Covid. Campania, in dubbio il rientro a scuola del 7 gennaio

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
4
Stampa
Era nell’aria, ora possiamo dire che è ufficiale: il 7 gennaio non si tornerà a scuola in Campania. In un’intervista a «Il Golfo» l’assessore regionale all’Istruzione Lucia Fortini ha escluso la possibilità di un rientro il giorno dopo l’Epifania.
«L’ipotesi al vaglio è che dal 15 gennaio gli alunni delle scuole della Regione Campania possano tornare gradualmente in classe.
Un boccone amaro per il ministro Azzolina che però dovrà inghiottirne anche un altro: «Non siamo d’accordo con il ministro all’Istruzione con il 75%. Questa non è una percentuale giusta anche dal punto di vista organizzativo. Probabilmente una percentuale giusta è del 50%. Per questo ci affideremo all’autonomia organizzativa di ogni scuola facendo in modo che siano i dirigenti scolastici a modulare la percentuale degli alunni in presenza per consentire di lavorare in serenità»
Di certo le aperture saranno scaglionate per classi come peraltro già avvenuto a dicembre dove – ordinanze dei sindaci a parte – sulla carta sarebbero ripartite le lezioni in presenza per scuola dell’infanzia, prima e seconda elementare.

www.edizionecaserta.net

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

4 COMMENTI

  1. Si, non fateli andare piu’. Ormai l’istruzione e’ una cosa secondaria. Meglio a casa a non fare nulla opp i liceali per strada a fumare e assembrarsi nei vicoletti.

  2. probabilmente STANCO non ha pienamente compreso la gravità del momento, e come se nulla fosse accaduto, chiede di andare tutti a scuola. Devono rientrare tutte le elementari e la prima media, APRIRE LE SUPERIORI SAREBBE UNA STRAGE. Ma vedete molti giovani come affrontano la pandemia? Risse ovunque, brindisi ed ubriachi ragazzini in tutte le città, volete che ancora siano assassinati genitori e nonni? Ormai è inutile fare i sentimentali ed i sognatori, riaprire le superiori sarà una strage, poichè non siamo preparati ed organizzati come altre nazioni BASTA.
    se arcuri invece di pensare alle rotelle sotto i banchi avesse organizzato le scuole ed i servizi ( da maggio a settembre) probabilmente una graduale apertura sarebbe stata possibile, oggi non è consentito uccidere altra gente.

  3. X stanco
    Onestamente preferisco che non ci siano positivi. E finiscila fanno la DAD è la stessa cosa tanto chi è capace e ha voglia lo è pure da casa non c’è bisogno di presenza

  4. La scuola o è in presenza o non è scuola. La scuola in presenza o è in totale sicurezza o non è. Prima vivere, poi insegnare.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.