Un simbolo di Giffoni nella protesta contro il Regime di Lukashenko in Bielorussia

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
4
Stampa
«E’ una bellissima immagine, un inno alla libertà, uno scatto iconico quello che ci arriva dalla Bielorussia, da Minsk. Ritrae un giffoner, il 22enne Kiril che è sceso in piazza in questi giorni per protestare pacificamente contro il regime di Lukashenko, contro l’ennesima investitura avvenuta lo scorso agosto tramite un voto contestato, su cui aleggia più di un sospetto di brogli e che ha suscitato la durissima reazione della comunità internazionale.

Kiril incarna perfettamente il profilo e lo spirito della nostra community. È un difensore della democrazia, proprio come lo sono state e sono le nostre idee. È un ribelle, non perché contesti le regole ma perché mal sopporta le ingiustizie e i soprusi. Il suo sguardo fiero, il suo atteggiamento privo di arroganza, il coraggio di chi non ha paura di battersi per le proprie idee lo rende un modello per le nuove generazioni».

Lo dichiara Claudio Gubitosi, commentando l’immagine che ritrae il giovanissimo Kiril, ragazzo di Minsk di 22 anni, mentre manifesta indossando una t-shirt di Giffoni, relativa all’edizione 2016, tenendo tra le mani la bandiera nazionale della Bielorussia.

Kiril è stato juror a Giffoni per ben quattro volte: nel 2011, nel 2014 e, ancora, nel 2016 e nel 2017.

«Il tema dell’edizione a cui fa riferimento la t-shirt – spiega Gubitosi – era “Destinazione”. E la destinazione di Kiril e di tutti i giovani bielorussi oggi è la libertà, il ritorno alla democrazia, valori assoluti, sinonimi di vita intesa come possibilità di realizzazione di sé, senza vincoli e steccati, senza regimi che calpestino i diritti delle persone. È un’immagine potente, quella del giovane di Minsk, che racconta Giffoni come strumento in grado di mettere insieme Paesi e culture, ideali ed utopie, come costruttore di ponti tra i popoli».

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

4 COMMENTI

  1. …. andavo di fretta per correre alla manifestazione, la Tshirt della Coca Cola era sporca, quella della Nike lo prestata ad un amico, quella di Harry Potter mi è stata rubata mio fratello… e non avevo fatto il bucato di recente per cui ho rovistato al buio nel sacco di indumenti da buttare……chestè

  2. Con tutti i broblemi che abbiamo nel sud Italia,voi meridionali di Giffoni in cerca di fantasie pensate alle stronzate.W Lukaschenco e la Bielorussia

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.