Articolo Corriere: la «macchina» di De Luca che ha superato la diretta video di Trump

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
16
Stampa

Lo «Sceriffo» si compra lo smartphone e punta alla riconferma, anche investendo oltre 2 mila euro a settimana per sponsorizzare i suoi post su Facebook. A settembre scorso, quando a Palazzo Chigi si concretizzò l’impensabile alleanza Pd-M5S, il quadro politico sembrava essersi messo nel peggiore dei modi per il dem Vincenzo De Luca, già in corsa per il suo secondo mandato alla guida della Campania.

Il governatore, detto appunto lo «Sceriffo» per il suo piglio decisionista, ha sempre visto i grillini come fumo negli occhi. Durissimi gli scontri, tanto che il Movimento non ha esitato un attimo a contrapporgli il ministro dell’Ambiente Sergio Costa per la corsa a Palazzo Santa Lucia, oltre alla (vacillante) candidatura di Stefano Caldoro per il centrodestra.

Tutti i fattori, insomma, sembravano essersi messi contro l’uscente, un profilo il cui consenso sembrava ancora «analogico», di vecchio stampo, fatto di piazza e strette di mano. Ma De Luca, 71 anni, dietro le quinte aveva avviato una «macchina» comunicativa per «digitalizzare», attualizzare, il suo consenso attraverso social e dirette tv (centellinate) per creare attesa.

Nel frattempo il quadro politico è stato rivoluzionato di nuovo, ma dalla pandemia. È in questo frangente che De Luca ha fatto un ulteriore cambio di passo con la sua «macchina», spinta ai massimi regimi. «Stiamo raggiungendo numeri da politica Usa», dice al giornalista Claudio Bozza del Corriere.it un membro del suo staff analizzando i dati delle dirette social. E il 19 aprile scorso — mentre il governatore campano ingaggia una delle sue battaglie per «difendere» la Campania da chi (possibile contagiato) viene dal Nord:

«Chiudo tutto» —, sul contatore di Facebook appare un numero sorprendente: «113 mila» utenti in diretta. Mentre, sempre un membro del suo staff, fa una foto alla diretta social di Donald Trump dalla Casa Bianca: «69.553». Quest’ultimo non è certo un valore assoluto, ma dà la cifra di quanto il governatore sia riuscito a cavalcare per il verso giusto, specie dal punto di vista del consenso, questa delicata fase.

In tanti, a fronte di questi numeri, hanno giustificato questo successo ad una «Bestia» social alla Salvini, ma di stampo deluchiano. Il Corriere ha consultato più fonti. Ma il risultato è stato che dietro a De Luca non sembra esserci alcun super consulente con maxi team digitale (alla Luca Morisi per la Lega, per intendersi). A Palazzo Santa Lucia c’è una squadra di 4-5 persone che si occupa anche di questa parte: «Dietro De Luca c’è De Luca, ve lo assicuro — raccontano al Corriere dalla sede della Regione Campania —. Noi abbiamo solo preparato la “macchina” e poi è il governatore a guidarla».

Un governatore che non parla praticamente mai al telefono con giornalisti e di affari politici con i suoi interlocutori. Ma che, pur essendo rigorosamente vecchio stampo, ha capito che per vincere doveva per forza cambiare marcia: «Fino a poco tempo fa aveva ancora un vecchissimo cellulare – raccontano ancora al Corriere –, ma ora che si è comprato uno smartphone e ha imparato anche a smanettare su Facebook».

Ma quali sono i segreti di questo boom?

 «De Luca salta la mediazione degli interlocutori e parla direttamente alla gente veicolando il messaggio che vuole lui — ci spiega ancora la nostra fonte in Regione —. In più parla poco e in appuntamenti prefissati: crea attesa, insomma. E questa è la chiave del suo successo a Lira Tv, la televisione locale attraverso cui parla il venerdì alle 14.30, ormai un appuntamento fisso per tanti».

Ma soprattutto, fiutando il contesto del giorno, individua i temi su cui calcare la mano, con il suo linguaggio da «Sceriffo pop»: il «lanciafiamme» da usare contro le feste dei laurea durante la pandemia, gli «occhiali color pannolino» di Matteo Salvini.

Tutti siparietti che lo hanno fatto finireanche in un videoservizio della tv giapponese: «In questo modo crea attesa, attenzione e interazione da parte dei cittadini — conclude la nostra fonte —, che in linguaggio di analisti social significa: creare engagement, chiave di tutto su Facebook».

Così, da candidato a rischio sfratto (persino dal suo partito, il Pd), adesso i sondaggi danno De Luca come uomo assai difficile da battere. Tanto che, nei giorni scorsi, Nicola Molteni (coordinatore della Lega in Campania) ha ammesso: «Dobbiamo trovare un nuovo candidato al posto di Stefano Caldoro», evidenziando che altrimenti il centrodestra rischierebbe una disfatta.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

16 COMMENTI

  1. è un uomo con le “palle” e le persone con le palle riconoscono i propri simili, come avviene anche per i quaqquaraquà. Questo è il segreto del suo elettorato.

