Scuola: le Regioni «sconfessano» il Governo slitta il rientro in classe

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Il 7 gennaio è stata la giornata del rientro a scuola per 5 milioni di studenti dopo la pausa natalizia: sono tornati in classe, con poche eccezioni, i bambini delle materne, delle elementari e i ragazzi delle medie di quasi tutta l’Italia, compresi gli studenti delle seconde e terze medie che in alcuni territori non hanno frequentato per diverse settimane prima di Natale perchè in zone rosse o in Regioni i cui presidenti (come in Piemonte) avevano emanato ordinanze restrittive rispetto alla normativa nazionale. Ma intanto si allunga la lista delle regioni che hanno deciso di inasprire la stretta per il ritorno in aula al 50% degli alunni delle superiori, «disattendendo» la linea del governo che aveva indicato la data dell’11 gennaio.

Nelle ultime ore, a smentire gli annunci del governo sono stati ben 14 presidenti di Regione. Niente ritorno a scuola lunedì prossimo, ma slittamenti quasi ovunque. Rientro fissato per il primo febbraio in Calabria, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Marche, Calabria; il 25 gennaio in Campania, Emilia Romagna e Lombardia; il 23 in Umbria e il 18 gennaio nel Lazio, in Molise, in Liguria e in Piemonte. La Puglia stabilisce il 15 gennaio e solo la Toscana sembra ancora possibilista sul ritorno lunedì prossimo. Ma si naviga a vista, con la Sicilia che decide la sospensione delle lezioni fino al 30 gennaio.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. finalmente i genitori hanno capito cose’ il Covid..c’è voluto tempo ma alla fine quando hanno capito che pure i bambini sono in pericolo la storia cambia..almeno per i genitori degni di tale nome, per gli altri che dire non esiste definizione per i no DAD, gentaglia senza scrupoli e remore

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.