Paziente sordomuto morto al Ruggi dopo operazioni: il giudice nega archiviazione

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Il giudice della seconda sezione penale del Tribunale di Salerno ha annullando il decreto di archiviazione emesso dal gip in merito alla vicenda del paziente sordomuto morto al Ruggi. Il magistrato, in pratica – come scrive il quotidiano “Il Mattino” – ha stabilito che va rifatta l’udienza da rifare per il decesso del 48enne dopo varie operazioni e dolori fisici scambiati per disagi psichici. Nella querela presentata dalla sorella del defunto, si ipotizzano condotte di omicidio colposo e lesioni personali a carico dei medici che ebbero in cura il fratello, deceduto nel luglio 2018.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.