Il travaglio d’Europa nel Mediterraneo (di Cosimo Risi)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Le buone notizie si alternano alle cattive. Il cittadino europeo, già preso nella morsa della pandemia, vorrebbe tirare un sospiro di sollievo e non sempre può. La Francia ha appena denunciato il separatismo islamista che il ragazzo ceceno, accolto probabilmente dopo la “soluzione finale” decretata da Mosca in Cecenia, uccide e decapita l’insegnante Paty. Due eventi contraddittori che connotano la stessa situazione: la difficile convivenza con culture alloctone sotto il cappello della legalità repubblicana.

Il mondo inorridisce per il misfatto e solidarizza con la Francia. Non tutto però, all’appello manca il messaggio di Ankara. Al contrario, il Presidente turco si dice deluso, se non peggio, per la politica del collega francese, responsabile sostanzialmente di occuparsi dello spettro del separatismo islamista e non della salute del suo popolo. Erdogan sentenzia che nel 2022 Macron non sarà rieletto, et pour cause.

Il Quai d’Orsay richiama l’Ambasciatore da Ankara per consultazioni. Gesto inusuale fra membri NATO ma già adoperato da quel Ministero con l’Italia quando scoppiò “l’affaire gilets jaunes”.

E’ un leader permaloso, Emmanuel Macron? O è un uomo a tutto tondo, un hombre vertical, come Re Juan Carlos disse di Sandro Pertini, che difende con l’onore della Francia i principi europei di democrazia e soprattutto libertà?

La domanda non è retorica, chiama in causa il comportamento esitante dei Ventisette (si vedano le conclusioni dei Consigli europei) riguardo alle mire neo-ottomane della Turchia. E cioè: l’intervento in Libia fino a prendere il controllo della Guardia costiera, quella che l’Italia sostiene perché ci protegga dagli sbarchi; l’avvio delle prospezioni nelle acque rivendicate da Cipro e Grecia; i rapporti quanto meno ambigui con ISIS – DAESH; l’attacco ai Curdi della campagna contro ISIS – DAESH; la tattica del rubinetto circa gli immigrati che accoglie, a pagamento, sul proprio territorio e che periodicamente minaccia di liberare verso il confine dell’Unione.

Nel Mediterraneo esiste un caso turco, è destinato a durare finché la potenza americana, la sola in grado di calmare le acque, condurrà la campagna elettorale a distanza. E non è detto che si finisca ai primi di novembre, se Trump, non rieletto, dovesse contestare l’esito del voto.

A proposito del Presidente americano: bisogna riconoscergli la perseveranza con cui insegue la “manovra delle ciliegie”, il frutto che quando attacchi a mangiarlo finisci tutto il sacchetto non importa quanto pesante. Dopo Emirati Arabi Uniti e Bahrein è il turno del Sudan a concludere un accordo di normalizzazione con Israele. Il caso è significativo, ancorché il Sudan sia lontano dalla scena mediorientale. Truppe del paese parteciparono ai conflitti contro Israele. A Khartoum, nel 1967,  la Lega Araba pronunciò i tre “no” a qualsiasi intesa con  Israele.

L’incoraggiamento viene da Washington che promette aiuti e copertura politica al nuovo Governo sudanese di civili e militari: ad un paese stremato dai problemi economici il sussidio americano è vitale. Molto si deve all’insistenza del Dipartimento di Stato. Pare che Pompeo telefonasse tutti i giorni a Khartoum per avere il via libera all’intesa, in tempo per presentarla nel bagaglio elettorale del Presidente.

La ricaduta attesa è presso l’elettorato ebraico. Tradizionalmente vicino ai Democratici, potrebbe apprezzare il pragmatismo forte dell’Amministrazione repubblicana e desiderare che continui così nel prossimo quadriennio. Strappare altre ciliegie dal gambo: Marocco, Tunisia e Arabia Saudita, il boccone pregiato essendo il Sovrano saudita il Custode dei Luoghi Santi di Makkah al-Makarramah (la Santa Mecca) e Medina.

di Cosimo Risi

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.