Ansie e speranze dei giovani durante l’emergenza Covid19

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Una indagine condotta dal portale Studenti.it, alla quale hanno partecipato più di 10mila ragazzi, ha delineato gli stati d’animo di 8 giovani italiani su 10 dopo più di un mese di chiusura delle scuole a causa dell’emergenza sanitaria per il Covid19.

Solo il 21% ritiene di essere sereno, mentre il 79% non sta al meglio: il 23,3% si definisce stressato, il 14,9% depresso, il 13,4% confuso, il 12,5% triste e, infine, il 10,5% apatico.

Per il 28,6% degli intervistati, è anzitutto la prospettiva di altre settimane di quarantena a pesare maggiormente; per il 24% la causa dello stress sono le preoccupazioni scolastiche. Il 22% soffre il non poter uscire e sul 20,2% gravano le notizie che arrivano quotidianamente.

Sono 4 su 10 coloro che sentono la mancanza di un abbraccio con le persone care ed al 26,5% manca la possibilità di uscire di casa. Al 12,4% manca lo sport ed invece al 10,6% non manca nulla. L’8,5% ha soprattutto nostalgia della scuola.

Ed è la scuola uno degli ambiti su cui si è concentrata la ricerca. Se il 26% degli studenti, inizialmente, aveva accolto con euforia la notizia della sua chiusura, il 43,4% di essi si è subito preoccupato, mentre al 13,2% l’evento ha provocato uno stato d’ansia. Il necessario ripiego sulla didattica digitale ha contribuito, però, a mutare anche il rapporto con il corpo docente: secondo il 28% degli intervistati è migliorato e per il 45% è rimasto uguale. È invece cambiato in peggio per il 27%.

I ragazzi sono preoccupati per come e quanto potrà incidere l’emergenza sanitaria sulla condizione economica delle proprie famiglie. Il 46,6% degli studenti è convinto che la quarantena peserà sulle finanze di casa e solo il 22,5% è tranquillo.

Guardando al futuro, particolarmente sentito è il tema afferente alla situazione economica del Paese (29%), seguito dal timore che si possa verificare una nuova emergenza sanitaria (20%). Sono il 17,7% quelli preoccupati dalla prospettiva del verificarsi di altre catastrofi dovute dalla fragilità ambientale. Per il 12% torna la preoccupazione per la situazione economica della famiglia. Soltanto il 10% si definisce ottimista.

E una volta passata la tempesta? Secondo il 32,8% vivremo con un maggiore senso di precarietà; per il 24,6% dei ragazzi ci sentiremo più uniti e per l’11% ci sarà una maggiore attenzione all’ambiente. Il restante 29,9% pensa che non cambierà nulla e prevede un totale ritorno alla normalità.

In queste settimane a dare fiducia ai ragazzi è stato ed è il buon esempio degli adulti: per la capacità di reagire a cui hanno assistito (22,6%) e per la solidarietà tra gli italiani che è emersa in questo frangente (21,8).

di Tony Ardito

 

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.