Nicolò (di Vincenzo Capuano)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Le prime luci del mattino filtrano attraverso la persiana, la parete giallo pallido si colora di fantasmi, usciti da favole lontane.

Da sempre l’uomo cerca di dimostrare che spazio e tempo non esistono, inutilmente… Si adopera per poter accorciare lo spazio e guadagnare tempo, sogna di poter allungare il tempo all’infinito, o annullarlo del tutto, quel tempo che scorre inesorabile verso il nulla.

Percepisco appena una canzone che giunge da lontano.

Due  / sono due i bambini a destra della rocca  / mentre un granchio corre dietro la risacca / tutto il cielo si colora di un bel blu  / altri due, due di più

Due, il rapporto più semplice, più intenso: due innamorati, due amici, genitore e figlio…

Rievoco immagini assopite. Ricordo quel giorno all’imbrunire quando dissi, a mio figlio piccolissimo: “abbiamo fatto tardi, dobbiamo rientrare a casa subito, ora devi correre come un siluro”, poi riflettendo che potesse non conoscere il significato di siluro aggiunsi: “sai cosa vuol dire siluro?” Lui, senza esitare, rispose: “Certo papà, è un bimbo che corre veloce”. Ne è trascorso di tempo da quel giorno.

Mentre mi sbarbo penso ai ritmi e le consuetudini che insieme a mia moglie abbiamo imposto ai nostri figli… abbiamo provato a fare quello che pensavamo fosse più utile, con la decisione di esserci sempre, con il timore di poter commettere degli errori, cercando l’equilibrio tra il fare per proteggerli e lasciarli liberi di inseguire le proprie idee …

Non facile, non ti abbondona il timore che tu possa sbagliare o che loro possano non riuscire….

Due / Come noi / che viviamo questa nostra integrità / ma restiamo di un intero la metà / perché abbiamo senso solo insieme ormai

Due, come il rapporto tra nonno e nipote. Ora sto pensando a quello scricchiolo d’uomo nato qualche giorno fa… ora tocca a lui, ora tocca a loro, piccolissimi… si stanno affacciando alla vita… ritornano i dubbi. Ce la faranno? Che ruolo tocca a me? Sono convinto ancora una volta che la prima regola è quella di esserci e ci saremo, in modo discreto, ma ci saremo.

È compito dei loro genitori guidarli e decidere cosa tramandare e cosa modificare.

Due / come i giovani che cercano rifugio / per le strade di frenetiche città / per carpire anche un abbraccio che dia loro / un sospiro e un futuro

Arriva una telefonata che quieta i miei pensieri. Un collega mi racconta dell’ultimo congresso, dell’importanza di contenere entro limiti bassissimi il colesterolo in chi ha già avuto degli eventi e sottolinea i concetti più importanti:

– il ruolo di causa delle LDL (colesterolo cattivo) nella genesi dell’aterosclerosi (non fattore di rischio, ma causa diretta);

– l’utilità clinica della riduzione del colesterolo indipendentemente dai mezzi usati per ridurlo;

– la riduzione del rischio è proporzionale alla riduzione delle LDL (più riduco il colesterolo-LDL più riduco gli eventi cardiovascolari);

– si ha un beneficio clinico maggiore quanto più prolungato è il tempo di trattamento e quanto prima si inizia. L’obiettivo di colesterolo LDL per i pazienti a rischio molto alto è stato indicato in valori inferiori a 55 mg/dl e, per pazienti a rischio estremo, il target di colesterolo LDL è indicato in valori inferiori a 40 mg/dL.

Poi ritorno a Nicolò, a quello scricchiolo d’uomo. Mi riporta ai valori veri, alla famiglia, all’amicizia, alla lealtà, all’equilibrio e infine rivedo suo padre… in un attimo, scorro la sua vita. Penso ai dubbi, alle incertezze, alle difficoltà, con a volte l’angoscia di non riuscire… Noi eravamo lì presenti, disponibili, ma il problema rimaneva suo e solo lui poteva andare fino in fondo o abbandonare… Eppure, quel muro, così alto… ora è alle spalle.

Due / come i fiumi che s’incontrano / per poi mescolarsi ribollendo fino al mare / dove l’acqua dolce giunge fino al sale / con l’applauso del sole

Sarà così anche per lui, non potremo evitargli i dubbi, i timori, ma alla fine riuscirà… Riuscirà a trovare il giusto equilibrio tra la ricerca di andare lontano ed il tempo per godere di chi cammina al suo fianco, tra luoghi e paesi infiniti, tra il ritmo della vita quotidiana e gli spazi per sognare; saprà stringere i denti, quando sarà necessario, e lasciarsi poi trasportare, lontano, dal vento…

Finalmente mi rassereno e puntuale giunge la musica a spiegare ogni cosa…

“…come le cicogne, altissime, nel cielo che per giorni e giorni, stanche in migrazioni sorvolando laghi immensi e regioni, giungono, infine, a planare.

di Vincenzo Capuano

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.