Boom di ricoveri al Covid Hospital a Scafati: posti di malattia infettiva quasi esauriti

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
13
Stampa
L’esplosione di contagi, soprattutto nell’ultima settimana, nel Salernitano ha avuto come ripercussione il boom di ricoveri registrato dal Covid Hospital di Scafati. Sono in via di esaurimento – come scrive il quotidiano “Il Mattino” – i posti di degenza nel reparto di malattie infettive del nosocomio dell’Agro: almeno i 16 di una delle ali dedicate, al primo piano del presidio, dopo il ricovero di due coniugi di Pisciotta. È stato trasferito in terapia intensiva respiratoria, dove è occupato un solo posto, l’uomo di via Calenda giunto allo Scarlato insieme alla moglie. Il paziente non è grave, ma necessità di supporto ventilatorio per una polmonite.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

13 COMMENTI

  1. Scusate e il da procida e tutte le strutture lautamente pagate dalla regione dove stanno

  2. X tutti quelli che dicono che sono asintomatici ricoverati tanto per far vedere… diffidate di queste persone pericolose

  3. aumentate i posti in terapia intensiva, e mettete a lavorare Runner, Pino e Gino ZamBrillo, cozza verace Antonello 70, Salvatore …….anche solo a portare la casetta degli attrezzi.

  4. Forse non si è capito che il coinvolgimento polmonare dell’infezione determina una sequela di natura fibrotica a livello polmonare con una perdita percentuale della funzionalità dello stesso

  5. Adesso gli stessi che lamentavano i soldi spesi dalla regione per gli ospedali covid si lamenteranno per la mancanza di posti covid.

    Giusto per rimarcare la vostra disonestà intellettuale, non che avessimo dubbi.

  6. Sono ricoverati in isolamento, non in terapia intensiva!!! Leggete bene le notizie. Senza fare i maestri del nulla!!!! Uno solo di questi ha una polmonite.

  7. Qua non si tratta di essere sciacalli si tratta di soldi nostri e di bugie dei nostri politici altrimenti tutta sta gente anche se in semplice isolamento che ci vanno a fare a scafati vuol dire che non abbiamo altre strutture

  8. Il commerciante di Mercatello si recò al pronto soccorso dopo una settimana di febbre alta. Il signore di via Calenda ha una polmonite. Ma non erano tutti asintomatici? Il virus non era clinicamente morto?

  9. Il signore passato in terapia intensiva fu ricoverato in isolamento perché positivo, non aveva la polmonite quando fu ricoverato ed è stato ricoverato una decina di giorni fa non a marzo o aprile. Speriamo di no, ma la stessa cosa potrebbe succedere agli altri ricoverati. Qualcuno va dicendo che tutti i positivi sono asintomatici e la carica virale è bassa, una polmonite con necessità di supporto ventilatorio non capita a chi si ammala di raffreddore o influenza. Nessuno fa il maestro ma neanche essere presi per fessi.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.