Stop ai mercatini di Natale, l’ANVA: ‘Ma Conte sa quante persone lavorano?’

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
15
Stampa
Il Governo Conte ha deciso che non vengano svolti i Mercatini di Natale quest’anno in tutta Italia. Ma il Presidente Conte sa quante imprese ambulanti dei fieristi ci lavora con i Mercatini di Natale?

Migliaia… Il primo Ministro Conte o Presidente del Consiglio, non capisce il danno che sta arrecando a questa categoria, sono ben 11 mesi che non lavoriamo, lui pensa che tra i 600euro, i mille e poi questi ultimi 1500euro che invierà per un totale di 3700euro in un anno, un operatore ambulante può sostenere i costi dell’impresa, delle tasse, il sostentamento della famiglia?

Allora sig. Presidente le propongo uno scambio, si prenda lei questa miseria per un anno e ci dia il suo stipendio, vediamo se riuscirà ancora a fare delle scelte sulla pelle, le imprese, la dignità delle persone, in un anno ci avete ridotto alla fame, altro che Covid-19, la vera epidemia e avere soggetti al Governo che non si assumono reali responsabilità di fronte ad un Paese ed un economia oramai al crollo totale. In questi mesi avete chiesto sacrifici agli Italiani, mentre voi avete mantenuto i vostri privilegi e i vostri stipendi d’oro.

SALVIAMO IL NATALE PER LE TANTE IMPRESE E FAMIGLIE CHE CI LAVORANO, invito tutti gli operatori a comprare una cartolina di Natale ed inviarla a Conte con sopra scritto “Io esisto, non sono invisibile, sono un impresa ambulante ferista, senza i Mercatini di Natale sarò un impresa estinta”.

Buon Natale a Lei che se lo può permettere.

INVITO il Presidente De Luca, i Sindaci, anche in forma di solidarietà e almeno sostegno morale a formalizzare atti e proposte per dare respiro alla categoria, AI PARLAMENTARI vi chiedo di dare voce alle nostre imprese, siete eletti del popolo, dovete ascoltarci e darci voce, per le nostre imprese, il nostro lavoro, le nostre famiglie e la nostra dignità di uomini.

Il Coordinatore Regionale ANVA Confesercenti Campania Aniello Ciro Pietrofesa

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

15 COMMENTI

  1. Perfettamente d’accordo. Lei sportivo che si definisce, dove vive!!! Non si può chiudere tutto, per l’incompetenza dello stato!! Che fanno con 1500 euro di ristoro?? Poi ormai lo dice pure Barnabei del Cts che questa è una malattia che colpisce nel 90% dei casi gli ultra ottantenni!! Senza lavoro non c’è dignità e vita!!

  2. Questi veramente stanno da fuori. Di questo passo a Natale siamo in una tragedia e lui vuole far ammassare la gente davanti alla bancarelle. Siamo alla follia pura

  3. 09:59 – Vive in Italia, dove ci sono le partite Iva che pagano le tasse e gli statali in smart working

  4. Io vivo in un Paese di incapaci e di persone che non rispettano le regole, dal 15 ottobre dico che era meglio una chiusura di tutto, pensa che non sappia del problema epidemia? Io non vivo di fondi statali o altre entrate, io vivo del mio lavoro, io sono un ambulante fierista, sono 11 mesi che non lavoro, non percepisco il reddito di cittadinanza perché e una misura che non condivido, io voglio lavorare per sostenermi, nel massimo rispetto delle regole, Le chiedo, se a Natale possono lavorare tutti, epidemia permettendo, perché continuare ad escludere una categoria che non lavora da 11 mesi e che non ha preteso finora nulla se non di lavorare? Per voi gli untori del virus sono gli ambulanti? Questo Governo non ha avuto neanche la volontà di chiudere i grandi centri commerciali, ha chiuso i piccoli, li il sabato e la domenica altri che lungomare o corso, la gente sta una addosso all’altra. Quindi, rispetto delle regole e di quello che sta succedendo, se crescono i contagi saremo come sempre abbiamo fatto i primi a chiedere la chiusura, ma se i contagi calano e si riapre tutto, perché penalizzare solo noi che lavoriamo all’aperto? Mi risponda solo su questo.

  5. Il problema è Conte, visto che annuncia già il divieto dei mercatini di natale che sono l’ultima nostra speranza, il problema virus lo si risolve con il rispetto delle regole. Secondo Lei e giusto che orde di ragazzini anche minorenni possano restare in strada a fare assembramenti e ubriacarsi e a pagarne le pene siamo noi commercianti in generale? A natale senza i mercatini la gente sul corso la fate sparire? E quelli che si riversano nei centri commerciali? Li per lei il virus non c’è? Ho solo detto e ribadisco sono contro il concetto di negare i mercatini di natale a prescindere dall’andamento della epidemia da parte di Conte, che per me rimane incapace di poter gestire e governare un paese come il nostro, De Luca ha pienamente ragione dell’incapacità di questo Governo, quindi le richiedo se a Natale tutti potranno lavorare, sempre che il virus abbia allentato la sua presa di contagi, ed in sicurezza come previsto dai protocolli sanitari, perché i mercatini di natale non potranno proprio essere fatti? Se cala il virus e i contagi ed aprono tutto Conte dovrebbe far lavorare anche noi, quindi la colpa è di Conte non del virus, io poi vorrei capire che lavoro fa lei, visto che non capisce di casa parliamo lei è solo un leone da tastiera, metta il suo nome e cognome come faccio io, io ci metto la faccia, lei no. Usi lei il suo cervello, lo faccia funzionare adeguatamente vedrà che tante cose le capira anche lei.

  6. E sa pure che gli ospedali sono al collasso. E se magari al presidemte dell’anva viene un coccolone non sanno dove metterlo. Spoegateglielo, eventualmente con un disegno.
    Specifico che sono disoccupato, vivo con la cig di mia moglie, non so o statale e tutti i luoghi comuni degli zangrilli.

  7. dovrebbe sapere che dietro ogni oggetto c’è una catena di persone che lavorano,ma questa è gente che non vuole vedere oltre il proprio naso.

  8. Le partite Iva che pagano le tasse? Con 100 miliardi di euro all’anno di evasione fiscale…e poi vogliono i ristori, gli ospedali che funzionano e i mezzi pubblici. E la colpa è degli statali in smart working.

  9. C’è un virus, si muore. Sì ma io perdo il lavoro. Gli ospedali tra una settimana scoppiano e muori con un’appendicite. Sì ma io devo mettere il piatto a tavola. Se non abbassiamo i contagi siamo nella melma fino al collo. Sì ma io devo lavorare. Vi diamo i ristori, la cassa integrazione e blocchiamo i licenziamenti. Sì ma i soldi sono pochi, io devo lavorare. Non ci sono soldi. Sì ma dobbiamo campare. Si, ma come dobbiamo fare allora? Non lo so, noi dobbiamo lavorare. Ma si può andare avanti così? Sono 9 mesi che va avanti questa canzone.

  10. Lascio solo commentare la foto che presenta il servizio, i Mercatini di Natale sono questi, gente che giustamente passeggia tra le bancarelle in maniera spensierata, godendosi i sapori ed i profumi del Natale, io sono e resto un fautore ed amante dei Mercatini, in tutta Italia, purtroppo questo non è il momento adatto.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.