi delle guerre mondiali. Ci piange il cuore per la morte di migliaia di persone uccise dal Coronavirus. I paesi più colpiti sono Italia e Spagna e l’Europa piange con loro. La nostra vita è cambiata drasticamente. Milioni di persone non possono andare al lavoro, ma devono comunque fare la spesa e pagare le bollette. Le aziende continuano a pagare gli stipendi ai dipendenti, anche se al momento non stanno guadagnando. Ora l’Europa interviene in loro aiuto, con una nuova iniziativa. Si chiama ‘Sure’”. Il sistema, in sostanza, si basa sull’idea che lavorare meno è uguale a lavorare tutti. Nel senso che con un sussidio pubblico per la riduzione dell’orario di lavoro si ammortizzano gli effetti della crisi in termini di perdita dei posti di lavoro. “Abbiamo imparato la lezione della crisi finanziaria del 2008”, ha detto von der Leyen. “Nei paesi con sistemi di sostegno all’impiego, milioni di persone hanno conservato il lavoro e le aziende sono sopravvissute alla crisi preservando i loro dipendenti. E questa è la logo logica di ‘Sure’: un sussidio pubblico per ridurre gli orari di lavoro. E’ un sistema che ha smorzato gli effetti della recessione, salvato posti di lavoro e consentito alle aziende di tornare sul mercato con nuova forza. L’idea e’ semplice. Se non ci sono ordinativi e le aziende non hanno lavoro per colpa di uno shock esterno come il coronavirus, possono evitare di licenziare i loro dipendenti. Nessuno perde il posto anche se c’e’ meno lavoro. Nel tempo libero i dipendenti possono seguire corsi di formazione che beneficiano sia l’azienda sia i lavoratori stessi. In questo modo, si riducono gli effetti della crisi sulle tasche dei lavoratori. Possono continuare a pagare l’affitto e a comprare ciò di cui hanno bisogno con un impatto positivo per tutta l’economia. “Grazie a ‘Sure’più persone manterranno il loro posto di lavoro durante la crisi del coronavirus. E potranno tornare a lavorare a pieno ritmo non appena la quarantena sarà finita, quando la domanda tornerà a crescere e gli ordinativi ripartiranno. Questo è fondamentale per riavviare il motore economico europeo senza perdere tempo. La commissione europea propone un nuovo strumento di supporto all’impiego che aiuterà i paesi colpiti più duramente, e sara’ garantito da tutti i paesi dell’Unione. Questa è la solidarietà europea in azione”. Parole, quelle di von der Leyen, sottolineate da Conte, che ha parlato della necessità che le misure che la Commissione Ue ha annunciato “siano ricomprese in una più ampia strategia europea (European Recovery and Reinvestment Plan), da completare nei prossimi giorni, per fronteggiare la grave emergenza”, ha scritto su Facebook il premier Giuseppe Conte. “Ho avuto un colloquio telefonico con Ursula von der Leyen” che “ha tenuto ad anticiparmi le due iniziative che verranno sottoposte domani all’approvazione della Commissione”. Gli interventi sono il piano per il lavoro e “consentire all’Italia e agli altri Stati di usare i fondi strutturali europei non ancora spesi con la più ampia flessibilità: senza più i vincoli di cofinanziamento nazionale o di particolari destinazioni funzionali o territoriali”. I due interventi che domani la Commissione Ue adotterà sono “un passo significativo in vista di un più ampio e complessivo intervento che dovrà – a nostro avviso – dare il senso di una forte, coesa e credibile risposta europea a questa sfida epocale”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Come va a finire l’ Italia firma i l MES, finiscono i 100 milioni di cassa integrazione, è noi lo prenderemo nel culo. Morale della favola dell’ Europa non ci si può più fidare.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.