Carenza Medici, Adinolfi (M5S): “Basta al numero chiuso”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
“E’ possibile che, nonostante la carenza di medici e infermieri nel nostro Paese, si insista con il numero chiuso per i corsi di Medicina e Scienze Infermieristiche? E, poi, cosa facciamo, per rimediare ad anni di mancati investimenti in Università e Ricerca, penalizzando i nostri giovani: andiamo alla ricerca di professionisti di Paesi extra-UE”. Interviene così l’europarlamentare del Movimento 5 Stelle, Isabella Adinolfi, sul bando della Protezione Civile per reperire 200 medici per l’emergenza Covid-19 in Italia.

“Non accetto che si approfitti del momento emergenziale per far passare sottotraccia questi provvedimenti – aggiunge l’On. Adinolfi – Mi auguro che questo modus operandi e il voler persistere con gli accessi a numero chiuso agli studi medici ed infermieristici non nascondano un disegno più complesso e pericoloso per il nostro Sistema Sanitario: far entrare manodopera a basso costo e sfruttarla sia nelle strutture pubbliche che private. Sarebbe un disastro”.

“Non è una battaglia discriminatoria – rincara la dose l’europarlamentare salernitana –  ma in difesa di decine di migliaia di studenti, ai quali andrebbe data un’opportunità seria, e delle loro famiglie, che fanno dei sacrifici per farli studiare. Nella migliore delle ipotesi, dopo la laurea, vanno all’estero o devono aspettare un evento eccezionale per un contratto in ogni caso alla giornata. Nella peggiore delle ipotesi, spazzati fuori dal business del numero chiuso, costretti a cambiare completamente il percorso di formazione”.

“Oggi siamo in affanno, tanto da richiamare in servizio medici ed infermieri in pensione, non oso immaginare cosa potrebbe accadere tra qualche anno – conclude Isabella Adinolfi – Intanto, continuiamo a smantellare il mondo dell’Istruzione, dell’Università, della Ricerca, e non solo nell’area medica. Siamo la Nazione con un numero di laureati di gran lunga inferiore alla media OCSE e con investimenti in istruzione e formazione di gran lunga al di sotto della media, ora più che mai è necessario invertire la rotta”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. Come al solito il pressapochismo grillino. Il problema non è il numero chiuso a Medicina che deve essere mantenuto per assicurare la compatibilità tra numero di studenti e strutture disponibili. Qualcuno ricorda la pletora e il caos delle iscrizioni a Medicina negli anni 70-80? Quello che deve essere evitato è l’imbuto del numero di posti alle scuole di specializzazione. Per ogni laureato in medicina deve esserci un posto in specializzazione. A meno che non si voglia ritornare alla possibilità di accedere ai concorsi ospedalieri solo con la laurea, come era previsto fino a qualche decennio fa.

  2. CON UNIVERSITA’ ITALIANE AL 400 POSTO AL MONDO APRENDO IL NUMERO CHIUSO SFORNEREMMO UNA MAREA DI INCOMPETENTI

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.