Ospedale Costa d’Amalfi: sospetto Covid-19, chiuso pronto soccorso

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Il Pronto Soccorso del presidio ospedaliero della Costa d’Amalfi è stato chiuso per ragioni precauzionali.

Nel primo pomeriggio una donna è giunta, accompagnata in auto da un familiare, al Pronto Soccorso di Castiglione di Ravello. Solo dopo aver avuto accesso alla struttura si è scoperto che l’anziana, sulla ottantina, proveniente da Conca dei Marini, era febbricitante con bassa saturazione ematica d’ossigeno.

In pochi minuti si è generato il panico tra i medici e il personale infermieristico: subito sottoposta al tampone, il test è stato inviato d’urgenza ai laboratori dell’ospedale Ruggi d’Aragona di Salerno per essere esaminato con priorità alta.

Tra poche ore (almeno entro le 21:00) si conoscerà il risultato.

Intanto, in via del tutto precauzionale, il Pronto Soccorso resta chiuso con il personale dipendente e la paziente che restano all’interno della struttura. Fino all’esito del test, quindi, sono sospese le prestazioni di Pronto Soccorso.

L’anziana, che al citofono avrebbe dovuto comunicare di avere i sintomi tipici del coronavirus, doveva entrare dall’ingresso dedicato ai casi Covid-19.

«L’ospedale Castiglione ha dovuto chiudere immediatamente per una leggerezza di una paziente residente ad Amalfi» ci ha detto il delegato alla Sanità della Conferenza dei Sindaci, Andrea Reale.

«Desaturata e con febbre, le è stato immediatamente praticato il tampone già partito da un’ora per l’ospedale di Salerno. Sto sollecitando di processarlo in via prioritaria entro le 21:00 per considerare, in caso fosse negativo, l’apertura dell’ospedale».

Reale lancia, dalle nostre pagine, un appello ai medici di base della Costa d’Amalfi.

«Bisogna usare il pronto soccorso del San Leonardo e dei presidi dell’Azienda Ospedaliera per urgenze indifferibili perché ci troviamo in una condizione di emergenza continua per il Covid-19».

Il sindaco di Minori ricorda le buone pratiche d’accesso al Pronto Soccorso:

«Nel momento in cui c’è l’urgenza di trasferire un paziente con sintomi che fanno pensare al Covid, bisogna fermarsi davanti all’ospedale e usare il percorso dedicato predisposto appositamente per questi casi. Ricordo all’itera popolazione e agli addetti ai lavori che in caso di sintomi riconducibili a Covid il paziente deve rimanere a casa. Se i sintomi sono gravi, c’è da chiamare il 118 o il medico curante che allerta il sindaco del paese e l’Asl che prenota il tampone».

L’anziana è stata portata nella zona Covid mentre sono in corso le operazioni di sanificazione del pronto Soccorso. Si resta in attesa del risultato del test.

Fonte Il Vescovado

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.