  2. Ora fai l’ ultimo passo cambia mestiere fai il comico e portati figli nani e ballerine non ci mancherai vicie’….. ma prima passa per gli ospedali campani non per passerella ma per un problema così capisci perche’ non servivi a niente

  3. Ma cosa ca….ce ne frega che questo s’è comprato lo smartphone…mentre le persone stentano a mettere il piatto in tavola e sfamare i propri figli….VERGOGNA

  4. Hai stancato con i tuoi monologhi ripetitivi,più scrivi contro e più lo voteremo .A questo punto preferiamo la famiglia De Luca al completo al comando della regione.

  5. https://www.ilgiornale.it/news/politica/de-luca-inguaia-professionisti-e-autonomi-pubblica-nomi-e-1862793.html
    in questo articolo si conferma quello che molti di noi affermavamo subito dopo l’inizio del coronavirus: solo campagna elettorale e soldi dello stato / europa per fare propaganda elettorale accattivandosi la gente (vedi soprattutto i pensionati sociali vista il numero elevato in campania).
    soldi di pubblicità su facebook pagati da noi.
    poi pubblica l’elenco del professionisti che hanno percepito i soldi…
    clientelismo da prima repubblica. il problema è che, come dice l’articolo, non c’è nessuno che è in grado di fare amministrazione in campania dell’opposizione e quindi ce lo dovremmo tenere ancora.
    ridicolo il confronto, non diciamo cazzate: forse le visualizzazioni di trump sono in migliaia o di sicuro non era il dato definitivo..(però la massa ci crede e la politica sfrutta l’ignoranza del popolo…).
    questione liratv? è risaputo che di fatto c’è quantomeno una “simpatia” con l’editore… il conflitto di interessi?
    tuttavia io credo che de luca sia un “grande politico” da prima repubblica. come andreotti che nonostante la connivenza con la mafia (accertata in sentenze dove però è stata dichiarata la prescrizione del reato) è stato l’unico a non essere mai condannato…
    questo lascia pensare il sistema, non quello politico, MA QUELLO SOTTOSTANTE che pochi conoscono…. come diceva lo stesso andreotti “a pensar male si fa peccato ma spesso ci si azzecca”

  6. Anziché definire le strategie e gli obiettivi raggiunti dall’attuale governatore della Campania ….perché non si paragona il tutto con il precedente?
    Pochi giorni prima delle elezioni di 5 anni fa ci furono delle assunzioni particolari a vantaggio dei soliti.

  7. Hai ragione a volte a pensar male si fa peccato ma spesso si indovina.
    Così come i tuoi commenti con più nomi fanno parte di strategie politiche anti deluchiane.
    Tra verità e bugie si abusa del popolo.
    Ti ricordo che Andreotti guardava a destra

  8. Concordo con il messaggio del signor PES e credo che questa sia la posizione della stragrande maggioranza dei campani.

  9. Salerno notizie spiegate al reuccio che le mascherine all’aperto servono come lui a niente.Poi per i cani di pecora afflitti da demenza da covid sappiate che i posti nelle partecipate sono finiti quindi non aspettatevi niente, il reuccio cambi mesterie il comico lo fa’ alla grande

  10. Capisco che DeLucaNotizie.It sta facendo una campagna elettorale sfrenata e senza sosta per la gioia ed esaltazione dei “miracolati”, ma questo articolo mi sembra perlomeno pretestuoso : sembra che volete mettere in competizione de luca e Trump!
    Per chi non lo sapesse Trump è un dei più importanti, ricchi e potenti ed influenti uomini della terra. …..

  11. Chi lo sostiene è solo un parassita senza dignità che attende gli aiutini.
    Solo fumogeni e politica politicante.
    Tra poco ci metteremo a carico anche i nipotini.

  12. Significato sostantivo STIMA: Apprezzamento favorevole implicito in un giudizio soggettivo di merito.

    Significato sostantivo FIDUCIA: Attribuzione di potenzialità conformi ai propri desideri, sostanzialmente motivata da una vera o presunta affinità elettiva o da uno sperimentato margine di garanzia

    Fino a qualche anno fa avevo molta STIMA E FIDUCIA in Papino.
    Anche io ascoltavo i suoi sermoni, valutavo positivamente ogni sua azione e metabolizzavo ogni suo dire come la parola di Dio in terra.
    Conoscevo e giustificavo i favoritismi di cui beneficiavano i suoi cortigiani ma me ne facevo una ragione.
    Pensavo : vabbe’ anche altri fanno le stesse cose ma almeno lui fa qualcosa di buono per i nostri territori.
    Poi sono entrati nella compagnia gli amati figlioletti che mi hanno aperto gli occhi e la mente, quando come per incanto, con l’aiuto/imposizione di Papino si sono trovati ad essere Assessore ed Onorevole.
    Mi sono messo nei panni di giovani laureati, qualificati e volenterosi che, non avendo santi in paradiso, facevano i pizzaioli o i benzinai oppure emigravano.
    Ed è stato in quel momento che l’ho schifato, ho capito quante fesserie aveva detto negli anni precedenti e quante ingiustizie sociali aveva perpetuato.
    Ora non ho più fiducia e stima di Papino perché la fiducia e la stima si ripongono nelle persone serie, oneste e giuste.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.